Peppe Muscella non è un ex e non è ancora a La-Vis

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Gentilissimo Dott. Piovasco,
vorrei precisare, prendendo spunto dall’articolo pubblicato sul
Trentino Wine Blog
, che il mio nome è stato inserito tra la squadra
di esperti che rilanceranno la cantina LA-Vis.
Nel segnalare che l’associazione del mio nome con la prestigiosa
Cantina, a fianco dei migliori nomi dell’enologia italiana, mi
lusinga particolarmente, mi permette di affermare che effettivamente
sono in corso trattative per definire una mia collaborazione nel
settore commerciale, ma sopratutto mi obbliga a ricordare che risulta
erroneo il riferimento riportato, quale “ex” della Azienda Villa
Medoro, prestigiosa cantina, con la quale continuo invece ad essere
legato da vincoli contrattuali e professionali, che rimangono di
grande importanza per la mia attività nel meraviglioso mondo del
vino.
Ringrazio anticipatamente la redazione, che vorrà pubblicare questa
mia piccola precisazione.
Peppe Muscella

Leggi anche:

Cosimo Piovasco di Rondò

Autore
Cosimo Piovasco di Rondò

Di famiglia nobile e conservatrice, il giovane Cosimo è costretto a seguire rigide regole di etichetta, che spesso non riesce a comprendere e a sopportare; è quindi spesso in lotta con il padre, severo e legato alle tradizioni, che lo vorrebbe vedere obbediente e rispettoso delle regole. Cosimo però è un ragazzo ribelle, e pur di non accettare passivamente una situazione che non gli piace, si rifugia sugli alberi, sperando così di sfuggire al padre e alle sue angherie. Cosimo giura in risposta alle minacce del padre che non toccherà più terra finché vivrà; sarà di parola, perché quando sentirà vicina la morte passerà una mongolfiera a cui si attaccherà, e sparirà quando la mongolfiera avrà appena attraversato l’oceano. Cosimo vede le vicende del suo tempo da una prospettiva inusuale, in modo distaccato, perché segue la vita quotidiana della gente in disparte, rendendosi in questo modo conto che l’unico modo per essere veramente vicino agli altri è distanziarsene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *