Cantina Rotaliana di Mezzolombardo su fb

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

—————–

CONDIVIDI CON

126 Commenti

  1. Franco Ziliani Franco Ziliani

    Cosimo sarebbe buona cosa che il cazzeggiatore cafone di ieri, quello che dice che questo “é un blog del cazzo” (che in fondo potrebbe essere anche un complimento intendendo che é “cazzuto” ovvero che ha gli attributi) venisse alla ribalta e senza fare il coniglio si palesasse, con nome e cognome, e ci facesse capire il perché del suo illuminato, civilissimo, tollerante giudizio.

    Scommettiamo che non avrà “le palle” per farlo, preferendo la forma a lui congeniale dell’anonimato?

  2. Franco Ziliani Franco Ziliani

    Cosimo sarebbe buona cosa che il cazzeggiatore cafone di ieri, quello che dice che questo “é un blog del cazzo” (che in fondo potrebbe essere anche un complimento intendendo che é “cazzuto” ovvero che ha gli attributi) venisse alla ribalta e senza fare il coniglio si palesasse, con nome e cognome, e ci facesse capire il perché del suo illuminato, civilissimo, tollerante giudizio.

    Scommettiamo che non avrà “le palle” per farlo, preferendo la forma a lui congeniale dell’anonimato?

  3. Franco Ziliani Franco Ziliani

    Cosimo sarebbe buona cosa che il cazzeggiatore cafone di ieri, quello che dice che questo “é un blog del cazzo” (che in fondo potrebbe essere anche un complimento intendendo che é “cazzuto” ovvero che ha gli attributi) venisse alla ribalta e senza fare il coniglio si palesasse, con nome e cognome, e ci facesse capire il perché del suo illuminato, civilissimo, tollerante giudizio.

    Scommettiamo che non avrà “le palle” per farlo, preferendo la forma a lui congeniale dell’anonimato?

  4. Signor Delucca chapeau..! Lei è il nuovo Enrico-Toti che scaglia una stampella contro il grigiore e l’oscurantismo del cazzo imperante nel settore vinicolo.! Scusa Commissario Politico Cosimo.. : cazzo si può dire..? .. anche se siamo in un blog-del-cazzo..?? Non è che il colonnello-alto dirigente vorrà poi le royalties sulla primogenitura della frase..?

  5. Signor Delucca chapeau..! Lei è il nuovo Enrico-Toti che scaglia una stampella contro il grigiore e l’oscurantismo del cazzo imperante nel settore vinicolo.! Scusa Commissario Politico Cosimo.. : cazzo si può dire..? .. anche se siamo in un blog-del-cazzo..?? Non è che il colonnello-alto dirigente vorrà poi le royalties sulla primogenitura della frase..?

  6. Signor Delucca chapeau..! Lei è il nuovo Enrico-Toti che scaglia una stampella contro il grigiore e l’oscurantismo del cazzo imperante nel settore vinicolo.! Scusa Commissario Politico Cosimo.. : cazzo si può dire..? .. anche se siamo in un blog-del-cazzo..?? Non è che il colonnello-alto dirigente vorrà poi le royalties sulla primogenitura della frase..?

  7. Franco Ziliani Franco Ziliani

    Cosimo, se questo é davvero un “blog del cazzo”come l’avrebbe definito qualche arrogante cafone, sono onorato di esserne un assiduo commentatore e di aver dato un piccolo contributo, altrove, a farlo conoscere come merita.

      1. Franco Ziliani Franco Ziliani

        caro Cosimo, mi piacerebbe chiedere cosa pensino del giudizio tollerante e democratico espresso dall’alto dirigente cooperativo nei confronti del tuo blog il Presidente Dellai, esponente di punta della cosiddetta “nuova politica” simboleggiata dalla lista Monti e l’Assessore Mellarini. Mi piacerebbe sapere se anche per loro questo sia “un blog del cazzo” e se ritengono civile esprimere in questo modo cafone il dissenso nei confronti di quel che scrivi…

          1. Franco Ziliani Franco Ziliani

            come scrivevo qualche giorno fa: si rilassi Rosanna, é sempre così acida? Suvvia oggi é sabato e domani domenica, si distenda, sorrida se ci riesce… 🙂

    1. Caro Franco, spesso i colonnelli sono più realisti del re e pure dei generali. Chi si esprime in questo modo, e il cazzeggiatore di ieri non è stato il primo e non sarà l’ultimo, appartiene diciamo così alle seconde file del potere. Portaborse, portaordini e passacarte. Per quanto ne so, infatti, l’assessore Mellarini qualche volta ha trovato il modo di esprimere il suo apprezzamento per le critiche mossegli da questo blog. Di cosa,invece, ne pensi sua eminenza, il
      principe vescovo Lorenzo, non è dato sapere. Ma qui siamo in un ambito teologico e come ben sai la teologia prevede domande. Ma non ammette risposte…

  8. Franco Ziliani Franco Ziliani

    Cosimo, se questo é davvero un “blog del cazzo”come l’avrebbe definito qualche arrogante cafone, sono onorato di esserne un assiduo commentatore e di aver dato un piccolo contributo, altrove, a farlo conoscere come merita.

      1. Franco Ziliani Franco Ziliani

        caro Cosimo, mi piacerebbe chiedere cosa pensino del giudizio tollerante e democratico espresso dall’alto dirigente cooperativo nei confronti del tuo blog il Presidente Dellai, esponente di punta della cosiddetta “nuova politica” simboleggiata dalla lista Monti e l’Assessore Mellarini. Mi piacerebbe sapere se anche per loro questo sia “un blog del cazzo” e se ritengono civile esprimere in questo modo cafone il dissenso nei confronti di quel che scrivi…

          1. Franco Ziliani Franco Ziliani

            come scrivevo qualche giorno fa: si rilassi Rosanna, é sempre così acida? Suvvia oggi é sabato e domani domenica, si distenda, sorrida se ci riesce… 🙂

    1. Caro Franco, spesso i colonnelli sono più realisti del re e pure dei generali. Chi si esprime in questo modo, e il cazzeggiatore di ieri non è stato il primo e non sarà l’ultimo, appartiene diciamo così alle seconde file del potere. Portaborse, portaordini e passacarte. Per quanto ne so, infatti, l’assessore Mellarini qualche volta ha trovato il modo di esprimere il suo apprezzamento per le critiche mossegli da questo blog. Di cosa,invece, ne pensi sua eminenza, il
      principe vescovo Lorenzo, non è dato sapere. Ma qui siamo in un ambito teologico e come ben sai la teologia prevede domande. Ma non ammette risposte…

  9. Franco Ziliani Franco Ziliani

    Cosimo, se questo é davvero un “blog del cazzo”come l’avrebbe definito qualche arrogante cafone, sono onorato di esserne un assiduo commentatore e di aver dato un piccolo contributo, altrove, a farlo conoscere come merita.

      1. Franco Ziliani Franco Ziliani

        caro Cosimo, mi piacerebbe chiedere cosa pensino del giudizio tollerante e democratico espresso dall’alto dirigente cooperativo nei confronti del tuo blog il Presidente Dellai, esponente di punta della cosiddetta “nuova politica” simboleggiata dalla lista Monti e l’Assessore Mellarini. Mi piacerebbe sapere se anche per loro questo sia “un blog del cazzo” e se ritengono civile esprimere in questo modo cafone il dissenso nei confronti di quel che scrivi…

          1. Franco Ziliani Franco Ziliani

            come scrivevo qualche giorno fa: si rilassi Rosanna, é sempre così acida? Suvvia oggi é sabato e domani domenica, si distenda, sorrida se ci riesce… 🙂

    1. Caro
      Franco, spesso i colonnelli sono più realisti del re e pure dei
      generali. Chi si esprime in questo modo, e il cazzeggiatore di ieri
      non è stato il primo e non sarà l’ultimo, appartiene diciamo così
      alle seconde file del potere. Portaborse, portaordini e passacarte.
      Per quanto ne so, infatti, l’assessore Mellarini qualche volta ha
      trovato il modo di esprimere il suo apprezzamento per le critiche
      mossegli da questo blog. Di cosa,invece, ne pensi sua eminenza, il
      principe vescovo Lorenzo, non è dato sapere. Ma qui siamo in un
      ambito teologico e come ben sai la teologia prevede domande. Ma non
      ammette risposte…

  10. Avviso a tutti quanti:
    non mi va di moderare i commenti ma suggerisco di evitare toni “pericolosi” nei confronti di persone che potrebbero reagire male.
    Non siamo qui né per farci querelare né per farci denunciare: vogliamo restare qui per continuare a scrivere di vino e di politiche agricole.
    Cerchiamo di evitare di offrire a qualcuno il pretesto per tapparci la bocca. Grazie.

  11. Avviso a tutti quanti:
    non mi va di moderare i commenti ma suggerisco di evitare toni “pericolosi” nei confronti di persone che potrebbero reagire male.
    Non siamo qui né per farci querelare né per farci denunciare: vogliamo restare qui per continuare a scrivere di vino e di politiche agricole.
    Cerchiamo di evitare di offrire a qualcuno il pretesto per tapparci la bocca. Grazie.

  12. Avviso a tutti quanti:
    non mi va di moderare i commenti ma suggerisco di evitare toni “pericolosi” nei confronti di persone che potrebbero reagire male.
    Non siamo qui né per farci querelare né per farci denunciare: vogliamo restare qui per continuare a scrivere di vino e di politiche agricole.
    Cerchiamo di evitare di offrire a qualcuno il pretesto per tapparci la bocca. Grazie.

        1. Marcello Delucca

          Ottimo, in nome dell’astensione dall’ignoranza ti chiederò il voto come candidato presidente nell’autunno prossimo.
          Senza falsa modestia.
          Ah, l’invito nei vigneti della Rotaliana è sempre valido, ti ricordo.

  13. 10 domande al signor Delucca ( tipo, style Repubblica..)

    1) .. è innamorato del suo territorio..?
    2) .. è innamorato, per caso, della centralinista della cantina Mezzolombardo..?
    3) .. è innamorato – nonostante tutto – del presidente Roncador.,.?
    4) .. chi degli ultimi due porterebbe nella dark room adiacente il prossimo convegno sul Pinot grigio..?
    5) .. cosa ha stappato per Capodanno..?
    6) .. si farebbe intervistare dalla D’Urso..?
    7) .. Monti Le ha chiesto di entrare nella sua lista..?

    8) .. a Roma ha già un suo addetto-stampa..?

    9) .. cosa avrebbe fatto bere, a Renzi e Bersani..?

    10 ) Riempirebbe di Teroldego la Fontana di Trevi..?

  14. 10 domande al signor Delucca ( tipo, style Repubblica..)

    1) .. è innamorato del suo territorio..?
    2) .. è innamorato, per caso, della centralinista della cantina Mezzolombardo..?
    3) .. è innamorato – nonostante tutto – del presidente Roncador.,.?
    4) .. chi degli ultimi due porterebbe nella dark room adiacente il prossimo convegno sul Pinot grigio..?
    5) .. cosa ha stappato per Capodanno..?
    6) .. si farebbe intervistare dalla D’Urso..?
    7) .. Monti Le ha chiesto di entrare nella sua lista..?

    8) .. a Roma ha già un suo addetto-stampa..?

    9) .. cosa avrebbe fatto bere, a Renzi e Bersani..?

    10 ) Riempirebbe di Teroldego la Fontana di Trevi..?

  15. 10 domande al signor Delucca ( tipo, style Repubblica..)

    1) .. è innamorato del suo territorio..?
    2) .. è innamorato, per caso, della centralinista della cantina Mezzolombardo..?
    3) .. è innamorato – nonostante tutto – del presidente Roncador.,.?
    4) .. chi degli ultimi due porterebbe nella dark room adiacente il prossimo convegno sul Pinot grigio..?
    5) .. cosa ha stappato per Capodanno..?
    6) .. si farebbe intervistare dalla D’Urso..?
    7) .. Monti Le ha chiesto di entrare nella sua lista..?

    8) .. a Roma ha già un suo addetto-stampa..?

    9) .. cosa avrebbe fatto bere, a Renzi e Bersani..?

    10 ) Riempirebbe di Teroldego la Fontana di Trevi..?

    1. Marcello Delucca

      1. Certo, http://www.facebook.com/pages/Meetup-Rotaliana/119789361517520?ref=hl

      2. No, anche perché la Cantina Rotaliana non ha una centralinista.

      3. Non ho il suo costume di innamorarmi degli uomini, mi spiace per lei. 😀 Il presidente Roncador ha commesso un errore, non è il primo e non sarà l’ultimo, fino al rinnovo della carica.

      4. Nessuno, mi presenterò da solo o con una compagna.

      5. Teroldego Dannato di Paolo Zanini.

      6. Certo, con piacere, è una bella donna.

      7. No, se me l’avesse chiesto avrei detto: no, grazie.

      8. No, stia tranquillo, non sarò candidato per Roma.

      9. Granato Foradori e Methius Dorigati, visto che sono un bastardo, mez forcolot e mez brusacrist. Offerto da loro, s’intende.

      10. No, per lavarsi i piedi in una fontana va bene il Merlot.

  16. Signor Delucca se ELLA volesse.. potrebbe salire in campo per guidare il partito del VIno Trentino..!! Tutta la valle è pronta per varare proprie liste alle imminenti elezioni…220.000 voti sono già nostri…! Il Vino deve comandare sul Latte..!! Mandiamo i partiti in Alaska o in Siberia…! Trentino Libero & Stopper assieme..!

  17. Signor Delucca se ELLA volesse.. potrebbe salire in campo per guidare il partito del VIno Trentino..!! Tutta la valle è pronta per varare proprie liste alle imminenti elezioni…220.000 voti sono già nostri…! Il Vino deve comandare sul Latte..!! Mandiamo i partiti in Alaska o in Siberia…! Trentino Libero & Stopper assieme..!

  18. Signor Delucca se ELLA volesse.. potrebbe salire in campo per guidare il partito del VIno Trentino..!! Tutta la valle è pronta per varare proprie liste alle imminenti elezioni…220.000 voti sono già nostri…! Il Vino deve comandare sul Latte..!! Mandiamo i partiti in Alaska o in Siberia…! Trentino Libero & Stopper assieme..!

  19. Caro Cosimo, urge la rievocazione storica.. magari a Castel Beseno o Besenello..della fucilazione del PPV cioè del Piccolo Produttore Vinicolo..in costume d’epoca.. tricoteuses procaci… folla che tira le brioches ai ricchi…. E’ l’Europa che ce lo chiede…!!!

  20. Caro Cosimo, urge la rievocazione storica.. magari a Castel Beseno o Besenello..della fucilazione del PPV cioè del Piccolo Produttore Vinicolo..in costume d’epoca.. tricoteuses procaci… folla che tira le brioches ai ricchi…. E’ l’Europa che ce lo chiede…!!!

  21. Caro Cosimo, urge la rievocazione storica.. magari a Castel Beseno o Besenello..della fucilazione del PPV cioè del Piccolo Produttore Vinicolo..in costume d’epoca.. tricoteuses procaci… folla che tira le brioches ai ricchi…. E’ l’Europa che ce lo chiede…!!!

  22. Osservo che questo “blog del cazzo” (così oggi si è espresso un alto dirigente cooperativo interloquendo con un giornalista) è diventato anche il luogo in cui si regolano i conti cooperativi. La cosa mi piace. Anzi mi riempie di orgoglio.
    Via Segantini dovrebbe premiarci: compagno Diego, in nome della nostra comune origine contadina, batti un colpo, anzi dacci un premio!
    F.To
    Tuo CpR

  23. Osservo che questo “blog del cazzo” (così oggi si è espresso un alto dirigente cooperativo interloquendo con un giornalista) è diventato anche il luogo in cui si regolano i conti cooperativi. La cosa mi piace. Anzi mi riempie di orgoglio.
    Via Segantini dovrebbe premiarci: compagno Diego, in nome della nostra comune origine contadina, batti un colpo, anzi dacci un premio!
    F.To
    Tuo CpR

  24. Osservo che questo “blog del cazzo” (così oggi si è espresso un alto dirigente cooperativo interloquendo con un giornalista) è diventato anche il luogo in cui si regolano i conti cooperativi. La cosa mi piace. Anzi mi riempie di orgoglio.
    Via Segantini dovrebbe premiarci: compagno Diego, in nome della nostra comune origine contadina, batti un colpo, anzi dacci un premio!
    F.To
    Tuo CpR

      1. Claudio Claudio

        Egregio Sig
        Delucca, a tutta prima avrei ritenuto la cosa un fatto personale tra soci della cantina in questione ma, visto che la questione è finita sul blog e quindi di
        dominio pubblico, mi perdoni se le dico che mi solletica qualche curiosità. Siccome
        mi pare che sia lei l’artefice di questa iniziativa ci può raccontare qualche retroscena? Ad esempio
        perché ha voluto aprire lei la pagina Facebook a nome della cantina e non ha ritenuto invece che semmai andava fatta dalla amministrazione della stessa? Forse perchè la cantina non le sembra sprizzare “vitalità” da tutti i pori per quanto riguarda iniziative di visibilità commerciale e quindi quasi
        istintivamente ha voluto fare lei qualcosa? Non le sembra curioso che il presidente le invia una raccomandata invece che telefonarle per mettersi
        d’accordo? Non sarebbe stato più semplice che lei gli avesse dato la password in modo che la pagina passasse in gestione alla Cantina? Mi perdoni se ficco il naso ma converrà che la frittata ormai è fatta…

              1. D’accordo con il “polemos”.. sarebbe stata troppa grazie se anche dall’altra parte avessero organizzato un contropotere.. cioè il vero potere che si auto.organizza il proprio dissenso..! Una cosa sopraffina..per chi studia Von Clausewitz..! Io, se fossi un presidente ci marcerei.. anche perchè se è vero che a Roma – Bersani e Renzi -non hanno bevuto trentino.. ci sarebbe ben poco da ridere; mediaticamente.. Semmai ci sarebbe da chiedere dimissioni a raffica di dirigenti e persone nelle Istituzioni..

            1. Tex Willer

              Ma dai Cosimo, Marcello l’ha fatta tutta fuori dal vaso, è inutile che si lamenti. Il Presidente è stato fin troppo buono a non denunciarlo. Come si fa a costruire una pagina fb senza manco contattare il legale rappresentante, ma scherziamo?

                1. E’anche piuttosto suscettibile, oltre che burbero e polemico..mi pare. . Magari se riuscisse a non prendere a randellate in testa tutti quelli che non la pensano come lei (almeno su questo blog), sarebbe meglio… non le pare?
                  Ma a parte questo, mi scusi signor Delucca che tipo di engagement c’è stato su quella pagina facebook? Le hanno chiesto di cancellarla perché si era riempita di contenuti fuori controllo o solo perché non era stata autorizzata?

                    1. Mi perdoni se le dico che forse lei è un ingenuo, quando si chiede il perché.
                      Chi per costituzione genetica e per vocazione ideologica si dedica all’amministrazione del consenso, non può permettersi, e non può permettere, che si radichino esperienze individuali, e fuori controllo, nella gestione dell’informazione e nella produzione di notizie.

                    2. Tanta esperienza…. e poi mi cade sull’uccello… anzi su Facebook….egr. signor Delucca……
                      A parte gli scherzi… forse qualcuno si è inquietato…notando che lei ha pubblicizzato la pagina fb sul nostro blog…. che notoriamente viene visto come fumo negli occhi…anzi sabbia negli occhi. da via Segantini e dintorni…. forse.. lei ha commesso questo errore…

          1. Claudio Claudio

            Egregio Sig Delucca, certamente una scelta avventata quella di aprire privatamente la pagina su Facebook. Sono però convinto che lei l’abbia fatto in buona fede e mi pare genuina la sua affermazione sulla lettera al presidente quando dice : “…che in qualità di socio avevo attivato per
contribuire allo sviluppo e alla crescita della visibilità della società sul mercato…” segnalandogli anche che il vs
            diretto competitor dispone di una sua pagina fb con 44.325 contatti. Dalla discussione sul blog non emerge la motivazione della sua azione per cui in questi casi dovrebbe essere permesso avanzare qualche congettura. Quasi tutte le ns cantine sociali di primo grado, medio piccole, soffrono di un (per me irrazionale e ingiustificato) complesso di inferiorità. Forse un’inconscia consapevolezza che i propri “ufficiali” non sono proprio di natura eroica
            pronti ad uscire dalle trincee per darsi all’assalto baionetta tra i denti. E allora ecco che qualche socio magari voglia darsi da fare invece che solo stare a guardare. Un’ultima curiosità, il giorno seguente l’ultima vs assemblea, qualche giornale locale titolava: “…La Cantina Rotaliana lascia spazio ai giovani…” “… Ringiovanimento
            nel direttivo della Cantina Rotaliana…”. Infatti entravano a far parte del cda, (un vice-presidente ed un consigliere), due giovani della classe 1984… E la pagina Facebook ci pensa ad aprirla un, mi scusi, socio anziano?… Curioso!… via Segantini? Mah…

              1. Tex Willer

                Ma di cosa stiamo parlando… per favore!
                Se crede ancora alle favole signor professore della Federazione che passa il proprio tempo a sfogliare le pagine Facebook delle proprie
                associate siamo proprio apposto.
                Dica alla Sua direzione di non fare il gioco dello scarica barile, e se hanno le palle si prendano tutta la loro legittima responsabilità e il
                diritto di bloccare una scorrettezza: la Sua pagina facebook con nome della cantina, che come minimo questa Sua iniziativa andava concertata con loro.
                Ma per favore non tiri in ballo la Federazione che sicuramente in questa storia centra come i cavoli a merenda.

  25. Marcello Delucca

    Raccomandata A.R.

    Egr. Sig.
    DELUCCA Marcello
    Corso Mazzini 40
    38017 MEZZOLOMBARDO TN

    OGGETTO: Account Cantina Rotaliana – Facebook

    Egregio Signor Delucca, siamo venuti a conoscenza che di Sua spontanea iniziativa ha registrato una pagina Facebook per conto della scrivente Cantina Rotaliana di Mezzolombardo.

    La invitiamo pertanto a desistere da tale progetto e quindi a provvedere alla cancellazione del suddetto profilo entro il termine di 8 giorni dalla data di ricevimento della presente, trascorso il quale la Cantina Rotaliana si riserva di procedere per altre vie.

    Confidando in un positivo riscontro, con l’occasione si inviano cordiali saluti.

    Mezzolombardo, 28/12/2012

    IL PRESIDENTE
    LUIGI RONCADOR

    1. Marcello Delucca

      Egregio Signor

      Luigi Roncador

      c/o Cantina Rotaliana di Mezzolombardo

      Via Trento, 65/b

      38017 Mezzolombardo TN

      Oggetto: Vs. raccomandata A.R. del 28/12/2012

      Egregio Signor Roncador,

      prendo
      atto della Sua richiesta scritta di cancellazione del profilo Facebook della
      Cantina Rotaliana di Mezzolombardo, che in qualità di socio avevo attivato per
      contribuire allo sviluppo e alla crescita della visibilità della società sul mercato.

      Con rammarico ho attivato la procedura di cancellazione.

      La pagina sarà eliminata entro 14 giorni dalla data presente,
      secondo la normativa del contratto di accesso al servizio Facebook.

      Le segnalo che il competitor fisicamente prossimo, Mezzacorona
      SCARL, http://www.facebook.com/Mezzacorona,
      possiede un profilo Facebook in lingua inglese con 44.325 utenti attivi al
      momento della stesura della presente risposta alla Vostra raccomandata.

      Distinti saluti,

      Marcello Delucca

      Mezzolombardo, 04/01/2013

      1. Claudio Claudio

        Egregio Sig
        Delucca, a tutta prima avrei ritenuto la cosa un fatto personale tra soci della cantina in questione ma, visto che la questione è finita sul blog e quindi di
        dominio pubblico, mi perdoni se le dico che mi solletica qualche curiosità. Siccome
        mi pare che sia lei l’artefice di questa iniziativa ci può raccontare qualche retroscena? Ad esempio
        perché ha voluto aprire lei la pagina Facebook a nome della cantina e non ha ritenuto invece che semmai andava fatta dalla amministrazione della stessa? Forse perchè la cantina non le sembra sprizzare “vitalità” da tutti i pori per quanto riguarda iniziative di visibilità commerciale e quindi quasi
        istintivamente ha voluto fare lei qualcosa? Non le sembra curioso che il presidente le invia una raccomandata invece che telefonarle per mettersi
        d’accordo? Non sarebbe stato più semplice che lei gli avesse dato la password in modo che la pagina passasse in gestione alla Cantina? Mi perdoni se ficco il naso ma converrà che la frittata ormai è fatta…

        1. Marcello Delucca

          Eh certo, chieda pure all’attuale presidente, Signor Luigi Roncador.
          Sono sicuro che riceverà ampie ed esaurienti delucidazioni in merito alle domande che La assillano.
          Scriva a info@cantinarotaliana.it
          Sia fiducioso, vedrà che leggeranno la Sua mail e riceverà pronta e cortese risposta.
          Quanto a Facebook e alle pagine pubbliche, si ricordi che la password è personale, non cedibile e che un uso improprio può costituire furto di identità, che è un reato.
          Ognuno è libero di contribuire con i files supportati dal fornitore del servizio.
          Si legga per cortesia il contratto d’uso.
          Amministrare una pagina pubblica Facebook è possibile, basta condividerne l’amministrazione.
          Come ho avuto modo di spiegare.
          In buon italiano, mi creda.
          A volte spiegare non basta. Servono interlocutori attenti, in grado di comprendere.
          Senza spedire raccomandate.
          La rete è libertà di espressione, e la libertà si esprime pienamente, se non è lesiva della libertà altrui.

          Quanto all’italiano, il ” Non le sembra curioso che il presidente le invia una raccomandata” stride un po’ per l’assenza di congiuntivo.

          Buon lavoro.

          …and remember, curiosity killed the cat… 😀

              1. D’accordo con il “polemos”.. sarebbe stata troppa grazie se anche dall’altra parte avessero organizzato un contropotere.. cioè il vero potere che si auto.organizza il proprio dissenso..! Una cosa sopraffina..per chi studia Von Clausewitz..! Io, se fossi un presidente ci marcerei.. anche perchè se è vero che a Roma – Bersani e Renzi -non hanno bevuto trentino.. ci sarebbe ben poco da ridere; mediaticamente.. Semmai ci sarebbe da chiedere dimissioni a raffica di dirigenti e persone nelle Istituzioni..

                1. Marcello Delucca

                  Mai dire mai…non è detto che non “salti” in politica il prossimo autunno. Intanto osservo lo spettacolino delle elezioni italiote di carnevale.
                  Per dirla nel mio dialetto, “no’l me manchia el schiagnel da monger no…”
                  Ma non sarebbe male vedere le carte in federazione delle cooperative, sapendo da dove è partita la raccomandata infame. 🙂

            1. Tex Willer

              Ma dai Cosimo, Marcello l’ha fatta tutta fuori dal vaso, è inutile che si lamenti. Il Presidente è stato fin troppo buono a non denunciarlo. Come si fa a costruire una pagina fb senza manco contattare il legale rappresentante, ma scherziamo?

                1. E’anche piuttosto suscettibile, oltre che burbero e polemico..mi pare. . Magari se riuscisse a non prendere a randellate in testa tutti quelli che non la pensano come lei (almeno su questo blog), sarebbe meglio… non le pare?
                  Ma a parte questo, mi scusi signor Delucca che tipo di engagement c’è stato su quella pagina facebook? Le hanno chiesto di cancellarla perché si era riempita di contenuti fuori controllo o solo perché non era stata autorizzata?

                  1. Marcello Delucca

                    più che di engagement si tratta di marketing awareness…nessun contenuto era fuori controllo, anzi, l’iniziativa è stata lodata e apprezzata nel cda della cantina. L’iniziativa di chiedere la cancellazione è partita dall’interno della federazione delle cooperative.
                    Quali timori abbiano ispirato l’infelice mossa non mi è dato di sapere.
                    So soltanto che l’ignoranza è molto diffusa.
                    Mi scuso per la mia… 🙂

                    1. Mi perdoni se le dico che forse lei è un ingenuo, quando si chiede il perché.
                      Chi per costituzione genetica e per vocazione ideologica si dedica all’amministrazione del consenso, non può permettersi, e non può permettere, che si radichino esperienze individuali, e fuori controllo, nella gestione dell’informazione e nella produzione di notizie.

                    2. Tanta esperienza…. e poi mi cade sull’uccello… anzi su Facebook….egr. signor Delucca……
                      A parte gli scherzi… forse qualcuno si è inquietato…notando che lei ha pubblicizzato la pagina fb sul nostro blog…. che notoriamente viene visto come fumo negli occhi…anzi sabbia negli occhi. da via Segantini e dintorni…. forse.. lei ha commesso questo errore…

          1. Claudio Claudio

            Egregio Sig Delucca, certamente una scelta avventata quella di aprire privatamente la pagina su Facebook. Sono però convinto che lei l’abbia fatto in buona fede e mi pare genuina la sua affermazione sulla lettera al presidente quando dice : “…che in qualità di socio avevo attivato per
contribuire allo sviluppo e alla crescita della visibilità della società sul mercato…” segnalandogli anche che il vs
            diretto competitor dispone di una sua pagina fb con 44.325 contatti. Dalla discussione sul blog non emerge la motivazione della sua azione per cui in questi casi dovrebbe essere permesso avanzare qualche congettura. Quasi tutte le ns cantine sociali di primo grado, medio piccole, soffrono di un (per me irrazionale e ingiustificato) complesso di inferiorità. Forse un’inconscia consapevolezza che i propri “ufficiali” non sono proprio di natura eroica
            pronti ad uscire dalle trincee per darsi all’assalto baionetta tra i denti. E allora ecco che qualche socio magari voglia darsi da fare invece che solo stare a guardare. Un’ultima curiosità, il giorno seguente l’ultima vs assemblea, qualche giornale locale titolava: “…La Cantina Rotaliana lascia spazio ai giovani…” “… Ringiovanimento
            nel direttivo della Cantina Rotaliana…”. Infatti entravano a far parte del cda, (un vice-presidente ed un consigliere), due giovani della classe 1984… E la pagina Facebook ci pensa ad aprirla un, mi scusi, socio anziano?… Curioso!… via Segantini? Mah…

            1. Marcello Delucca

              Grazie per l’anziano, ha ragione da vendere in molte osservazioni…metto a frutto le competenze dei nativi digitali perché vivo con loro da prof di inglese…non si meravigli che un programmatore di web farm dei primi anni 90 sia diventato anche wine farmer, da figlio e padre di coltivatori di teroldego.
              E usi tranquillamente la rete e i suoi strumenti.
              …via Segantini?…Boh…per cosa li manteniamo? Per consigliare di scrivere raccomandate?
              Ognuno in fondo ha l’età che si sente e può esprimere solo le proprie capacità. 🙂

              1. Tex Willer

                Ma di cosa stiamo parlando… per favore!
                Se crede ancora alle favole signor professore della Federazione che passa il proprio tempo a sfogliare le pagine Facebook delle proprie
                associate siamo proprio apposto.
                Dica alla Sua direzione di non fare il gioco dello scarica barile, e se hanno le palle si prendano tutta la loro legittima responsabilità e il
                diritto di bloccare una scorrettezza: la Sua pagina facebook con nome della cantina, che come minimo questa Sua iniziativa andava concertata con loro.
                Ma per favore non tiri in ballo la Federazione che sicuramente in questa storia centra come i cavoli a merenda.

  26. Pingback: Cantina Rotaliana di Mezzolombardo su fb | SegnalaFeed.It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *