D’Araprì: classico pugliese, classico italiano

il classico pugliese

Pubblico qui sotto  una email che mi è arrivata poco fa, perchè sono contento. Come sapete questo blog non è tanto amico dei concorsoni e dei parrucconi del vino. A queste cose ci crede fino ad un certo punto.

Oggi tuttavia mi fa piacere scoprire che non sono il solo a considerare il Metodo Classico pugliese di Tenuta d’Araprì (FG), un grande metodo classico. Si vede che fra un abbaglio e l’altro, ogni tanto ci azzecco anche io. Lo scorso anno avevo scritto  dei prodotti di questa azienda, raccontando il mio entusiasmo per questi vini che trovai sorprendenti.  E  ora ritrovo la Gran Cuvée d’Araprì nella terna dei Metodo Classico italiani che si contenderanno l’Oscar del Vino  2013 di Bibenda, insieme a Franciacorta Gran Cuvée Brut 2007 – Bellavista e a Oltrepò Pavese Pinot Nero Brut Giorgi 1870 Gran Cuvée Storica 2008 – Giorgi. Che dire, chiaro che io ho votato e ho votato D’Araprì.

————-

Carissimi Amici

con grande gioia Vi comunichiamo che finalmente il nostro Territorio è stato annoverato tra le Stelle del firmamento enologico italiano per le “Bollicine”. Infatti la Gran CuvéeXXI secolo 2007 è tra le tre nomination che il 3 giugno p.v. si disputeranno l’Oscar 2013 per il miglior Vino Spumante.

http://www.darapri.it/inevidenza/inevidenza_nomination2013.htm

Vi ricordiamo che dal 15 aprile fino al 20 maggio sul link sotto indicato sarà possibile partecipare alle votazioni che determineranno, speriamo, la vittoria del nostro Gran Cuvée anche con il Vostro voto.

Cordialmente

Girolamo, Louis e Ulrico.

http://www.bibenda.it/oscar_votazione.php

————–

Felice per la Puglia e come sempre vagamente deluso per il Trentino, anche questa volta assente dalla competizione. Quasi assente. Perché a contendersi l’Oscar di Bibenda per i vini rossi, a guardare bene, una bottiglia trentina c’è. E, chiaramente, si tratta del San Leonardo (2007). Un classico. Più che un vino trentino, un grande bordolese internazionale. Ma il resto del Trentino, tutto il resto dove sta? Dove?

—-

CONDIVIDI CON

4 Commenti

  1. Franco Ziliani

    sottoscrivo Cosimo. In un Oscar che é, basta vedere i nomi delle varie nominations, una cosa ben poco seria, la scelta di D’Araprì costituisce uno dei pochi segni di serietà e di autorevolezza. Ottimi metodo classico e azienda esemplare.

  2. Franco Ziliani

    sottoscrivo Cosimo. In un Oscar che é, basta vedere i nomi delle varie nominations, una cosa ben poco seria, la scelta di D’Araprì costituisce uno dei pochi segni di serietà e di autorevolezza. Ottimi metodo classico e azienda esemplare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *