Che c’è di nuovo?

che c'è di nuovo

Il Trentino di oggi apre, sotto il titolo “Capodanno in piazza, va in scena il deserto”, con sotto un’immagine emblematica di Dino Panato che a mezzanotte di San Silvestro mostra una piazza di Fiera vuota, guardata da un dimenticato tabellone di Bollicine su Trento e dalla sede vescovile di Palazzo Particella, uniti da una lugubre sega ghibellina di merli che fendono il nulla. Con le due figurine che si allontanano controcorrente c’è la sintesi di tutto. Magistrale. Morta anche la speranza? No, mai. Mi ribello e trovo un bandolo sicuro nella tradizione dei nostri fotografi-comunicatori e nei giornalisti che pubblicano per scuotere le coscienze. Le coscienze, appunto. Prevalgono quelle appagate, quelle indisposte a mettersi in discussione e a imparare dagli errori commessi.

Che c’è di nuovo, mi chiedeva stamattina a feste quasi finite un grande dell’enologia trentina?

CONDIVIDI CON

13 Commenti

  1. Caro Massarello, volevo farti notare che ieri, a Roma… Renzi e Bersani hanno patteggiato e pasteggiato.. con vino altoatesino.. Così.. tanto per dare una risposta al grande combattente dell’Enologia Trentina.. ( ET come acronimo… che caso.. eh..? )

  2. Caro Massarello, volevo farti notare che ieri, a Roma… Renzi e Bersani hanno patteggiato e pasteggiato.. con vino altoatesino.. Così.. tanto per dare una risposta al grande combattente dell’Enologia Trentina.. ( ET come acronimo… che caso.. eh..? )

  3. Caro Massarello, volevo farti notare che ieri, a Roma… Renzi e Bersani hanno patteggiato e pasteggiato.. con vino altoatesino.. Così.. tanto per dare una risposta al grande combattente dell’Enologia Trentina.. ( ET come acronimo… che caso.. eh..? )

  4. Pingback: Che c’è di nuovo? | SegnalaFeed.It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *