La Coca – Cola e il declino della politica

Questa foto è stata fatta girare in Twitter l’altro giorno da PT. Diego Mosna abbraccia il popolo di Silvano Grisenti e viceversa. Una volta certi accordi e certi abbracci erano innaffiati da una Magnum di Champagne o almeno da una Jeroboam di Giulio Ferrari. Ora, in Trentino, va così: le intese politiche si siglano a bicchieri (di plastica) e Coca-Cola.  Cosi va la vita, così va questo (povero) Trentino (in declino).

BQ6t4BmCAAEeBCL (1)

CONDIVIDI CON

6 Commenti

  1. il Conte

    @Lisa – macchè territorio ! Qui si prepara la prossima campagna del Vin Santo.
    Da Cles a Trento sul ponte di Mostizzolo.
    Una volta la ferrovia Trento – Malè la chiamavamo “vacca nonesa”, onesta e utile a congiungerci.
    Oggi abbiano i suv e le circonvallazioni faraoniche.
    Vedi tu…..

  2. Lisa dagli occhi blu

    Guardare questa foto è come immaginare Marchionne alla guida di una Skoda. E’ l’immagine di chi parla di territorio e poi non sa nemmeno dove stia di casa il territorio.
    Che poi fra l’altro mi sembrava di aver letto che questo industriale è anche un produttore di vino in Toscana, o sbaglio io?

  3. Pingback: La Coca – Cola e il declino della politica | SegnalaFeed.It

  4. “Ha da venì Baffone”
    Certo che se la foto è una sintesi del programma la partenza sembra molto fiacca, capitan Mosna sembra già rassegnato alla sconfitta.
    A parte la coca-cola che dimostra scarso senso civico e disinteresse verso il territorio che si accingono a governare mi turba il simbolo scelto: pari pari a quello delle poste e telegrafi.
    Che sarà? Nostalgia di privilegi classisti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *