Social Wine, Social Mezzacorona

facebookinstagramtwitter

Ieri un piccolo produttore veronese mi ha chiesto quale sia, secondo me, l’azienda vinicola più social (social nel senso di social media) del Trentino. Ho risposto senza reticenze: “Mezzacorona e solo Mezzacorona”. Sì, avete capito bene: Mezzocorona. Penso che, oggi, solo la grande cooperativa rotaliana abbia capita, e fatta propria, la grammatica dei nuovi media. Che è una grammatica fondata sul principio della viralità, ovvero dei contenuti “contagiosi”. E per essere contagiosi, questi contenuti, devono essere sintetici, ma anche curiosi, disinvolti e divertenti. E nel caso dei profili aziendali devono necessariamente mettere in secondo piano, solo sullo sfondo, il prodotto per evitare di far scappare il navigatore a gambe levate. Insomma, devono essere contenuti che facciano venire voglia di cliccare sul famigerato tastino della condivisione, in tutte le sue diverse combinazione e sfumature.

Mezzacorona – che inspiegabilmente, però, ha prodotto recentemente il video meno social della storia del social – questo lo ha capito. E sta facendo una bella, ed efficace, azione combinata sui new media più diffusi (Facebook, Twitter e Instagram) e lo fa prevalentemente in lingua inglese (come deve essere). I comunicatori digitali della coop rotaliana ogni giorno si inventano nuovi e originali tag (#mezzacoronamantra, #letsrotari), pubblicano locandine di vecchi film (Vacanze romane), giocano con il ritmo sillabico degli Haiku (Dolce suono / dei passeri nel cielo), citano i versi di grandi poeti del passato (Anna Achmatova).

Tutto questo crea un’atmosfera leggera, disinvolta e friendly che alla fine ti predispone bene verso il prodotto (le bottiglie), un po’ come capitava con le simpatiche e indimenticabili storielle dei vecchi Carosello. Del resto, mi pare di poter dire che le campagne aziendali sui new media per funzionare davvero devono riuscire a fare proprio questo: coniugare il contenuto “eccentrico” (quello di Carosello) con il ritmo della sinteticità (i tempi dello spot). Allora funzionano. E Mezzacorona, oggi, sta facendo proprio questo, dimostrando una sorprendente attitudine alla viralità sociale. Gli altri, almeno in Trentino (e non solo in Trentino), da questo punto di vista sono indietro anni luce.

Twitter – Facebook – Instagram

CONDIVIDI CON

3 Commenti

  1. Curiosa&Sospettosa Curiosa&Sospettosa

    dimenticavo.. non è che ora questo blog…diventerà… un #mezzacoronamantra? Attento che rischi di perdere anche quei quattro lettori che ti restano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *