La rivoluzione dal basso

1560648_743013025762562_5346302890145119093_n

Cambiano i tempi: la rivoluzione dal basso parte dall’alto di Madonna di Campiglio. Ieri sera sui canali social di Andrea Aldrighetti, sommelier Ais e autore del blog Enophilia, è comparsa una rivoluzionaria, e provocatoria,  lista vini presentata per la cena del 25 luglio nel lussuoso ristorante dell’Hotel Ariston di Madonna. Hashtag: #rivoluzionedalbasso. Cosa c’è di innovativo in questa lista: tutto. A partire dall’introduzione del sostantivo territoriale Cembra accanto al Mueller Thurgau Zanotelli. Una proposta, questa, che era partita mesi fa proprio da questo blog: il prossimo passo, lo diciamo all’amico Andrea, sarà il Cembra Bianco  e magari anche un bel Cembra Rosso. Ma non basta. La carta vini aldrighettiana, fa cadere, finalmente,  anche la desinenza DOC del TRENTO (Opera Brut) e le indicazioni e le denominazioni degli altri vini. Insomma, la rivoluzione territoriale parte dai salotti di Madonna di Campiglio. Meno male.

—————————–

CONDIVIDI CON

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *