La banda dei Cosimi&Co si allarga

paola attanasio Scrivo questo breve post per dare il benvenuto alla nuova collaboratrice che da qualche giorno, e credo ve ne siate già accorti, si è aggregata alla banda dei Cosimi&Co. E così, ne approfitto anche per presentarvela. Si chiama Paola Attanasio ed è una brava fotografa pugliese. Anzi no: salentina. Perchè il Salento è tutto un mondo a sé. E’ nata nelle campagne di Brindisi e lì’ ha deciso di continuare a vivere e a fare il suo lavoro. Lì ha deciso di scattare le fotografie che rappresentano il suo mondo interiore, ma anche il mondo della sua gente. Che poi, a ben guardare, è il mondo di tutti noi. D’ora in poi sarà lei ad occuparsi direttamente dell’apparato fotografico di Trentino Wine Blog. Lo sta già facendo da qualche giorno e mi pare con ottimi risultati. Paola è una grande, e scrivo grande sapendo cosa scrivo, fotografa del sud. Non ne ha mai fatto un lavoro, perchè il suo è un approccio alla fotografia estremamente poetico. E la poesia per essere poesia non può essere un lavoro. Ma questo è il suo, vero, mestiere. Sottolineo anche la sua appartenenza territoriale, il sud, perchè credo traspaia forte dai suoi lavori, così intimamente legati agli elementi della natura: la terra, il mare. E la luce. La luce bianca e abbacinante del Salento. Dentro questo perimetro, e tutt’intorno, donne, uomini, e oggetti. Un mondo vitale e colorato che interagisce in continuazione con il contesto e che dentro il contesto si radica e si ricrea ogni volta diverso. Paola non è una fotoreporter, questa non è stata la sua formazione. La sua è la grammatica dell’estetica e della semantica applicata alle immagini. Il suo è un occhio che vede, e ci insegna a vedere, ciò che di solito non siamo abituati a guardare e a cogliere. Il suo non è uno sguardo pulito, né vergine. Perché è fortemente sovrastrutturato e carico di punti vista e di pensieri già  elaborati e analizzati ancora prima di diventare immagine fissa. Le sue foto sono densamente costruite, come un’architettura minuziosa e barocca. Ma questo, paradossalmente, rende le sue opere capaci di una freschezza autentica e rigenerante.

Con queste quattro parole, la presentazione è finita. E auguro a Paola Attanasio buon lavoro. Anzi buon mestiere. Pregandola di provare a sopportare le intemperanze della banda dei Cosimi&Co. Noi, per parte nostra, cercheremo di fare altrettanto!

CONDIVIDI CON

7 Commenti

  1. Paola


    Anonimo:

    …ti ringrazio mapi, spero davvero di esserne all’altezza! una cosa è certa: mi diverto molto a trasformare in immagini gli articoli di cosimo…
    leggo che sei pugliese, di dove precisamente?

    paola

  2. mapi

    Da pugliese e innamorata di quella nostra perla che è il Salento, auguro a Paola Attanasio di ” portare , attraverso le sue foto, tutta la poesia e la magia di un lembo di terra incantato e incantevole…tra i più belli e affascinanti del mondo!

    1. Paola

      …ti ringrazio mapi, spero davvero di esserne all’altezza! una cosa è certa: mi diverto molto a trasformare in immagini gli articoli di cosimo…

      leggo che sei pugliese, di dove precisamente?

      1. mapi

        Sono di Terra di Bari, Paola, per la precisione vivo nella Murgia dei Trulli e delle Grotte. Quella degli ulivi secolari e delle bianche masserie, a 20 chilometri dal mare…ma amo anche il Salento , le sue suggestioni paesaggistiche e culturali, il suo patrimonio di tradizioni popolari. E non dimentichiamo che la Puglia è anche terra di grandi vini, ed il Salento , in particolare. Gli articoli di Cosimo sono sempre brillanti…è una scommessa trasformarli in immagini , concordo. Ma sono certa che ci riesci e ci riuscirai molto bene. Perchè sono uno stimolo alla creatività più libera. Grazie , Paola e buon lavoro!

  3. Avvertenza: questa è una email (fiirmata con nome e cognome) inviata in privato alla redazione del blog. Ci pare utile pubblicarla fra i commentil. Molto utile.

    salute

    grazie per le puntuali informazioni sulla viticoltura trentina.
    non sono un esperto conoscitore ma le notizie mi aiutano
    a capire gli intrecci della politica e le alchimie dell’assessore
    mio compaesano.

    Personalmente guardo con riverente timore e molte preoccupazioni le decine di
    bonfiche che vengono realizzate nella fascia pedemontana e mi sorge
    spontaneo chiedermi se l’oggetto dell’investimento è la produzione di vino di
    qualità o è la bonifica stessa sospinta sembra da considerevoli contributi.

    Tempo al tempo ma sono certo conoscerete alcune delle produzioni fatte
    nelle bonifiche della zona di Ala. Per alcune i commenti sono all’insegna della sconforto
    o peggio dell’ironia.
    cordialmente e buon lavoro

  4. Era normale che con tanti Cosimo in circolazione (Cosimo é un nome estremamente diffuso in Puglia e nel Salento in particolare) una salentina, bravissima e di grande talento come l’Attanasio, entrasse nel team di Trentino wine blog!
    Ottima scelta, complimenti a Cosimo e buon lavoro a Paola

    1. Paola

      dott. ziliani, sapere che il punto di vista del mio sinistrocchio L’abbia divertito e attirato la Sua attenzione, è per me motivo di grande gioia ed orgoglio. Mi auguro che il mio mestiere fotografico sia davvero utile a Trentino Wine blog e non deluda le aspettative di Cosimo che, nonostante le mie “intemperanze” caratteriali e il mio “sguardo
      obliquo” sul mondo, si fida di me.
      Paola Attanasio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *