TRENTO, macchebbellezza!

823 maso michei

Scrivo dal tablet. Mentre il pranzo pagano di primavera è ancora in corso. Un sacco di bottiglie, tutte Trento Doc naturalmente. Una figata. Anzi, una strafigata. ll mio ospite ci sa fare. Ma mi prendo due minuti per scrivere di una delle etichette che mi passano davanti. E dico subito che non si tratta di una marchetta. Perché, almeno oggi, non ho voglia di fare marchette. E poi, il produttore di questa bottiglia è amicissimo di Cosimo Junior: loro due sono quasi fratelli. E invece sta fragorosamente sulla minchia a Cosimo Senior alias Paolino Paperino (io). Quindi non do giudizi su questo Metodo Classico. Che pure mi ha impressionato. Non saremmo credibili. Non sarei credibile. Mi fermo alla bottiglia. All’etichetta. Dunque, l’etichetta non c’è. Tutto è rimandato ad un discreto cartoncino ceralaccato sul collo. Ma non mi interessa nemmeno questo. Quella che mi interessa è la contro-etichetta. Altrettanto discreta. Un francobollo orizzontale. Dove domina statuaria la parola “TRENTO”. Scritta appena sopra la dicitura – con un  corpo molto più piccolo -“Denominazione di Origine Controllata”. Chi si è inventata questa formula è ’un giovane produttore che non ha aderito al brand TRENTODOC. Avrà avute le sue buone ragioni. Come dicevo prima, è un soggettone con cui non ho rapporti: né amichevoli né commerciali. Quindi non conosco la ragione per la quale si sia tenuto lontano dal marchio della Camera di Commercio. Però ha evidenziato la parola “TRENTO”. Sulla contro-etichetta di una bottiglia senza etichetta. Mi fa il medesimo effetto di un “Ti amo”. Un ti amo dedicato al Trentino. Un ti amo sincero. Che potrebbe costargli caro. Carissimo. Eppure, questo TRENTO, messo lì, così, fa un effettone. E mi emoziona.

Ps: la bottiglia è 823 – TRENTO DOC – Maso Michei – Albino Armani

Leggi anche:

Lascia un commento

15 Commenti a "TRENTO, macchebbellezza!"

Notifica
avatar
Ordina per:   più recenti | meno recenti | più votati
trackback

[…] senza tentennamenti, il suggerimento postato questa mattina da un commentatore del blog, il signor Wyatt. Che ha scritto testualmente: “Fate/facciamo in modo che questa bottiglia così etichettata che […]

trackback

[…] era nato, e vuole continuare ad essere così, come una specie di TRENTINO TI AMO (un po’ come l’etichetta di cui abbiamo scritto l’altro giorno). E che certe notizie escano dai confini del Trentino, […]

Wyatt
Membro

A Paolino Paperino: fate/facciamo in modo che questa bottiglia così etichettata che precorre i tempi, si erga quale paladino della denominazione TRENTO e funga da esempio per altri coraggiosi Vignaioli, contadini con la C maiuscola…

Cosimo Piovasco di Rondò
Autore

Proposta accettata… entro questa sera…. ci inventiamo..qualcosa….. ora mettiamo in moto i nostri cervelloni…. del marketing… (i nostri non quelli dell’Istituto…eh…)

Giuseppe Tognotti
Autore

Grazie al sig.Ziliani ed al sig.Wyatt di averne parlato.

Giuseppe Tognotti
Autore

Una precisazione per il sig.Wyatt ,le viti che producono questo nostro modesto metodo classico sono situate ad una altitudine di 823 m fino ad 890m…..

Wyatt
Membro

…ops…!!! Sono scivolato sull’altimetria, chiedo venia!
Mi complimento direttamente con il produttore per la scelta di denominare lo spumante TRENTO (finalmente !!!) che ha tolto dalle palle l’appendice doc, ma soprattutto per la realizzazione di un prodotto che saprà dare soddisfazioni in prospettiva….

Cosimo Piovasco di Rondò
Autore

Per la prima volta su questo blog, un produttore e un consumatore (competente e consapevole) si confrontano su una bottiglia: mi pare… una gran bella cosa. E un gran bel risultato per questo piccolo blog di provincia. Grazie Wyatt e grazie Giuseppe!

Wyatt
Membro

Caro Cosimo, possibile che di avvinazzati a parte Voi, ci sia solo io o pochi altri interessati a postare quattro note di degustazione?
Sarebbe interessante che il blog diventasse una finestra importante, oltre che di lettura, di confronto su degustazioni e vini consumati (con eventuali abbinamenti gastronomici, perchè no) per appassionati e Vignaioli.
L’elemento di confronto tra bottiglie degustate, annate ecc., con relativo scambio di esperienze farebbe crescere tutti; costituirebbe oltremodo un interessante viatico volto alla conoscenza, e farebbe scaturire la voglia di visitare assieme le Cantine…per gli iscritti al blog e simpatizzanti, ovviamente!!!

Cosimo Piovasco di Rondò
Autore
Dunque, caro Wyatt quello che suggerisci e auspichi tu mi trova completamente d’accordo. E già te lo scrissi qualche post fa. Vediamo di trovare insieme una formula per attirare qui appassionati degustatori, assaggiatori. Facciamo girare la voce. Noi del blog possiamo impegnarci a creare uno spazio dedicato e ben visibile. E anche, ogni tanto, ad inserire le nostre sensazioni sulle bottiglie che beviamo. Ma sarebbe utile far girare la voce … se tu puoi cerca di farlo.. . Intanto facciamo preparare lo spazio… ma se ti va dacci una mano anche tu.. magari cominciando a postare. Non nei commenti ma… Continua a leggere »
Wyatt
Membro
Ciao Cosimo, da parte mia nessun problema, l’unico dubbio è costituito dal fatto che (per fortuna) non si beve solo trentino; ad esempio, stasera in un noto wine bar della Città della Quercia si tiene un’interessante degustazione di Sancerre e Pouilly Fumè (a dirla tutta sarebbe stato interessante confrontarli alla cieca con un Voglar e un Lafoa)…e domani sera, in altra location, c’è in programma una grande barolata (due batterie da quattro vini e una da tre) con i top di gamma degnamente rappresentati e una batteria finale della macchina del tempo…..ergo sarebbe il caso di postare un paio di… Continua a leggere »
Giuseppe Tognotti
Autore

solo per precisare sig Wyatt che le viti che producono questo mio modesto metodo classico partono da una altitudine di 823 metri fino ad 890m…….

Franco Ziliani
Membro

ho scritto anch’io oggi del Trento Doc, non TrentoDoc, di Maso Michei, qui:
http://bit.ly/Ie5npb

Wyatt
Membro
Buongiorno Franco, recentemente ho avuto modo anch’io di assaggiare l’823; è uno spumante fuori dagli schemi, non certo “facile” essendo anche un prodotto a base di pinot nero (i vigneti si trovano a quota 700/800 m. circa) e Pas dose’. La sensazione iniziale è stata quella di essere davanti ad un prodotto estrememente “verde” in termini di sentori gusto-olfattivi a prevalenza citrina, in bocca piuttosto ampio con buona struttura e persistenza finale. E’ sicuramente uno spumante interessante, da tener d’occhio, che darà il meglio di se tra qualche tempo (tre stelle e mezzo la mia personale valutazione) Quanto al TRENTO… Continua a leggere »
trackback

[…] etichette che mi passano davanti. E dico subito che non si tratta di Continua a leggere la notizia: TRENTO, macchebbellezza! Fonte: […]

wpDiscuz