La festa ha preso una brutta piega?

festa E’ quanto si chiede il paginone pubblicitario (in 2^ addirittura) apparso nei giorni scorsi sui quotidiani Alto Adige e Trentino, proseguendo con   un’esortazione: Prima di metterti al volante usa il facile e pratico etilometro portatile e guida sicuro!
Se non fosse che questa opportuna quanto disonesta operazione euro-eno-culturale,  ha pesantemente inciso sui consumi nei ristoranti e quindi penalizzato i vini di qualità, non varrebbe nemmeno la pena di tornare sull’argomento.
Opportuna perché qualcosa lo Stato doveva pur fare di fronte alle vittime del sabato sera, ma invece di avviare azioni preventive di informazione e acculturamento ha preferito la facile scorciatoia dei controlli a campione introducendo il limite massimo del 5 per mille di alcol nel sangue da misurarsi con l’etilometro, appunto.
Disonestà culturale perché – senza andar troppo per il sottile – si sono trasferite in ambiente mediterraneo sacrosante necessità di tutela della salute pubblica endemiche nel centro-nord Europa dove la sbronza nei week end è regola generalizzata ancor oggi.
Ciò che sgomenta è la protervia nella prosecuzione del testo pubblicitario laddove parla del piccolo etilometro come “Pratico, sicuro, facile da utilizzare: per misurare il tasso alcolemico nel sangue, basta soffiare nel beccuccio…”
Non so se questa sia materia per il garante della pubblicità, ma io trovo fuorviante affermare che un misuratore di gas (perché di questo si tratta e per questo è stato progettato il semiconduttore) possa definirsi “misuratore del tasso alcolemico nel sangue” per la qual cosa è necessaria un’analisi fisico-chimica in laboratorio.
etilometro

Risulta che i costruttori del semiconduttore e dell’etilometro abbiano tarato lo strumento in modo che sul display appaia non già la percentuale di etanolo proveniente dall‘aria alveolare espirata, ma una cifra, corretta da dati statistici, riferita al rapporto normale fra gas emessi e reale tasso alcolemico nel sangue di un campione di popolazione. Il rapporto di etanolemia (concentrazione di etanolo nel sangue) e aria alveolare è “relativamente” costante, 80 mg di etanolo per 100 ml di sangue producono 35 µg/100ml di etanolo nell’aria espirata. Ovviamente omologato senza troppo badare né al metabolismo, né alla percentuale di grasso di ogni individuo.
El tacòn, l’è pezo del buso si dice dalle nostre parti per dire che, se gli euro-burocrati con l’avvallo degli euro-politici (abbiamo visto di cosa sono capaci) sono andati per la tangente con il 5 per mille (assimilando scandinavi a siculi fregandosene di cultura e tradizioni) e per misurarlo obbligano il cittadino a sottomettersi ad una solenne patacca sdoganata addirittura per analisi del sangue.
Rinunciare anche ad “un” buon bicchiere di vino al ristorante al posto dei due, tre è purtroppo diventata regola. L’economia in mano agli apprendisti stregoni si affossa anche così.
PS1, come nei necrologi: “La presente serve per partecipazione diretta e ringraziamento”, vale a dire che gli antialcolisti sono pregati dall’astenersi dal fare confusione, essendo questa una faccenda tecnica diversa dalle filosofie salutiste o etico-morali.   
PS2, chi volesse saperne di più vada su Etilometro in Wikipedia  

CONDIVIDI CON

Un commento

  1. il Conte il Conte

    La Solita Roba – Leggo ora e condivido. E’ sempre una campagna locale come se noi trentini non sapessimo come “sballare” non solo con vino e grappe ma ora ancje con un po’ di “erbetta che nell’annuncio non appare. Non parlo di Sperula e Ruta.
    Un giorno non tanto lontano proposi che il Trentino, a livello nazionale, doveva comunicare : ” Bevi poco, bevi Trentino – ottimo per non sballare…”
    Non dico la spiegazione sotto – che spiegava
    Non vi dico : erano tutti contrari eccetto i soliti big, quelli che capiscono ancora… Si trattava di purisssime vendite, amori oggi finiti, e così ricordai loro che a Boston, gli spacciatori di alccol venivano impiccati al porto dobe la navi portavano negli Usa, veleni di ogni tipo.
    Noi quasi. Pochi parlano di qualtà contro la quantità: Faccaimo terrismo sociale perchè se una tempo ci-si-ammazzava-da soli (/Vd.la vecchia strada della Val di Non) oggi ci si ammazza per altre ragioni.
    Bene il bicchiere contorto che è contorto come quelli che sempre …ciurlano nei bicchieri dell’economia locale e nazionale.
    Il Conte
    Ah, dimenticavo la laurea di Dellai ad Haifa (vedete S. Simonino e dintorni) e Mellarini in Corea – mi chiedo ma parla inglese senza una badante professionale ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *