Ci siamo dimenticati di Sua Santità

ci siamo dimenticati di sua santita E il Santo Pontefice, non lo avete invitato? No, perché Sua Santità Benedetto XVI non lo abbiamo visto citato nella lunga lista di personalità invitate all’inaugurazione della nuova Cantina Sociale Mori Colli Zugna. Eppure ce lo aspettavamo. Eppure ci sarebbe stato bene anche lui, o un suo Nunzio – chennessò, magari l’arcivescovo tridentino -, accanto alla squadra trinitaria (Schelfi, Dellai, Mellarini) che invece abbiamo vista indicata fra gli ospiti d’onore, con diritto di parola, invitati alla cerimonia prevista per domani e riservata ai 700 soci cooperativi del Basso Trentino. C’è qualcosa di estremamente provinciale (nel senso più deteriore) in questo costume – speriamo solo trentino – di affiancamento organicistico dell’economia assistita alla politica e ai politici. E’ qualche cosa che sta a metà strada fra un tema antropologico e una questione sociologica. E mi fermo qui. Passi per Diego Schelfi, gran capo della cooperazione trentina. Per il quale si prevede la rielezione ad libitum da qui all’eternità – il famigerato quarto mandato in deroga –, giusto fra una settimana. Anche per lui, forse, sarebbe stato consigliabile, per una questione di stile, di aplomb istituzionale, una sorta di semestre – anche solo bimestre -, bianco. Lontano dai riflettori e lontano dalle assemblee. Non foss’altro che per rendere il confronto con i suoi competitori almeno apparentemente leale, almeno apparentemente alla pari. Almeno apparentemente verosimile. Ma così non è stato e così non  è.  Del resto uno lo stile se non ce l’ha, non se lo può dare. Se uno ha sempre mangiato con il tovagliolo infilato fra il bavero e la cravatta, è difficile immaginare possa imparare a posarlo discretamente sul grembo. E quindi passi per la presenza annunciata del Gran Capo Toro Seduto. Ma gli altri due, il presidente Dellai e l’assessore Mellarini: cosa ci azzeccano? Certo, certo lo sappiamo cosa ci azzeccano. Ma sta proprio qui, la stortura, l’obliquità, il peccato d’origine del sistema politico-imprenditoriale (non solo cooperativo)  trentino: in questo sentirsi, della politica e della cooperazione (e non solo), parte di  una grande famiglia. Di una sacra famiglia. E questa è una delle tante chiavi di lettura della fenomenologia enologica, e non solo, trentina.

………………………………….

Condividi

Cosimo Piovasco di Rondò

Chi può dire di che carne son fatto? Ho girato abbastanza il mondo da sapere che tutte le carni sono buone e si equivalgono ma è per questo che uno si stanca e cerca di mettere radici, di farsi terra e paese perché la sua carne valga e duri qualcosa di più che un comune giro di stagione [...] . Così questo paese dove non sono nato, ho creduto per molto tempo che fosse tutto il mondo. Adesso che il mondo l'ho visto davvero e so che è fatto di tanti piccoli paesi non so se da ragazzo mi sbagliavo poi di molto. Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente , nelle piante, nella terra c'è qualcosa di tuo che anche quando non ci sei resta ad aspettarti C. P.

leggi anche questi articoli...

LASCIA UN COMMENTO

10 Responses

  1. Tex Willer scrive:

    E’ già bisognava scomodare anche il Papa.
    Che squallidi, anche voi come quelli di Repubblica…

    • Cosimo Piovasco di Rondò scrive:

      Tex…. ti manca Kit (Carson)… senza l’ironia e l’esperienza del vecchio cammello (e puttaniere)…. sei solo un solitario (e inutile) pistolero…..(papa permettendo…)

  2. …..non ci sono più parole…..semplicemente delizioso….

  3. il Conte scrive:

    Comunico da parte della nobiltà romana papalina (nobiltà “nera”) che il SS Padre non può intervenire perchè alla ricerca delle sante pantofole che saranno presto pubblicate in quattro volumi. Che dopo tre anni e un sacco di soldi è giusto far festa; che basta dividere i “quasi” ettolitri ed i conferenti, per essere tutti contenti. Che siamo fatti così perchè dopo la visita alla cantina saremo tutti cacciati fuori, stampa inclusa, perchè i buffet costano e sono solo per VIP !

  4. .. è probabile che, a breve , Corvi oltre-Tevere permettendo, ci possa essere un nuovo Concilio di Trento.. ( vini esclusi..)

    Un saldatura ideale con festival Economia.. sembrerebbe auspicabile..

    Meno con Tex Willer ( ma siamo sicuri che Tex avrebbe proprio parlato come ha scritto in questo blog..? )

    Insomma un nuovo Giubileo Ideal.Vinicolo potrebbe inondare Trento e provincia ( Torbole compresa..)

    Altro che Encicliche..!

    La triade sembra perfetta.. ma anni fa la gloriosa PFM sfornava un pezzo intitolato ” IL Banchetto”…

    Chi è il Poeta dei 3…?

    • Tex Willer scrive:

      Ma certo che no!
      Ma sappi che dietro a Tex Willer si cela un adulatore del Papa e del pensiero cristiano, ma che dico adulatore un fanatico!
      W il Papa, W il cristianesimo (anche se costa sacrificio qualche volta)!
      Dopotutto se abbiamo ancora il vino è anche grazie al bisogno di celebrare la messa.

  5. Due voci possenti ha il mondo: la voce del mare e la voce della montagna.

    William Wordsworth

  1. 9 giugno 2012

    [...] background-position: 50% 0px ; background-color:#222222; background-repeat : no-repeat; } http://www.trentinowine.info – Today, 1:27 [...]

Lascia un Commento

Login with your Social ID

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Loading Facebook Comments ...
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: