Storie di enobordelli, di conigli e di pitonesse: buona vendemmia!

(http://www.radio24.ilsole24ore.com/programma/lazanzara/index.php
Pitonessa – Puntata del 03-09-2013)
di il Conte – Oltre al nostro blog che vede rivoluzionari benpensanti, timide donne che non amano le brutte parole, spesso tutti in crisi grillesca, di confusioni fatte di mele e spregiudicate acquisizioni allo spread, rinvio ala trasmissione che non è trasgressiva come qualcuno potrebbe pensare ma molto incisiva per il mondo online che viviamo.
E molto documentata. Quasi quanto noi.
Sono certo che nessuno segue questa splendida enclave di “radio24.ilsole24ore” perché da noi vengono altri altrettanto illustri colleghi che vanificano il loro tempo parlando di economia, argomento del quale siamo..in secco e sicuramente non aumentando di una virgola l’audience della trasmittente come del giornale da noi.
Per brevità riassumo : il conduttore della Zanzara intervista il prof. Santanchè, marito diviso-separato della più nota Daniela, aquilotta in brache bianche.
Vedi : http://it.wikipedia.org/wiki/Daniela_Santanch%C3%A8
E’ donna instancabile e dalle mille risorse.
Ma qualcuno in parlamento ricorda il suo curriculum e le sue storie milanesi.
Quindi la chiama “pitonessa” come la barzelletta – pare unica – che lei ricordava ad altri.
Nel nostro tempo fatto di vigne, di contrasti e pieghevoli elettivi, riassumo qui il significato profondo della “Pitonessa” per chi non ha mai tempo di approfondire bene quanto c’è oltre ai “murazzi”, confini con i quali dobbiamo continuamente confrontarci per essere seriamente competitivi.
Pitonessa (versione comune, popolar-agricola)
Il Coniglietto di una grande fattoria desidera finalmente avere una esperienza INCREDIBILE.
Raccolti i suoi risparmi si reca dalla Vacca, grande tenutaria del bordello agro-industriale locale.
“Desidero avere il meglio delle tue ragazze” annuncia e la Vacca: “Non c’è problema, è arrivata la “Pitonessa”, unica per quello che sa fare… !!!”
Il Coniglietto paga, si reca nella camera, entra e vede che è tutta buia.
Vede due grandi occhi, grandi, grandi che lo aspettano e poi più nulla.
La Vacca dopo un’ora non vedendo il Coniglietto, si preoccupa e va alla camera della Pitonessa.
Accende la luce e vede che la Pitonessa ha una grossa pancia.
Impaurita la rigira, la massaggia e – finalmente – il coniglietto esce dalla bocca.
“Come va ?” chiede la Vacca maitresse, preoccupata.
“Splendidamente – risponde il Coniglietto – è stato il più bel ..bocchino della mia vita”

Ecco come si divertono a Roma, Cuneo, Milano e dintorni.
E se da noi ci sono state Pitonesse le abbiamo dimenticate oppure
hanno saputo farsi dimenticare.

Buona vendemmia a tutti !

Il Conte

PS: Grazie con stima a Nereo per quanto ha scritto, ricordando El Zeremia.
Testimonia ancora che qualcosa di serio e buono c’è, fuori dai bordelli agricolo-popular-ignoranti-eccetera che ci circondano e in cui dobbiamo, nostro malgrado, vivere tutti.

CONDIVIDI CON

14 Commenti

  1. Pingback: Storie di enobordelli, di conigli e di pitonesse: buona vendemmia! | SegnalaFeed.It

  2. il Conte il Conte

    Mi spiace che nessuno abbia notato i prezzi del bordello, generosamente ricercati e pubblicati in immagine da Cosimo. Da pseudomarketing del bidet, ricordando la canzone “Potessi avere Mille lire al mese”. In fondo, in fondo una sbordellata costava quasi come un Talento,Trento Doc. Con qualche aggiunta – sapone e salvietta………. cosa che se vediamo i flute di oggi siamo presi da grande nostalgia.

  3. il Conte il Conte

    Accidenti se non stiamo accorti qui davvero arriva la Cia, il controllo dei telefonini e tutto quello che segue. Accidenti, la mia voleva essere solo una cronaca sorridente e una barzellettina amena che a Roma conoscono anche i sassi – chimati dialettalmente, guarda un po’ – “sanpietrini”.
    La prossima volta sarò più attento perchè pare che il sorriso non alloggi più a Via Veneto o al Giro al Sass..

  4. il Conte il Conte

    Ho fatto solo la cronaca di come ci stiamo divertendo tutti in questi giorni. Non pensavo minimamente a Siria, Papa Francesco e men che meno al mio grande Papa Polacco. Questo blog non parla solo di vino : è il suo bello — perché Cosimo concede spazio a gente come me e come altri.
    Eppoi “La Vigna del Signore” è tradotta oggi in “L’Uva del Paròn” e per quanto ho annotato vede anche una bella signora da .. le bele braghe bianche che in fatto di palanche pare se ne intenda un po’. Amen

  5. Verusca

    Se è per questo anche certi partiti Italiani hanno nella loro recente storia fatti o connivenze di cui vergognarsi ma nonostante questo osano definirsi “democratici”.
    La Chiesa, a differenza loro, con Papa Giovanni Paolo II ha saputo almeno chiedere scusa per le colpe passate.

    1. Gentile Veruska, mi permetto di chiarirLe che i partiti non si occupano di aldilà, ma si limitano a gestire la quotidianità.Spesso costretti a infilare le dita nella merda.Della quotidiana.
      Questo Le dovevo.
      Ps: Il soggetto innominabile che Lei cita, nel mentre “chiedeva scusa”, contribuiva fattivamente a trasformare mezza Europa in un luogo di conquista per la Coca-Cola e a trasformare milioni di persone in un popolo apolide di puttane, di badanti e di alcolizzati. (a volte el tacom le pezo del bus)
      Anche questo Le dovevo.
      AU REVOIR
      Suo Cosimo

      1. Aggiungo che lo stesso G.P. 2° trescava con Casey, gran capo della Cia, irlandese e cattolico.. in una sorta di limbo politico, sia del Vaticano che degli USA, talmente raffinato come entità governativa super-partes da far apparire l’Inquisizione quasi un privè di corso Rosmini; solo un pò piu’ allargato…! Vero Verusca..?

  6. Mi permetto di intervenire, sebbene io non sia l’autore del post.
    Chi ti tira in ballo è il Conte…e il Conte risponderà.
    Però ho seguito il tuo invito alla lettura e ho letto.
    Apprezzabile iniziativa dei cattolici, che sino a ieri (in senso storico) si sono dedicati appassionatamente alla violenza, alla tortura, a pratiche sanguinosamente cruente e all’esercizio quotidiano del dominio (che oggi esercitano ancora attraverso gli strumenti della finanza e del capitalismo).
    Non credo la chiesa un referente autorevole su queste materie. Penso anzi si dovrebbe dedicare ancora per qualche millennio al silenzio e alla penitenza, Il silenzio penitenziale che spetta a chi sino a ieri si è macchiato di crimini orrendi contro l’umanità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *