Teroldego Foradoriano

foradori

Secondo il Corriere della Sera Elisabetta Foradori, new entry di Opera Wine,  ha dato nuova luce ad un vitigno semidimenticato: il Teroldego.

Vada per la nuova luce, la nuova interpretazione, la solida visione territoriale. Vada per l’innovazione, per la biodinamica, per le anfore e per tutto il resto.

Ma considerare il Teroldego un vitigno semidimenticato, mi pare poco generoso nei confronti dei rotaliani. Che sono stati gli unici, in Trentino, a tutelare le loro uve con un disciplinare dedicato. E del resto, le superfici coltivate a Teroldego oggi non sono molto distanti (semmai leggermente in calo) da quelle di 40 anni fa.

Detto questo, chiaramente, grazie Elisabetta. E brava Elisabetta.

GRANATO FORADORI

CONDIVIDI CON

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *