Mapperpiacere

ma per piacereDunque, a margine della Mostra Vini del Trentino, la più alta istituzione culturale trentina di settore, la Confraternita della Vite e del Vino, ha organizzato un paio di cose piuttosto conformate, per non dire conformistiche, per non dire irregimentate. Una Selezione enologica – non un concorso –  improntata all’etereo criterio della piacevolezza di eterogenei vini prodotti da eterogenee uve trentine e una tavola rotonda che, venerdì pomeriggio alle 15 al Buonconsiglio, anticiperà l’apertura della Mostra. A dispetto della tematizzazione interrogativa e piuttosto intrigante, “Trentino fa ancora rima con vino?”, lo svolgimento annunciato induce irrimediabilmente ad un’aprioristica perplessità. A discettare circa le presunte (o inesistenti) rime enologiche trentine, sono stati chiamati un autorevolissimo giornalista enogastronomico romano e due celebri buyer internazionali;  uno esperto del mercato inglese e l’altro espertissimo dei mercati russo – cinesi. Qualcosa che assomiglia all’osservazione del buco del culo di una formica, a partire dalla piattaforma volante di Marte. E pure senza occhiali. La Selezione enologica, i cui risultati finali saranno resi pubblici dopodomani – le degustazioni invece si sono svolte martedì -, si è giocata su un panel di 76 campioni liberamente forniti da 33 cantine. Quasi la metà di questi appartenenti alla Doc champagnista del TRENTO, il resto alle riserve indiane degli autoctoni (ma non tutte): Teroldego, Marzemino,  Enantio, Schiava e  Nosiola.  Interessante. Interessante. Interessante. Anzi, eccitante.

———————————————————

Cosimo Piovasco di Rondò

Chi può dire di che carne son fatto? Ho girato abbastanza il mondo da sapere che tutte le carni sono buone e si equivalgono ma è per questo che uno si stanca e cerca di mettere radici, di farsi terra e paese perché la sua carne valga e duri qualcosa di più che un comune giro di stagione [...] . Così questo paese dove non sono nato, ho creduto per molto tempo che fosse tutto il mondo. Adesso che il mondo l'ho visto davvero e so che è fatto di tanti piccoli paesi non so se da ragazzo mi sbagliavo poi di molto. Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. C. P.

LASCIA UN COMMENTO

4 Responses

  1. Primo Oratore scrive:

    In effetti, Così pare anche a me, o Socrate.
    Ciao, PO

  2. Tex Willer scrive:

    E IO PAGO, E IO PAGO!!!

  3. Lizzy scrive:

    Dopo l’ultima esperienza di tavole rotonde fatta in occasione di Bollicine su Tn, ho deciso che le prossime e uniche tavole rotonde a cui parteciperò saranno quelle dei pranzi di matrimonio.

  1. 17 maggio 2012

    [...] background-position: 50% 0px ; background-color:#222222; background-repeat : no-repeat; } http://www.trentinowine.info – Today, 12:03 [...]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: