Perversioni Ideologiche – 2

perversioni ideologiche 2 Leggo ancora un lancio Ansa di ieri (qui). Titolo: “Germania sbanca Concorso Müller-Thurgau a Cembra”. Per curiosità vado a controllare la classifica della IX° edizione del concorso internazionale dei vini Müller-Thurgau che si è concluso ieri nel centro cembrano. E scopro che le due medaglie d’oro sono state attribuite ad altrettattante etichette tedesche. Mentre su 18 medaglie d’argento, il Trentino se ne è meritate 6, l’Alto-Adige 3 e le cantine tedesche 9. Da parecchi anni, ormai, sotto i cieli di Trento è in voga la leggenda metropolitanalpina secondo la quale il vino del dottor Müller sarebbe quasi un autoctono trentino, perché in Trentino, più che in ogni altro luogo del pianeta, avrebbe trovato il terroir adatto per esprimersi in maniera performativa. E’, appunto, una leggenda. Una delle tante falsificazioni che appartengono alla perversione ideologica di un sistema promozionistico autoreferenziale. Che non fa, e non ha mai fatto, i conti con la realtà. Ma che, al contrario, piega e distorce la realtà alle proprie esigenze funzionali e autoconservative. La classifica del concorso di Cembra di ieri, ne è l’ennesima prova. Del resto, ormai da qualche anno, in Trentino, le uve Müller-Thurgau sono entrate in pesante sovrapproduzione e in gran parte finiscono in bottiglie di vino frizzante a prezzi da discount. Ma qualcuno continua a raccontarci – e a furia  di raccontare leggende qualcuno alle leggende finisce per crederci – che si tratta di un quasi autoctono trentino. Miracoli delle perversioni ideologiche. 

CONDIVIDI CON

10 Commenti

  1. il Conte il Conte

    Caro Morgan, grazie – mi allllllunghi la vita. Che ci vuoi fare, tutto è ridotto ad un “umlaut” (si sccriverà cossì ???), a due puntini simili all’inizio della varicella…… (o rosolia ?)

    1. Caro Conte,
      una piccola digressione territoriale..

      A proposito di malattie contagiose..

      In Sardegna, un tempo, ne sono testimone, il morbillo veniva curato dalle nonne, bacca rigorosamente bianca, con frequenti sordi di Vermentino o sorsetti di Vernaccia..

      La cura durava 3 giorni minimo..

      Medicine allopatiche: bandìte..

      Alla degustazione medica.. presenziavano anche i cagnolotti..
      ( da fuori, però….)

  2. .. il cane che accoglie gli ospiti per degustare i Vini andrebbe bene se fossimo a Hollywood oppure a Broadway..

    .. e comunque sarebbe un incidente diplomatico con i sommelier, avere una simile equiparazione.. sebbene a volte gli amici a 4 zampe siano piu’ acuti dell’Uomo..

    Roma ha digerito tutti..

    Lavis ha ancora molta strada da fare… mille leghe e… forse, di piu’…

  3. marino

    porcamiseria sono ancora addormentato e mi sono dimenticato un ‘altra cosa…la riprova che nei vini della coop lavisana c’è qualcosa che non va è evidente anche nella recensione fatta dallo staff di enopress… ripresa in trentino dal blog di francesca negri… stroncati brutalmente i vini delle nuove linee presentati a roma

  4. marino

    ah dimenticavo ….già che c’è zanoni inizi a porsi qualche domanda anche sull’operato suo e della squadra di manager ( o pseudo tali ) che coordina…

  5. marino

    Se questo è il tanto auspicato rilancio della lavis valle di cembra siamo messi male . In pratica giocava in casa , ha in catalogo non so quanti muller thurgau ( tantissimi comunque ) e ha portato a casa la bellezza di… zero medaglie ! Da non credere , forse è meglio che zanoni inizia a porsi qualche domanda sulla qualità dei vini attuali della lavis, che negli anni passati faceva incetta di medaglie , mostra di cembra compresa

  6. il Conte il Conte

    Ma c’è di più: dopo esser stati superati in casa sotto il concordatario internazional sorriso dell’assessore all’Agricoltura, ci siamo anche gemellati con il magnifico lardo di Colonnata, mettendo subito nel dimenticatoio quei 4 macellai 4 della Val di Non e dintorni che cercano di mandare avanti una tradizione altrettanto valida, apprezzata fin dai tempi dell’Imperial Regio Impero Austroungarico.
    Masochismo autonomistico o distrazione di filiera ?
    Distrazione è solo quella dell’Ansa che scrive nella testatina “Suedtirol” anziché Südtirol

  7. Pingback: Trentino Wine Blog » Perversioni Ideologiche – 2 | trentinowine | Scoop.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *