TRENTODOC: quel che si dice e quel che non si dice

Trentodoc_in_CentroOggi la stampa fa il resoconto sulle conclusioni della seduta del CdA dell’Istituto TRENTODOC, avvenuta ad inizio settimana. Il tema è ancora quello della contesa farsesca sull’uso e la titolarità  del brand commerciale, una giostra impazzita che si muove a pendolo fra Camera di Commercio, Consorzio Vini, Trentino Marketing e Istituto. La questione, come sappiamo bene, è piuttosto seria. E di mezzo non ci sono solo gli ideali e i cavilli legali. Ci sono anche soldi. Parecchi. Una cifra vicina al milione di euro, ovvero il budget che la Provincia mette a disposizione per le politiche di promozione del Trento. Il consulente-direttore Fabio Piccoli annuncia un incontro interlocutorio con gli altri attori di questa partita. Pare sia già stato messo in calendario per il prossimo 24 aprile. Vedremo come andrà a finire. Ma i presupposti non fanno ben sperare.

Ci sono però alcune altre cosette che i giornali di oggi non dicono. E probabilmente non per colpa loro. In queste settimane i trentodocchisti, infatti, dovrebbero decidere, o aver già deciso, anche su un altro paio di questioni non insignificanti. Su cui, tuttavia, è calato un enigmatico e inspiegabile silenzio. In questi giorni, infatti, sul tappeto c’è anche la partita dell’incarico di comunicazione web (in sostanza la gestione del sito TRENTODOC e la diffusione del marchio sui social network); incarico per il quale l’Istituto nei giorni scorsi aveva chiesto proposte e preventivi ad alcune aziende. Una decisione si sarebbe dovuta prendere l’altra sera, dopo un attento esame delle offerte pervenute al CdA. Ma di questo, nelle rassegne stampa di oggi, non si parla. Cosa ha deciso l’Istituto? Chi sarà il Comunicatore di TRENTODOC per il prossimo anno? Insomma con chi dovremmo relazionarci, d’ora in poi? Per ora non se ne sa nulla. E intanto il sito istituzionale sprofonda sempre più nel ridicolo: in prima pagina compaiono ancora le inutili news di dicembre. Vedere, anzi navigare, per credere. Altra questione aperta, è quella che fin qui abbiamo catalogato come “Festa dei Giovani TRENTODOC”. Quello che a gennaio, con la consacrazione dell’assessore all’Agricoltura e al Turismo Tiziano Mellarini, era stato annunciato come l’evento più happy few dell’anno, l’occasione per diffondere presso il pubblico giovanile lo stile TRENTODOC; e che, secondo le indiscrezioni trapelate nelle scorse settimane, sarebbe stato messo in calendario per l’ultimo fine settimana di maggio al Castello del Buonconsiglio di Trento. Ma le indiscrezioni, e le notizie, finiscono qui. Visto che manca solo poco  più di mese, e visto che i tempi sono stretti, almeno per mettere in campo una seria operazione di comunicazione dell’evento, Trentino Wine Blog, per quello che può e per per quello che conta, si mette a disposizione gratuitamente dei giovani trentodocchisti, offrendo loro visibilità sul web e sui social network per la promozione di un evento per ora solo annunciato. E annunciato a grandi linee.

Cosimo Piovasco di Rondò

Chi può dire di che carne son fatto? Ho girato abbastanza il mondo da sapere che tutte le carni sono buone e si equivalgono ma è per questo che uno si stanca e cerca di mettere radici, di farsi terra e paese perché la sua carne valga e duri qualcosa di più che un comune giro di stagione [...] . Così questo paese dove non sono nato, ho creduto per molto tempo che fosse tutto il mondo. Adesso che il mondo l'ho visto davvero e so che è fatto di tanti piccoli paesi non so se da ragazzo mi sbagliavo poi di molto. Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. C. P.

You may also like...

LASCIA UN COMMENTO

3 Responses

  1. Massarello scrive:

    Se non fosse che costoro producono bottiglie per venderle alla gente come noi, se non utilizzassero un nome che è di tutti e se non beneficiassero di aiuti pubblici, non avremmo il diritto di ficcare il naso in affari che sarebbero solo loro. Fissare o anche solo alludere alla disponibilità di budget milionari, senza uno straccio di programma su cui discutere è … fate voi. Vero è che a tutt'oggi, la montagna (sempre lei) non ha partorito nemmeno un topolino e l'attesa si protrae da mesi e mesi, snervante ed anche umiliante per le intelligenze messe in campo. Una luce potrebbe accendersi con la promessa risposta del governatore Dellai alla recente lettera aperta di questo sito. Speriamo che non si fulmini la lampadina.

  2. Gli aggiornamenti fermi a dicembre sono una bestemmia nel mare-Magnum del bip bip

    (il bip bip è dell'amministratore del blog)

  1. 19 aprile 2012

    [...] Vini, Trentino Marketing e Istituto. La questione, come sappiamo Continua a leggere la notizia: TRENTODOC: quel che si dice e quel che non si dice Fonte: [...]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: