Fermateli!

fermateli

Come vi sarete ben accorti, da qualche giorno non scrivo più né di TRENTO nè di TRENTODOC. Non perché siano mancate, o manchino, le notizie. Anzi, anzi. Basta leggere il quotidiano Trentino di ieri (titolo: Trentodoc, tante bollicine per nulla), per rendersi conto di quale  sia il pasticcio e di quanto sia pasticciato l’affaire TRENTODOC. No, non ne ho scritto solo, diciamo così, per cortesia nei confronti dei giovani produttori, il fantomatico gruppo dei giovani trentodocchisti, che l’altra sera, giovedì sera, avevano messo in programma l’evento TRENTODOC EXPERIENCE. Non volevo rovinare loro la festa. Ma ora che la festa è finita, mi sento libero di fare qualche osservazione. Al Buonconsiglio, l’altra sera, ci sono stato. E per la verità non mi sono divertito. Il castello conciliare trasformato in una rumorosa discoteca non mi è parso adeguato: né alle mie personali inclinazioni, né, tanto meno, alla mia personale interpretazione del Metodo Classico. Del resto non mi è parso ci fosse il pienone: 300/400 giovani ad occhio e croce. Comunque, non entro nel dettaglio di questo evento giovanile e giovanilistico, forse sono troppo avanti con gli anni per capirne la sintassi. E comunque, contenti loro, i giovani del TRENTODOC, contenti tutti.

Epperò, però qualcosa da dire a questo proposito, ce l’ho. Dunque, l’evento in questione, comunicato mi pare piuttosto artigianalmente – facebook e una noiosetta e zoppicante noterella stampa diffusa nei giorni immediatamente precedenti a giovedì, che non ha suscitato la curiosità della stampa né prima né dopo –, è stato accompagnato da una fotissima di regime. Quella che vedete pubblicata qui sopra e che ritrae i ragazzi del Metodo Classico trentino stretti, felicemente e beatamente – beati loro –, attorno all’assessore all’Agricoltura e al Turismo della Provincia di Trento, Tiziano, ReSole, Mellarini. Questa immagine mi ha colpito, e avvilito, per un paio di buone ragioni. La prima attiene all’abc del marketing. La seconda, invece, attiene a questioni, per così dire, sociologiche. Vediamo la prima. Siete sicuri, ragazzi, che un prodotto allusivo e seduttivo come il Metodo Classico si avvantaggi dall’accostamento alla simbologia estrema e decadente della politica? Soprattutto in un momento come questo, in cui la politica e i politici sono precipitati negli indici di gradimento degli italiani. Può essere la faccia della politica, e del politico di turno, ad eccitare la forza evocativa e seduttiva di  un Metodo Classico? Non credo. Ferrari e i Fratelli Lunelli si affidano al volto di Woody Allen, voi alla faccia da acchiappo dell’assessore Mellarini. E anche qui, contenti voi contenti tutti. Ma sono convinto che questa icongrafia non vi farà vendere una sola bottiglia in più. Forse, al contrario, ve ne farà vendere cento in meno. Quello che è sicuro è questo: questa foto in stile Assessore alla Battaglia del Grano non fa un bel servizio alla DOC Trento. Pensateci.

L’altra considerazione, invece, attiene ad un piano più sociologico e culturale. Ma chi ve lo fa fare, alla vostra età, di star sempre lì a chiedere il permesso a BabboMella? Ma chi ve lo fa fare di mescolarvi alla politica? Ma quale è la visione d’impresa che vi anima? Sieti colti, giovani e belli; alcuni di voi hanno studiato nelle migliori università del Paese, e tanti fra voi hanno viaggiato per il mondo: cosa vi spinge, tornati in Trentino, a prestare, succube, la vostra faccia pulita alla politica e al minculpop mellariniano? E stiamo parlando di un festa, di un party, di una discotecata, insomma, diciamocelo, niente di che. A suo tempo, qualche mese fa, vi avevo esortati ad uccidere (simbolicamente) i vostri padri (politici), così come si conviene ai giovani. Così come si conviene a chi ha ancora tutto un mondo (da inventare) fra le dita. Vedo che non avete ascoltato il mio modesto suggerimento. Ripeto ancora: contenti voi, contenti tutti. Ma questa modalità, questo collateralismo quasi organicistico alla politica e alle istituzioni promozionistiche, cari ragazzi, non promette nulla di buono. E davanti a questa iconografia di regime, ho provato, lo ripeto, un denso senso di avvilimento. E di smarrimento. Forse sono io troppo vecchio per capire. Ma, avvilito e smarrito, non capisco. E mi avvilisco. E mi smarrisco. Sempre più.

Ps: Caro assessore, questa sovraesposizione mediatica, gestita con una professionalità da bollettino parrocchiale, credo, alla fine, faccia male anche a te. Il ricorso reiterato ad un’estetica da Istituto Luce, nemmeno riveduta e corretta,  ho paura finirà per nuocere anche a te.  E poi, una volta per tutte, spiegaci che cazzo ti ridi. Sempre. In tempo di terremoti e di pezze al culo per tutti (quasi), si può finalmente sapere cosa muove il tuo indomito e inesorabile sorriso?

Con affetto tuo Cosimo

……………………..

Leggi anche:

Lascia un commento

23 Commenti a "Fermateli!"

Notifica
avatar
Ordina per:   più recenti | meno recenti | più votati
Il Conte
Membro
Rispondo a forza giovani!!! Mi congratulo per le parole modeste che in fondo significano in fondo tanto per far vedere che ci siamo anche noi. Mi domando dove sono finiti “i vignaioli del Trentino” (o siete cugini?), certo che da noi anzichè andare a cena (pagando) tutti insieme e parlando di cose un po’ più serie si finisce sempre in un’ammucchiata simile al Giro d’Italia. Però la differenza è tanta e non lamentatevi se poi non vi conosce nessuno, se al Vinitaly siete tutti lì come polli sul trespolo, con le tette di Mamma Provincia in testa ! Ho fiducia… Continua a leggere »
Gianni Morgan Usai
Autore

Splendida vena guerrigliera del Conte.. che, giustamente, suona i gggggggiovani…!

La polaroid dei giovani sul trespolo al Vinitaly è perfetta..!

Giovani fatevi arieti… o gli arieti si faranno voi..!

giuseppe da rimatea
Autore

tutto quello che non è emerso a trento sul vino e sul territorio l’ho trovato a Noarna grazie dolomitici

Gianni Morgan Usai
Autore

Confermo Giuseppe..

molti amici trentini, io sono sardo..
mi hanno detto di aver comprato vino a Noarna.. soprattutto per il piacere di sentir parlare del territorio..

il Pinot grixio si trova anche a New York.. da Sherry Lehman…!

Gianni Morgan Usai
Autore

La dittatura del Pinot Grixio..

http://www.sherry-lehmann.com/

Gianni Morgan Usai
Autore

Tenutae Lageder, Pinot Grigio “Benefizium Porer”, 2010
The 2010 Pinot Grigio Porer is an attractive, mid weight wine laced with ripe peaches, pears, flowers and light floral honey. This soft, understated Pinot Grigio impresses for its clarity and detail, both notable within the context of its peers. Robert Parker’s Wine Advocate

Il Conte
Membro
Piovasco da Rondò e Onanismo territoriale I vari colleghi bloggeur forse conoscono poco la figura di Italo Calvino e quella di Piovasco da Rondò. Conviene che si aggiornino on-web. Si abbandonano troppo spesso o sul “capisco” o sul “di quello che non capisco”. Non parlo poi delle giovani vergini che qui si eccitano e parlano di notti folli : un tempo bastava la “Cantinota” e forse un bacio sotto casa… Brava Curiosa&Sospettosa !!!? I love you. Vabbè, è vero che tutto cambia ma in fondo cambia poco – e torniamo a noi al nostro albero di cervello. Torniamo agli onanismi… Continua a leggere »
il grillo parlante
Autore

… vedo solo un altro modo di noi trentini per dire io sono diverso (migliore) degli altri! Da giovani imprenditori con laurea e master mi aspettavo molto di più! Peccato
Attenderemo il messia che viene dall’ALTO!

Gianni Morgan Usai
Autore

Il messìa è in cassa integrazione…

Arriverà, al massimo, qualche profeta..

Nel dubbio attrezzarsi con VIP para-statali…

Io mi offro come guerrigliero-visionario/ sognante.. ( ma non barbaro; sognante..)

Lorenzo
Autore
Buongiorno, è la prima volta che commento sul blog, anche se mi capita di leggerlo con una discreta frequenza. Premetto che non sono trentino, ma passo molto tempo nella vostra splendida terra. Attendevo con curiosità il commento alla manifestazione di giovedì..sopratutto per capire le reazioni ad un evento tutto sommato nuovo e organizzato da persone nuove. Non nascondo che ero preoccupato per questi ragazzi. Mi sono chiesto se non avessero paura a confrontarsi con quei maghi che gestiscono il marketing del vino in regione, che in passato ci hanno regalato momenti di avanguardia pura nella promozione del loro splendido prodotto…… Continua a leggere »
forza giovani!!!
Autore
semplice, e semplicistico, caro blogger anonimo parlare per luoghi comuni cercando la polemica a tutti i costi. La gallery fotografica l’abbiamo vista tutti, (https://www.facebook.com/photo.php?fbid=3965170968276&set=a.3965125807147.166905.1250458351&type=1&theater) i bicchieri sono tenuti come Dio comanda da quasi tutti, ma soprattutto dai GIOVANI Viticoltori che si sono fatti un mazzo tanto per organizzare una serata che, voglia o non si voglia, ha coinvolto tante persone entusiaste. Credo che anche loro abbiamo inteso, (ed organizzato) l’evento come una “festa del TrentoDOC”… di certo il loro scopo non era quello di avviare un’imponente azione di marketing di prodotto o di un’operazione commerciale. Lasciate lavorare serenamente questi giovani… Continua a leggere »
cosimo
Autore

Gentile signor ‘Forza Giovani’, il discorso che avevo cercato di fare era leggermente diverso. Non era ‘abbasso i giovani – viva i vecchi’. Mi chiedevo invece se fosse utile alla comunicazione del TRENTO affidarsi a testimonial politici e se fosse utile alle imprese del TRENTO il collateralismo con la politica e le sue variopinte proiezioni di marketing. Solo questo, non altro; tanto meno la polemica semplicistica con i produttori, giovani, vecchi o di mezz’eta’ che siano….

Cosimo Piovasco di Rondò
Autore

Dimenticavo: chiedere a questo blog di toccare nervi scoperti e di dare fastidio agli equilibri consolidati, mi perdoni signor Lorenzo, ma è come sfondare una porta aperta. Sono sei mesi che rompiamo i coglioni….ai soloni a cui lei allude.
Ancora un’altra cosa: mi sono preso la briga di dare un occhiata alla gallery fotografica pubblicata sulla pg. facebook dedicata: non ho trovato uno, dico uno di questi giovani – fra cui molti produttori -. che sapesse tenere in mano un bicchiere come dio comanda. Magari potremmo anche ricominciare da lì….

Cosimo Piovasco di Rondò
Autore
Gentilissimo signor Lorenzo, nel ringraziarla per la sua assiduità di lettore, mi permetto di intervenire brevemente. Lei conclude il suo commento, accennando alla nostra scelta di restare mascherati. E’ una questione che abbiamo affrontato più volte in passato. E su cui non crediamo ora di dover tornare: questo blog è nato così, fin dall’inizio. Con il passamontagna e non abbiamo intenzione di toglierlo. Per un sacco di buone ragioni. Del resto di un modesto blog di campagna si tratta, non di una testata giornalistica, ne di un manuale ampelografico. Insomma non coltiviamo la velleità di fare opinione, né di essere… Continua a leggere »
Gianni Morgan Usai
Autore

Stuzzicante la citazione sui momenti passati di pura avanguardia..

Scriverò a Bob Wilson..

E’ probabile che possa scrivere una piece teatrale..

Azzardo un titolo : Young & Civil Wars in Trento..

Broadway & Rosmini….!

Wyatt
Membro

Ma non vede caro Lorenzo che si sta solo correndo dietro a operazioni commerciali e di mero marketing, tralasciando (colpevolmente) l’autentica valorizzazione del soggetto principale (cioè il vino)? Ma che cos’è questo brand Trentodoc? Un detersivo? Già da noi (in Trentino) non fa altro che creare confusione, posso garantirLe che fuori da queste quattro mura non se lo fila nessuno….(almeno tra i miei conoscenti). Mi piacerebbe che qualcuno spiegasse a questo blog il significato del brand Trentodoc in relazione al vino che sta dentro la bottiglia….Forza, togliamo finalmente l’appendice…chissà che il paziente non guarisca….

Curiosa&Sospettosa
Membro

Cosimo quando scrivi queste cose in questo modo … mi viene voglia di metterti la lingua in bocca e di strapazzarti per tutta la notte come dico io!!!

Gianni Morgan Usai
Autore

Visto il gemellaggio con FestivalEconomia avrei chiesto agli illustri economisti ospiti di essere presenti, come Giovani Trento DOC, in tutti i mega.concertoni economici mondiali…

Davos in primis..

Altro che : divertirsi nel rispetto delle regole..!

Cosimo Piovasco di Rondò
Autore

….tutti sull’attenti…. please….. arriva l’assessore……

Gianni Morgan Usai
Autore

Bravo Cosimo..!

Da ricordare che l’agenzia Stefani cessò l’attività nel 1945..

..ìl Luce, tutto sommato, continuò anche dopo..

Un pò di bianco e nero può sempre servire a coprire il riso stampato..

Il comunicatino è proprio “scolastico” senza mezzi termini..

I giovani trentodocchisti forse… sono un pò luddisti… ( senza saperlo..)

Cosimo Piovasco di Rondò
Autore

…più che luddisti…. mi sembrano piuttosto …. ludici…. ma ..neanche tanto.neanche….

Cosimo for president
Autore

Miticooooooo !

Vignaiolo in aspettativa
Autore

……superlativo……..

wpDiscuz