Un sindaco e la sua scrivania di cartone… il Brasile a Villa Lagarina

Senza titolo-1

di il Conte – Adoro questo blog perché forse è tutto e talvolta nulla.

Tutto, perché dice molto, anticipa e sa soffrire.

Nulla, perché non è sponsorizzato.

Però nel dire qualcosa o nel tacere quello che sa di camerel, ecco dire (o ammettere) di esserci stato anch’io nel Comune di Villa Lagarina (15 ottobre 2013 – ore 18 circa) quando a pochi giorni dalle elezioni il dinamico, giovane sindaco, musicista (come me, un tempo) con la gentile signora e altri, accoglieva una delegazione di trentini – brasiliani da tantissimi anni lontani, ma perfettamente ancora parlanti italiano.

Nelle loro terre, cercano i loro vitigni lontani con uguale nobiltà e volontà.

Tremenda giudice ma dolcissima professionalmente ed esperta una Sommelier tutta rosa.

E’ lei che mi ha ricordato come si giudica un vino – olfatto – gusto, annusazione.

Non ci sono ancora arrivato, però è stato bello, soprattutto molto istruttivo.

Poi il Sindaco, oggi promosso al convivium provinciale, che mi ha fatto notare la sua scrivania ecologica in cartone compresso.

Perché tutto questo avveniva nel suo studio!

Tutto il Comune era straordinariamente aperto a tutti noi.

Lo ritroverò mai in Villalagarina?

Spero di sì come la sua gentile signora che ho terrorizzata (Comune totalmente aperto!!) chè mi ero preso 2 pennarelli e 1 penna a biro. Tanto come ricordo…..

Non è vero: l’esproprio proletario qui non va ma in altri posti vale proprio l’esproprio!

Non proletario – come andava di moda un tempo – ma solo quello di chi è stato e preso in giro.

E sa reagire.

 Il Conte

 

CONDIVIDI CON

5 Commenti

  1. il Conte il Conte

    Caro Morgan, ma dai.. gratta gratta direi che molto si trova.
    Bisogna avere pazienza, però perchè “siamo tutti bravi ragazzi”.
    Eppoi tutti adorano i programmi molto ambiziosi, anche i coglioni !

  2. il Conte il Conte

    Caro pirata Morgan, io sono personalmente con un vecchio quasi conoscente come Sergio Leone: “Giù la Testa” che andò così sugli schermi di noi benpensanti e poi online – però il Leone desiderava la chiosa importante quella che durante la storia si sussegue quasi sette volte: “Giù la testa, Coglione !” Oggi forse di Edy Wallace un po’ buoni e un po’ ignoranti ce ne sono tanti : vediamo come andrà a finire dopo le prossime esplosioni….trentine e non !
    I primi botti ci sono stati e molti ce ne saranno – penso ovviamente solo cine-mato-gra-fica-mente.

    1. Caro Conte, una vecchia bandiera dell’IRA, verde e gialla come quella che si portava dietro nel film James CVoburn, si può sempre trovare.. Non so se troveremo, invece tanti coglioni.. Tu che dici..? Ne troveremo.. o dovremo dare ragione al fan di De Gaulle che chiedeva “.. mon General morte ai coglioni..! ” Il vecchio generale, realista, rispondeva :” mio caro amico il suo programma elettorale è molto ambizioso..! “..

  3. Pingback: Un sindaco e la sua scrivania di cartone… il Brasile a Villa Lagarina | SegnalaFeed.It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *