Trentino Wine Award aprile 2012: 823 Maso Michei Albino Armani

MasoMichei823 trento

Torna ad aprile il il Trentino Wine Award. Dopo l’edizione di febbraio che avevamo assegnato alla direttrice del Mart di Rovereto Cristiana Collu per il suo Wine for Art, Wine for Mart (Qui e Qui), oggi abbiamo preso al balzo, e senza tentennamenti, il suggerimento postato questa mattina da un commentatore del blog, il signor Wyatt. Che ha scritto testualmente: Fate/facciamo in modo che questa bottiglia così etichettata che precorre i tempi, si erga quale paladino della denominazione TRENTO e funga da esempio per altri coraggiosi Vignaioli, contadini con la C maiuscola…. La bottiglia a cui fa riferimento il signor Wyatt è quella del Metodo Classico Blanc de Noir 823 prodotta da Maso Michei – Albino Armani (per ulteriori informazioni qui il link alle note di degustazione postate ieri da Franco Ziliani su Le Mille Bolle Blog). Bottiglia senza etichetta, che però evidenzia sulla contro-etichetta la parola TRENTO. Abbiamo aderito subito all’invito a darci da fare e abbiamo deciso, senza ripensamenti, di assegnare l’Award di aprile a Maso Michei – Albino Armani. La motivazione è ancora quella suggerita dal signor Wyatt: “Mi complimento direttamente con il produttore per la scelta di denominare lo spumante TRENTO (finalmente !!!) che ha tolto dalle palle l’appendice doc, ma soprattutto per la realizzazione di un prodotto che saprà dare soddisfazioni in prospettiva…”. I Cosimi, i Paperini e anche i Paolini si associano.

Leggi anche:

Lascia un commento

18 Commenti a "Trentino Wine Award aprile 2012: 823 Maso Michei Albino Armani"

Notifica
avatar
Ordina per:   più recenti | meno recenti | più votati
Gianni Morgan Usai
Autore

E' l'ora di Trento… è sempre l'ora..

( quasi come i pavesini degli anni '60…)

Lavoratoreit
Autore

Ma non avete altro a cui pensare voi?

Wyatt
Membro

No, non abbiamo altro a cui pensare, se non a far perdere tempo a te che, evidentemente, leggi e commenti pure sul blog….

Curiosa&Sospettosa
Membro

E tu lavoratore, niente da fare il sabato pomeriggio? Vai dalla morosa, vai…

trackback

[…] commento sull’823 Trento di Tognotti/Armani, i successivi tre interventi di un nostro lettore (Claudio in coda al Trentino Wine Award di aprile) ci danno la sua visione su questioni che vanno al di là del nome da riportare in etichetta. Essa […]

Itagiada
Membro
Caro Giuseppe, bella domanda! In poche righe lei ha riassunto i dubbi e le riflessioni che si pongono da almeno un lustro quasi tutti I trentini che in qualche modo siano coinvolti o legati al mondo del vino. Non c’è LA risposta ma una serie di dati e considerazioni che finora sono stati ignorati o sottovalutati per pigrizia o comodità e solo facendo un certo percorso con rigor logico si arriva a comprendere pienamente la realtà, ma non la realtà percepita in Trentino, ma quella vera, quella reale, quella vissuta sia dai consumatori che dagli operatori in Italia e all’estero.… Continua a leggere »
Giuseppe Tognotti
Autore

Scusi se insisto sig.Claudio,perche’ noi trentini non riusciamo a comunicare ne territorio,ne marchi o qualsiasi altra cosa, dopo anni che investiamo denaro in quantita’ industriali per la promozione il risultato e’ sempre quello,si ordina un trentodoc ripeto trentodoc e ci servono prosecco…….

Vignaiolo in aspetta
Autore

Signor Claudio per Franciacorta??????

Itagiada
Membro
Buongiorno sig Vignaiolo, per il Franciacorta vedo di dare una spiegazione razionale: innanzitutto come sappiamo hanno evitato di chiamarlo BRESCIA, forse perchè il solo pensiero di andar al bar e chiedere un “Brescia” li ha fatti desistere dalla tentazione. Franciacorta perchè hanno seguito l’esempio dello Champagne usando per denominazione una zona: le Corti Franche dove in passato erano insediati i monasteri e forse anche perchè quel nome Francia… stava subito ad indicare a cosa si mirava. Sempre per stare in argomento i “Franciacortini” o meglio i bresciani, tanto per non essere proprio così diversi dai francesi come qualcuno suggerisce, hanno… Continua a leggere »
Itagiada
Membro
Sarebbe bene non cadere nella tentazione di intorbidire le acque più di quanto già non lo siano. L'articolo di Anna intitolato “I Magnifici 4…” si richiama ai pregi dell’illuminismo mentre qui invece ho l’impressione che si arretri un tantino verso l'oscurantismo. Se posso contribuire a fare un pò di chiarezza mi si consenta di dire che l’etichetta dello spumante Maso Michei di Armani è l’etichetta “legale”, ovvero riporta tutti i dati nel format richiesto dalle leggi europee per la commercializzazione dei vini e dal disciplinare di produzione al quale fà riferimento il produttore. Tutti (dico tutti) i produttori trentini di… Continua a leggere »
Cosimo Piovasco di R
Autore
Gentile signor Claudio, innanzitutto: grazie. Per le sue documentate ed esaustive spiegazioni circa l'impiego delle etichette. Per il resto parto dalla conclusione del suo commento. Dunque, Trentino Wine Blog, lo dice la parola stessa, è un semplice blog. Non è una guida ai vini del Trentino, non è una testata giornalistica, non è un manuale accademico. E' solo un blog. Scapigliato e scanzonato, come ha simpaticamente detto qualcuno. E i suoi Award sono altrettanto scanzonati. E provocatori. Tanto che il primo lo avevamo assegnato ad una raffinata intellettuale sarda che dirige il museo di arte moderna e contemporanea di Rovereto… Continua a leggere »
Wyatt
Membro

Quoto, ovviamente…..

piripicchio
Membro
Grazie Claudio per i chiarimenti sul come si usa la DOC Trento in etichetta. A forza di pompare il Trentodoc la confusione era da mettere in conto. Quello che mi preme chiarire, non ai lettori che già lo sanno, è che siamo contro questo Trentodoc ed in favore del "TRENTO" e basta nella comunicazione. Sostenere che "… il logo TRENTODOC registrato dalla Camera di Commercio, beh è senz’altro una facilitazione per per chi fà marketing collettivo perchè più riconoscibile e di facile applicazione grafica sui più disparati veicoli di comunicazione…" puzza di mistificazione ed è concettualmente sbagliato perchè "doc" è… Continua a leggere »
Itagiada
Membro
Caro Massarello capisco che il marchio TRENTODOC, per qualche ragione che ancora mi sfugge, vi và di traverso per cui magari leggendo più frequentemente le vostre osservazioni magari capirò il perchè. Per me l’idea ed esecuzione del marchio è accettabile. Aggiungo che per gli operatori esteri del settore, in particolar modo per quelli dei Paesi emergenti dal punto di vista del consumo del vino, DOC è sinonimo di maggiore qualità rispetto ad un vino non DOC. La gran parte degli operatori esteri ha fatto dei corsi di sommelier, legge libri, riviste ecc. e tra le prime cose che ha imparato… Continua a leggere »
trackback

[…] postato questa mattina da un commentatore del blog, il signor Continua a leggere la notizia: Trentino Wine Award aprile 2012: 823 Maso Michei Albino Armani Fonte: […]

Giuseppe Tognotti
Autore

Grazie signor Cosimo piovasco di questo speciale premio,complimenti per il suo/vostro blog sempre chiaro e molto lungimirante,continuate così .

trackback

[…] background-position: 50% 0px; background-color:#222222; background-repeat : no-repeat; } http://www.trentinowine.info – Today, 6:51 […]

wpDiscuz