Bolla Romana

7599_861920357153072_2312522845270254287_n

Conversazione rubata questa mattina su un binario, a Torino. Due belle signore, con l’accento marcatamente romano, incontratesi probabilmente per caso, parlano di Trentino.

Signora 1: “Bello il Trentino, splendide montagne e poi ho un amore in Trentino. Un amore difficile, ma un grande amore”.

Signora 2: “Anch’io vado spesso in Trentino. Mio marito ha un’enoteca nel centro di Roma, ci andiamo spesso lassù a comperare vino, ad assaggiare. Sono bravi lassù, molto collaborativi fra loro. Sono molto più avanti di noi. Ah che bello il Trentino”.

Signora 1: “Ah si è vero tutto un altro mondo, il Trentino”.

Signora 2: “Ci siamo andati anche qualche settimana fa,con mio marito, siamo stati da diversi produttori: abbiamo assaggiato degli ottimi Prosecco, davvero ottimi. Anche migliori dei Prosecco del Veneto”.

Signora 1: “Ma non mi pare che in Trentino si produca Prosecco, in Trentino sono specializzati in Metodo Classico”.

Signora 2: “No, no era Prosecco. Ne sono sicura… Uhm, no forse ha ragione lei. Beh, insomma, sono pur sempre tutte bollicine”.

Sorrido e salgo sul mio treno, mentre le due improvvisate amiche romane continuano le loro adorabili e amene chiacchiere. E scrivo queste due righe. Pensando che giusto in questi giorni TRENTODOC va in città. A Roma appunto.

CONDIVIDI CON

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *