Un Cordiale Saluto e un a Presto. Firmato Lorenzo Dellai

50252_329563956258_5551329_n“Un cordiale saluto a Voi , rispondo solo per assicurarVi di aver ricevuto la Vostra lettera aperta alla quale fornirò una risposta più completa nei prossimi giorni.
A presto dunque
Lorenzo Dellai”

 

Questo è il breve testo della email che Trentino Wine Blog ha ricevuto oggi pomeriggio dal presidente Dellai. Breve ma significativo. Mi pare che questa sia davvero e finalmente una buona notizia, per il blog e per il mondo del vino trentino. Lo scorso venerdì (era il venerdì di Pasqua), avevamo pubblicato una lettera aperta, chiedendo al presidente di prendere finalmente posizione sui temi delle politiche vitivinicole. E ci eravamo permessi di indicare alcune tracce per un ragionamento comune e condiviso fra i tanti protagonisti di un settore che reclama una guida (autorevole) che oggi ancora non c’è.  A distanza di qualche giorno, Lorenzo Dellai ci fa sapere di aver letto la nostra lettera, ma soprattutto si impegna apertamente a fornire “una risposta più completa nei prossimi giorni”. Ripeto: mi sembra una bella notizia. E soprattutto il segno di una responsabilità politica che, di fronte ad una situazione densa di preoccupazioni e di allarmi, altri hanno mostrato di non avere. Grazie Lorenzo. Ora restiamo in attesa della tua risposta di merito, che, non lo nascondiamo, ci piacerebbe poter pubblicare su Trentino Wine Blog. Confidando, e non abbiamo motivo di pensare diversamente, che il tuo a presto sia davvero presto. Anzi, prestissimo.

Cordiali Saluti

Trentino Wine Blog

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Cosimo Piovasco di Rondò

Chi può dire di che carne son fatto? Ho girato abbastanza il mondo da sapere che tutte le carni sono buone e si equivalgono ma è per questo che uno si stanca e cerca di mettere radici, di farsi terra e paese perché la sua carne valga e duri qualcosa di più che un comune giro di stagione [...] . Così questo paese dove non sono nato, ho creduto per molto tempo che fosse tutto il mondo. Adesso che il mondo l'ho visto davvero e so che è fatto di tanti piccoli paesi non so se da ragazzo mi sbagliavo poi di molto. Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente , nelle piante, nella terra c'è qualcosa di tuo che anche quando non ci sei resta ad aspettarti C. P.

You may also like...

Commenti
  • Giuliano 13 aprile 2012 at 12:32

    Questa è classe!

    E che serva da lezione a chi non ha mai voluto rispondere alle domande di questo splendido blog.

    Qui habet aures audiendi, audiat!

  • Posta il tuo commento

    Threaded commenting powered by interconnect/it code.

Trackbacks