Il giallo di Castel Beseno

Riceviamo e volentieri pubblicchiamo

——————————————-

 

Dopo aver ottenuto il riconoscimento del Trentino DOC Superiore Castel Beseno, a partire dalla vendemmia 2010,  i primi produttori (Cantina di Aldeno, Salizzoni e Vivallis) si sono costituiti in Associazione Volontaria per la Promozione di tale prodotto.
L’Associazione, alla quale ha dato ultimamente adesione anche un altro importante attore presente in zona, quale Cantina Sociale di Trento, nasce sì per promuovere il Trentino DOC Superiore Castel Beseno, ma non solo.
Premettiamo quindi che le nostre valutazioni e le nostre elaborazioni strategiche sono di “produttori”, parziali forse, ma, in quanto vissute, molto vere.
Spesso troviamo negli aspetti promozionali molta distanza fra le aspettative della produzione e la realizzazione dei cosiddetti esperti del marketing.
Siamo fermamente convinti che, aldilà del certosino lavoro in vigna e in cantina, per ottenere un prodotto di indiscutibile valore – (Oscar di Vivallis all’ultimo Duja d’Or di Asti, Medaglia d’Oro di Aldeno al Concorso i Vini del Sindaco, Medaglia d’Oro di Salizzoni al Concorso di Castione curato da Paolo Massobrio)  sia necessario trovare il modo dare vera operatività al cosiddetto marketing territoriale, cercando, in modo corretto, di utilizzare tutti gli elementi che il territorio offre per consentire una forte identificazione e conoscenza dei prodotti agroalimentari.
Non è quindi un caso che il prodotto da noi promosso abbia nome di Castel Beseno e che l’Associazione riconosca un’importanza ed un ruolo altamente strategico al vecchio maniero che sovrasta e domina dall’alto la zona di produzione e gran parte della Vallagarina.
Il Castello, così come ha vissuto quasi un millennio in stretto legame con la popolazione, deve vivere e mettersi i relazione con la comunità, anche nell’attualità.
Riteniamo che ciò sia valido anche per tutte le altre realtà (Castel Thun, Castello di Avio, Castello di Stenico, ecc.) che possono essere, oltre che beni architettonici e storici da tutelare e valorizzare, anche importanti finestre di promozione delle particolarità del territorio, in primis quelle agroalimentari.
Abbiamo quindi deciso di iniziare il percorso di promozione organizzando una rassegna dei Moscati dell’Arco Alpino, facendo quindi vivere Castel Beseno, per una giornata, quale Ambasciatore delle produzioni di nicchia di territori affratellati, in un mondo sempre più globalizzato,  da comuni tensioni di identità e di valorizzazione della particolarità.
Essendo il Trentino DOC Superiore Castel Beseno un moscato giallo espressione di un piccolissimo territorio  ( i comuni di Calliano e Besenello ), come spesso accade per altri vini e moscati d’Italia, è stato logico darci lo scopo strategico di legare intimamente il prodotto al territorio: abbiamo ritenuto che ciò sia ancora maggiormente possibile con il coinvolgimento,  in questo caso con l’organizzazione di una mostra/rassegna, di altri moscati che, in altre zone, appartenenti comunque all’ambito Alpino, vivono le nostre stesse problematiche.
Promuovendo e facendo conoscere i moscati dell’arco Alpino, dalla Slovenia alla Valle d’Aosta, espressioni di microzone di eccellenza e spesso di una viticoltura “eroica” di montagna, implicitamente promuoviamo il nostro Castel Beseno Superiore.
Per questa prima edizione abbiamo ampiamente raggiunto il “tetto logistico” per una efficiente organizzazione dell’evento : saranno oltre 50 i produttori presenti, con oltre 60 vini.
Abbiamo già avuto forti dimostrazioni di interesse per la presenza alla prossima edizione : ciò ci obbligherà a rivedere l’organizzazione degli spazi ed i percorsi per la degustazione. 
La manifestazione ha avuto il prestigioso patrocinio del CERVIM, Centro di Ricerche e Studi Valorizzazione per la Viticoltura Montana, l’importante sostegno dei comuni dell’Alta Vallagarina  Besenello – Calliano – Volano ed il prezioso contributo economico di Cassa Rurale Alta Vallagarina.
Con soddisfazione ed orgoglio possiamo oggi comunicare che, attraverso il patrocinio e l’interessamento della nostra Associazione, in questi ultimi giorni è stato formalizzato l’atto di concessione del punto di ristoro di Castel Beseno a Luca Bini, figura di indiscusso talento e professionalità per la promozione enogastronomica in Vallagarina.
Riteniamo che questo rappresenti un piccolo mattone per la costruzione di una forte identità e di un forte legame territoriale.
Sarà una manifestazione sobria, senza velleità di esprimere giudizi sui prodotti, con l’intenzione di fornire, attraverso la degustazione libera ( self tasting ) ed il supporto di 2 sommellier professionisti, una panoramica ed un confronto fra prodotti di eccellenza espressione di zone diverse unite dall’arco delle Alpi.
Ci scusiamo in anticipo se ci sarà qualche piccola imperfezione dovuta alla nostra modesta esperienza di organizzatori di eventi: è il primo numero !
Ci prendiamo comunque l’impegno, anche con la vostra critica, a ridurre,per la prossima edizione, le eventuali carenze.
A conclusione di questa breve nota,  restando a disposizione per tutti i chiarimenti che vorrete richiedere, esprimiamo un sentito ringraziamento innanzitutto ai “padroni di casa” cioè l’assessore Franco Panizza, la Direzione e tutto lo staff del Castello del Buon Consiglio/Castel Beseno.
Un ringraziamento particolare va all’Assessore Tiziano Mellarini per la sensibilità dimostrata nei confronti dell’iniziativa, al direttore di Trentino Marketing Paolo Manfrini ed al suo staff, per l’apporto logistico e professionale fornito.

ASSOCIAZIONE PROMOZIONE
TRENTINO DOC SUPERIORE CASTEL BESENO
Il Segretario
Enologo Mauro Baldessari

CONDIVIDI CON

3 Commenti

    1. giuseppe f.

      se non sbaglio, dovrebbero essere disponibili da domani. Cosi almeno hanno annunciato gli organizzatori. Poi non so se questo sito li metta on line
      Beppe

  1. Pingback: Trentino Wine Blog » Il giallo di Castel Beseno | trentinowine | Scoop.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *