La barca affonda

E ora qualcuno spieghi. Racconti. Narri. Indaghi. Qualcuno ci faccia capire.

CONDIVIDI CON

4 Commenti

  1. Galileo

    Una cosa non mi torna: come mai il niet è arrivato da una Cassa Rurale piuttosto che da una più “quotata” banca nazionale, che in teoria avrebbe anche meno interessi sul territorio ?
    E intanto, in mezzo a tutto questo casino, i veneti se la ridono….

  2. Claudio Claudio

    Mamma mia… quanta apprensione! Sembra che un vascello sia scomparso dai radar mentre navigava nel triangolo delle Bermude! Sembra che non abbiate mai seguito le vicende delle LaVis prima di ieri. Dove stanno tutti ‘sti misteri? Non avete mai imparato che uno più uno fa due? La LaVis era non-sostenibile finanziariamente già 4 anni fa, quando venne affidata al “Commissario del Governo”. Solo che allora le banche fecero il solito inchino di 90° al “Sior Governator” ed il fido venne garantito. Ora che il precedente “Sior Governator” non esercita più il solito “fascino dell’inchino” ed il nuovo “Sior Governator” vuole prendere le distanze dai feudi del precedente “Sior Governator” ecco che le banche fanno quello che tutti i cortigiani hanno sempre fatto nella storia della cortigianeria. Scaricano i vecchi feudi per poi andare a fare gli inchini di 90° ai nuovi feudi… Normale amministrazione, almeno negli ultimi 1000 anni!

    Volete aspettare di vedere l’ultimo bilancio? Se avete tempo da perdere fate pure. L’azienda era decotta già 5 anni fa, che cosa volete scoprire adesso… quale “mistero” temete si “nasconda” nella gestione degli ultimi12 mesi… scoprirete solo che i ricavi dalle vendite di vino sono aumentati rispetto l’esercizio precedente… (Crozza li catalogherebbe tra I Misteri di Kazzenger…!)

  3. io

    Non avendo visto il bilancio ogni discorso che facciamo qui è praticamente inutile . Però, da quello che si capisce sentendo cosa dicono i revisori ( che il bilancio lo hanno visto ) sembrerebbe che la situazione sia preoccupante . Più di quanto si pensava . E più di quanto pensavano le banche stesse . La retromarcia, considerando il loro punto di vista ed i loro interessi, parrebbe quindi giustificata . Uso il condizionale perchè ribadisco che sto parlando di un qualcosa che non conosco. Quello che mi pare strano è come mai ci si sia trovati a fine anno in una situazione così complicata, con tempi strettissimi per la risoluzione dei problemi . Se poi è vero che questo famoso bilancio è così lacunoso come si mormora , mi chiedo anche come possa essere stato presentato sperando che venisse accettato . Troppi punti oscuri si dice ci siano , noi possiamo fare solo supposizioni ma a che serve ? Le risposte ai quesiti di CPDR devono darle le banche, la politica , la federazione cooperative e soprattutto il CDA ed i dirigenti della LaVis . Spieghino loro casa è successo, poi si vedrà se si riesce a trovare la soluzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *