La rivoluzione dal basso

1560648_743013025762562_5346302890145119093_n

Cambiano i tempi: la rivoluzione dal basso parte dall’alto di Madonna di Campiglio. Ieri sera sui canali social di Andrea Aldrighetti, sommelier Ais e autore del blog Enophilia, è comparsa una rivoluzionaria, e provocatoria,  lista vini presentata per la cena del 25 luglio nel lussuoso ristorante dell’Hotel Ariston di Madonna. Hashtag: #rivoluzionedalbasso. Cosa c’è di innovativo in questa lista: tutto. A partire dall’introduzione del sostantivo territoriale Cembra accanto al Mueller Thurgau Zanotelli. Una proposta, questa, che era partita mesi fa proprio da questo blog: il prossimo passo, lo diciamo all’amico Andrea, sarà il Cembra Bianco  e magari anche un bel Cembra Rosso. Ma non basta. La carta vini aldrighettiana, fa cadere, finalmente,  anche la desinenza DOC del TRENTO (Opera Brut) e le indicazioni e le denominazioni degli altri vini. Insomma, la rivoluzione territoriale parte dai salotti di Madonna di Campiglio. Meno male.

—————————–

CONDIVIDI CON
  • 5
    Shares
  • 5
    Shares

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *