La Nera e il Bianco, cronaca (breve) di una serata

20 maggio 2010, tutto pronto per il grande debutto al Vecchio Carnera di due piccoli grandi vini. Piccoli, perchè non hanno mai avuto la pretesa di gareggiare con i monstre delle rispettive tipologie (bianco e rosso), ma grandi perchè hanno un sacco di pregi.

La Nera dei Baisi di Albino Armani e Filii di Pojer&Sandri erano infatti i due vini protagonisti della serata. E a distanza di una settimana ancora non si è spenta nei partecipanti l’eco della piacevolezza dell’evento…perchè davvero è stata per tutti una bella serata.

Interessante, curiosa, stimolante, gradevolissima sotto il profilo dell’accoglienza – nella saletta riservata del Vecchio Carnera si sta proprio bene- e della ristorazione (un bravo allo chef), ha voluto essere anche innovativa nel format.

In genere infatti le sorprese arrivano sul finire di un evento…al Vecchio Carnera invece hanno aperto i giochi.

Ad accogliere i fortunati amici che si erano registrati per partecipare sono stati infatti i calici di Champagne serviti dall’oste Giuliano e le fette succosissime delle squisite mele (rigorosamente bio)Gold Rush di Roberto del Maso del Gusto, la prima azienda agricola certificata biologica del Trentino, specializzata in mele e pere biologiche, fresche ed essiccate. Il tutto offerto all’aperto.

Champagne e mele al posto dei soliti stuzzichini: un inizio decisamente poco ortodosso.

Si è poi proseguito nella saletta, tra immagini, mappe e racconti: Giampiero Nadali ha raccontato per fotografie e mappe geografiche i luoghi d’origine di entrambi i vini, per meglio introdurre tutti alla prova della tavola, lasciando poi il compito di spiegare i vini stessi ai rispettivi titolari: Mario Pojer per il suo bianco “Filii”, ovvero “il Riesling e i suoi eredi: Kerner, Incrocio Manzoni, Muller Thurgau” – e i giovani Alberto e Marco dell’azienda Albino Armani per la Nera dei Baisi.

In tavola, le discussioni si sono animate, grazie anche agli interventi di amici giornalisti come Giuseppe Casagrande de “L’Adige” di Trento e Nereo Pederzolli di Rai 3; chi ha apprezzato il Bianco con il risotto, a chi è piaciuta la trota alla griglia con la Nera, chi avrebbe tentato accostamenti gastronomici diversi…il dibattito è ancora aperto.

Infatti, mentre “Filii” si rivela fin da subito un vino molto democratico e di facile accostamento sia con primi che con secondi piatti, per le sue caratteristiche estremamente fruttate, la Nera è un prodotto molto caratterizzato e particolare, per il quale ciascuno deve trovare il “suo” abbinamento.

Il dibattito insomma, è aperto e chiunque può dire la sua: basta andare al Vecchio Carnera e berne un bicchiere. Oppure provare a comprarne online qualche bottiglia e fare con calma un po’ di esperimenti a casa.

E se volete condividere le vostre esperienze, questo blog è a disposizione…

CONDIVIDI CON

Un commento

  1. Ciao. Mi dispiace per il mio italiano, sto iniziando a studiarlo. Per favore aiutatemi. Sono sposato con italiani. i primi tre mesi tutto epoch bello, ma ora mio marito mi fa uno schiavo! Egli non cycle permesso di socializzare con i miei amici, non lasciare l'appartamento! rende la cucina e la pulizia tutti i giorni. Ho cercato di spiegargli che anche io, e la gente vuole avere pulse libero. Mi e` stato consigliato qui http://www.touquetventes.com/home/ be stricken e` spiegato. ma non e` cambiato nulla dopo che! mi aiuti per favore do spiegare a mio marito che anche io sono un uomo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *