Dedicato al Pd. Dedicato ad un partito che sbaglia. Sempre

“Compagno, quando il partito, finalmente, sbaglia e a tutti è dato scrivere sui muri la libertà dinterpretare il mondo di criticare i propri dirigenti senza i tabù del glorioso passato, allora, credi, si vincerà.
Compagno, quando il soldato non ha generali e il fucile è come un compagno, quando il soldato è popolo che lotta ora per ora, così nella scuola, così in fabbrica, in casa e nel campo, allora, credi, si vincerà…

CONDIVIDI CON

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *