A ferragosto tutti a Faedo da Pojer e Sandri

vinix live 2012 Non vi siete ancora organizzati per ferragosto? Oppure vi siete già organizzati, ma non siete tanto convinti della scelta? Bene allora vi do un suggerimento. A ferragosto andatevene in Val di Cembra e salite su fino a Faedo, da Pojer e Sandri. Non ve ne pentirete: soddisfatti o rimborsati. La giornata di mezz’agosto sarà dedicata per intero, dalla mattina fino alla tarda sera, ad un evento di quelli da non perdere: Vinix Live 2012 – Trentini nel mondo, certezze e promesse (qui il programma). Fra spettacoli, animazioni, performance artistiche e formiche (quelle disegnate da Fabio Vettori), a Faedo si raduneranno una decina di cantine e di cantinieri. Giovani promesse e vecchie certezze. O il contrario, fate voi. Ci sarà spazio per acquistare qualche bottiglia. Ma soprattutto quella di ferragosto da Pojer e Sandri, sarà l’occasione per mettere a confronto l’esperienza dei trentini che sono rimasti e quella dei trentini che, invece, se ne sono andati. A ferragosto, a Faedo, infatti, arriveranno, insieme ad alcune cantine trentine (Filippi Mattia “Viticoltorerrante”; Azienda Vitivinicola Grigolli Bruno; Azienda Agricola Armando Simoncelli; De Vescovi Giulio e Moser Andrea; Azienda agricola Maso Cantanghel; Azienda Agricola Eredi di Cobelli Aldo; Azienda Agricola Barone de Cles), anche alcune cantine che hanno fatto fortuna in terre lontane dalle Alpi retiche e dall’Italia, nate dall’esperienza e dalla passione per la vite e per il vino di donne e uomini di origini trentine e tirolesi: Dalla Francia: Domaine du Comte de Thun; Dal Cile: Viña Falernia; Dall’Australia: Tait Wines.

Messa così, la giornata ferragostana di Faedo si configura come un’occasione irripetibile per capire cosa stia accadendo nel mondo (proprio nel senso di mondo) del vino, mentre il Trentino si balocca ancora attorno ad improbabili e vacui Piani del Vino. Verrebbe da dire: per fortuna che Mario (Pojer) c’è e per fortuna che Fiorentino (Sandri) c’è. Verrebbe da dire e lo diciamo apertamente. L’estate 2012, se ha brillato per qualcosa, quel qualcosa è stata l’assenza di manifestazioni e di eventi attorno al vino. Se si fa eccezione per i riti scontati e déjà vu ispirati a calici e a bicchieri di stelle, nelle diverse e varie versioni – compresa la notte dei giovani del Trentodoc in programma per l’11 agosto sulla Paganella (ma dico io, come vi viene in mente di portare le masse sul pizzo della montagna? Ma che idea avete della montagna? Che idea vi siete fatti del territorio? Merce da usare in maniera strumentale e commerciale?) -, a parte queste cose, che non varrebbe nemmeno la pena di citare, e l’iniziativa, meritoria, dei Vignaioli di Balter, in calendario a Riva del Garda ad inizio settembre, a parte tutto (poco) questo, l’estate trentina 2012 si segnala per il disinteresse e l’indifferenza per il vino e per la vite. L’ultima iniziativa istituzionale risale a maggio, mi pare. Poi il nulla. Come sono lontani i tempi, erano gli anni Ottanta e Novanta del secolo scorso, quando in estate, al primo arrivo dei turisti, le mostre del vino trentino fiorivano in in ogni ridente località di lago e di montagna, piccola o grande che fosse, dalla Rendena alla Valle di Fassa.

Ed è anche per questo che vi suggerisco di trascorrere il ferragosto da Pojer e Sandri: fra i pochi, Mario e Fiorentino,  che in Trentino abbiano ancora voglia di fare, di comunicare e di discutere apertamente di vino: Vinix Live 2012 – Trentini nel mondo fra certezze e promesse.

Il programma della manifestazione

Come arrivare a Faedo

Cosa è Vinix Live

– Il calendario 2012 di Vinix Live

Una recensione preventiva su l’Osservatorio del Vino

………………………………

Estratto del programma

 

Dalla Francia

Domaine du Comte de Thun

81170 Frausseilles

www.comtedethun.com

Conti THUN E HOHENSTEIN

La stirpe fa parte delle famiglie nobili del Tirolo, documentata già dal 1145 da Bertoldo del

Tonno. Dal 1448 i Thun furono ereditieri del principato vescovile di Trento e dal 1558 di

quello di Bressanone. Il ceto boemo di “Conti” fu conferito nel 1631. Nel 1879 fu conferita

l’eredità ai membri della dinestia della casa padronale. Il conferimento della stirpe dei

principi primogeniti austriaci succedette nel 1911 con il titolo di “Altezza”. Fino a qualche

anno fa, non c’era nessun collegamento fra la grande storia della viticoltura ed il nome di

Thun e Hohenstein. Tuttavia, Ferdinand Conte di Thun e Hohenstein vi si dedica dal 1999

con successo e passione.

Dal Cile

Viña Falernia

Elqui Valley

www.falernia.com

Viña Falernia nasce nel 1998 dall’incontro dei cugini Aldo Olivier – arrivato in Cile con

l’emigrazione trentina del 1951 – e Giorgio Flessati enologo pendolare tra Cile, Trentino e

Sicilia.

E’ l’unica cantina di una zona nuova, il limite estremo della viticoltura in Cile – Valle de

Elqui, La Serena – con vigneti tra 300 e 2.070 metri di altezza, con clima semiarido (3-5

giorni all’anno con pioggia) e temperature durante il ciclo di maturazione tra 30 gradi di

giorno e 10-11 di notte. L’avventura cominciata nel 1998 piantando i primi vigneti, si è

consolidata ed ora sono 320 ettari in produzione con una moderna e funzionale cantina

tutta sostanza e niente fronzoli. Il prodotto è esportato in 25 paesi tra America Latina,

America del Nord, Oceania, Asia ed Europa. Con un numero incredibile di premi vinti

nelle più importanti manifestazioni internazionali.

Le varietà prodotte sono soprattutto Syrah, Carmenere (uva bordolese tra il Cabernet

Frank e il Merlot), Sauvignon Blanc, Pedro Ximenez (uva bianca spagnola molto famosa

per lo Sherry) ma anche – più recentemente – Pinot Nero, Riesling, Viognier, Malbec,

Merlot e Cabernet Sauvignon con un poco di Moscato come vino da dessert.

Dall’Australia

Tait Wines

Lyndoch South Australia, 5351

www.taitwines.com.au

Tait Wines si trova nella famosa Barrossa Valley nel sud dell’ Australia.

Il nome Tait è legato da più di cento anni nel mondo vinicolo in Italia, producendo botti.

Giovanni Tait (1927-1997) si trasferisce in Australia nel 1957 da Mezzolombardo e trova

impiego in una cantina come mastro bottaio. L’arte della lavorazione delle botti gli era

stata tramandata dal padre e dal nonno.

Le sue grandi conoscenze ed esperienza lo portano alla B Seppelts and Sons, dove ricopre

un ruolo attivo nella produzione e affinamento del vino in botte.

Ancor prima che i suoi figli diventassero grandi, il suo sogno divenne realtà. Nel 1995, con

i suoi figli, fondò una piccola cantina chiamata Tait Wines.

La sua visione per Tait Wines era di una cantina tradizionale che usa gli antichi metodi di

vinificazione per produrre vini artigianali con forte carattere, profumo e gusto.

Oggi Bruno Tait prosegue sulle orme del padre Giovanni.

CONDIVIDI CON

16 Commenti

  1. Pingback: Trentino Wine Blog » Il potere dei sogni

  2. Per chi volesse conoscere cosa è un Vinix Live! come funziona il format e chi può organizzarlo segnalo, visto che manca nel testo, il link di approfondimento:
    http://www.vinix.com/myDocDetail.php?ID=3116

    Qui invece il calendario degli eventi Vinix Live! in giro per l’Italia:
    http://www.vinix.com/myDocDetail.php?ID=3320

    Ricordo a tutti la possibilità di acquistare i vini durante tutta la giornata a prezzo molto vicino a quello applicato ai professionisti valido anche per i privati per un giorno.

    Filippo Ronco
    Vinix Founder

    1. Cosimo Piovasco di Rondò

      Grazie Filippo per le precise indicazioni di suggerimento, e scusa se, per distrazione involontaria, non abbiamo segnalato anche i link alla casa madre di tutti i vinix live!
      provvederò subito ad integrare il post con i link che hai indicati!
      CpR

  3. Nando

    Anche quando vi occupate di cose belle e positive, voi di questo blog non riuscite a trattenervi dalla polemica e dall’astio. Cosa c’entrano i giovani del trentodoc e i calici di stelle? perché sputtanare loro per dare spazio a pojer&sandri, che poi anche loro fanno sempre le stesse cose. Non è che siano degli scienziati nemmeno loro. Mi sono stufato di questo vostro modo, sembrate sempre indigesti o frustrati, non vi leggerò più!

    1. Scusa Nando, forse io sono relativamente verginello per questo blog e non ti ho mai letto, ma scrivere l’unico post per dire basta non vi seguo più non è un po’ poco? Di la tua e poi e l’aria non è buona vattene pure, perdonami l’arroganza, ma io non sopporto leggere addii da chi non ha mai postato nulla. Oh: lo dice uno che se ne è sentite tante, e non è finita immagino…

    2. Cosimo Piovasco di Rondò

      Oddio, indigesti qualche volta lo siamo: per esempio lo eravamo venerdì pomeriggio dopo aver letto del Piano Vino della Giunta Provinciale. Frustrati, mah…. magari ogni tanto lo siamo pure: quando capiamo di non essere in grado di incidere nemmeno come movimento di opinione su una realtà che consideriamo, questa sì, frustrante. Astiosi? Non mi pare: rivendichiamo però il diritto di esercitare una libera critica rispetto alle scelte compiute in Trentino. Non essendo noi un organo istituzionale, questa libertà cerchiamo di coltivarla amorevolmente. E, credimi, senza sputtanare alcuno.
      E ci dispiace che tu voglia abbandonare la lettura di questo blog. Ma siamo sicuri che troverai qualche altro luogo, più simpatico e magari anche più addomesticato, per tenerti informato!
      Au Revoir

      1. Claudio

        Caro Cosimo,
        a) come vedi, volenti o nolenti dobbiamo tutti fare i conti col mercato. Dobbiamo accettare che nell’era moderna anche questo blog è un prodotto: può piacere o non piacere al consumatore e se non gli piace è apprezzabile che te lo dica, così ti sai regolare…
        b) chissà quanti cittadini si erano avvicinati alla Carboneria per uscirne disgustati: tutto quel parlare sempre di insurrezione, libertà, parlamento democratico, cacciare lo straniero, ecc. ecc.… però almeno qualcuno vi rimase, vedi Silvio Pellico, Ciro Menotti, Piero Maroncelli, Giuseppe Mazzini ecc.. Anche tu quindi ti dovrai accontentarti di quelli che rimangono…

  4. Cosimo Piovasco di Rondò

    @Lara: Dunque, cara Lara, forse sei nuova di questo blog, forse sei una lettrice disattenta, e nessuno ti obbliga ad essere attenta. O forse ti è sfuggito qualcosa per qualche comprensibile riflesso condizionato. Ma se provi a sfogliare l’archivio, ti accorgerai che abbiamo sempre dato molto spazio alle iniziative di tutti i protagonisti della viticoltura trentina. Fossero essi cantine sociali o vignaioli. Non c’è stato comunicato stampa, arrivato dalle aziende, che non sia stato pubblicato.

  5. il conte il conte

    … e a proposito dei conti Thun chi non ricorda il nostro Ladislao e il relativo castello trentino acquisito dalla provincia e ignorato dal FAI ? Qui potremmo organizzare il 1° Festival Spagnolo di Flamenco con degustazioni di vini di Andalusia e Castiglia e, ovviamente, spumante trentino a vagoni ! (su tortillas e gamberoni dell’Adriatico). Seguìto subito da un pellegrinaggio trentino-spagnolo a Montserrat, controllato dai nostri Schutzen con il costume nuovo e patrocinato dall’ “Atesina”!

  6. il conte il conte

    Bravissimi gli amici di Faedo sempre seriSSIMI. Per chi ama però le ballerine brasiliane può andare prima a Bardolino, il 7 agosto – scoprirà per noi il “Chiaretto Spumante” !
    Sono invitati – non gratuitamente – assessori strategici trentini, marketing provinciali, redattori esausti di comunicati stampa e il nostro Tex, con Orso senza gonnellino .
    Basta si comportino bene !
    Penso vedranno cosa significa “ritmo” e concorrenza privata spontanea.
    http://www.tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php?idArticolo=9874

  7. Pingback: A ferragosto tutti a Faedo da Pojer e Sandri | trentinowine | Scoop.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *