Tagliare gli artigli ai monopoli, nazionalizzare le coop

lombardi_riccardo_3Bella la penultima pagina del Manifesto di ieri, sabato 17 novembre. Dedicata interamente alla rievocazione di due grandi padri della patria e della sinistra italiana. Al compagno Giuseppe Chiarante, scomparso da pochi mesi, e al compagno Riccardo Lombardi, colui che da dirigente socialista più tenacemente di altri si impegnò per la nazionalizzazione dell’industria elettrica italiana, perché, amava ripetere, bisogna “tagliare le unghie ai monopoli”. E l’autore del ritratto comparso ieri sul Manifesto, Tommaso Nencioni, a proposito della lezione lombardiana spiega che la politica delle nazionalizzazioni nasceva dall’esigenza di “togliere potere di condizionamento a un grumo di interessi nella migliore delle ipotesi particolaristici, nella peggiore antidemocratici”. Facile il paragone e la sovrapposizione con il Trentino di oggi, dominato da un monopolio egemonico cooperativo crescente e pervasivo – la crisi economica ne sta facilitando l’espansione e il radicamento – sull’economia trentina: dall’agricoltura, alle società funiviarie, dall’edilizia al sistema bancario. E’ qualcosa che assomiglia alla ragnatela di un’emergenza democratica.

Il Manifesto 17 novembre 2012, pg. 15

CONDIVIDI CON

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *