Omaggio ad Andrea Zanzotto

C’entra poco, con questo blog dedicato ad metodo classico trentino, la notizia della morte di Andrea Zanzotto, avvenuta oggi. C’entra poco almeno apparentemente. Il vino e, lasciatemelo dire, ancor di più lo spumante metodo classico, posseggono qualcosa che li accomuna alla poesia: la leggerezza aerea ed eterea, della parola e del perlage, che induce all’intuizione profonda dell’infinito. Leggerezza e profondità, ecco il senso della poesia. E anche il senso più profondo di una coppa di metodo classico. Andrea Zanzotto è stato un grande intellettuale e poeta del Novecento e mi mancherà. Su questo blog posto una sua poesia in veneto. La compose per il Casanova di Fellini a metà degli anni Settanta. E sono anche i versi che me lo hanno fatto conoscere la prima volta. Per questo mi piace riproporla qui. Ciao Andrea.

 
Vera figura, vera natura,

slansada in ragi come ’n’aurora

che tuti quanti te ne inamora:

aàh Venessia aàh Regina aàh Venusia

to fia xé ’l vento, siroco e bora

che svegia sgrisoli de vita eterna,

signora d’oro che ne governa

aàh Venessia aàh Venegia aàh Venusia

Testa santissima, piera e diamante,

boca che parla, rece che sente,

mente che pensa divinamente

aàh Venessia aàh Regina aàh Venusia

par sposa e mare, mora e comare,

sorela e nora, fiola e madona,

ónzete, smólete, sbrindola in su

nu par ti, ti par nu

aàh Venessia aàh Venòca aàh Venessia

Metéghe i feri, metéghe i pai,

butéghe in gola ‘l vin a bocai,

incononàla de bon e de megio;

la xé imbriagona, la xé magnona,

ma chissà dopo ma chissà dopo

cossa che la dona!

Mona ciavona, cula cagona,

baba catàba, vecia spussona,

Toco de banda, toco de gnoca,

Squinsia e barona, niora e comare,

sorela e nona, fiola e madona,

nu te ordinemo, in sùor e in laòr,

che su ti sboci a chi te sa tòr.

Filò. Per il Casanova di Fellini,
con una lettera e cinque disegni di Federico Fellini -
trascrizione in italiano di Tiziano Rizzo,
Edizioni del Ruzante, Venezia 1976

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Cosimo Piovasco di Rondò

Chi può dire di che carne son fatto? Ho girato abbastanza il mondo da sapere che tutte le carni sono buone e si equivalgono ma è per questo che uno si stanca e cerca di mettere radici, di farsi terra e paese perché la sua carne valga e duri qualcosa di più che un comune giro di stagione [...] . Così questo paese dove non sono nato, ho creduto per molto tempo che fosse tutto il mondo. Adesso che il mondo l'ho visto davvero e so che è fatto di tanti piccoli paesi non so se da ragazzo mi sbagliavo poi di molto. Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente , nelle piante, nella terra c'è qualcosa di tuo che anche quando non ci sei resta ad aspettarti C. P.

You may also like...

Commenti