EXPO: evvai Trentino!

11817272_10205415452644478_8253233568972101386_n

Dal nostro inviato, infiltrato fra i giornalisti invitati, e trasportati in corriera, dalla Provincia di Trento a Milano, l’altra cronaca dell’EXPO trentino.

Il nostro collaboratore si firma Libellula, preferendo mantenere l’anonimato a scanso di spiacevoli ritorsioni.

di Libellula – Raccontare Expo Milano 2015 non è semplice, figuriamoci la sbandieratissima Expo Trentino.
La prima impressione che ho avuto, direttamente dal finestrino del pullman organizzato dalla Provincia di Trento per la stampa, è stata quella che l’autista avesse sbagliato strada e che fossimo finiti a Gardaland. Dal recinto che circonda il quartiere fieristico, infatti, emergono vistose installazioni e i padiglioni più alti, esattamente come nel noto parco divertimenti. Anche la viabilità e la segnaletica stradale sono state modificate in funzione di Expo e non ho potuto fare a meno di chiedermi cosa succederà a queste modernissime infrastrutture dopo la chiusura, prevista per il 31 ottobre.
Piazzetta Trentino è facilmente raggiungibile: si trova sul Cardo Nord, la direttrice che porta all’Albero della Vita ed al Padiglione Italia, la zona più visitata di Expo. Se i colleghi presenti non si fossero fermati, però, non l’avrei mai notata. Dai comunicati che l’ufficio stampa della Provincia aveva diligentemente provveduto a consegnarci, infatti, mi aspettavo qualcosa di maestoso. Peccato che le tre “Torri del Vajolet” fossero dei lastroni di pietra anonimi e che “l’anfiteatro” fosse solo una tettoia. Lo “spazio incontri”? Un corridoio rivestito da scaffali in stile Ikea pieni di mele, qualche bottiglia della Cavit e una ventina di pacchetti di “zirele” (per i non trentini: caramelle a forma di cubetti a base di zucchero). Costo dell’opera? Un milione e seicentomila euro finanziati dalla Provincia di Trento, duecentomila investiti dagli Special Sponsor (Astro, Cavit, Dolomiti Fruits, Melinda, Mezzacorona, Pasta Felicetti, Sciare in Trentino, Sottobosco Paoli, Terme e salute, Trentingrana e Adige Spa) e seicentomila reperiti tramite fondi nazionali C.I.P.E. (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica), per un totale di due milioni e quattrocentomila euro. Questi soldi sono finiti in legno e sassi, qualche monitor e un proiettore, di qualità extra lusso visti i costi. A onor del vero, bisogna dire che al Trentino è stato anche riservato uno spazio di protagonismo settimanale nel Convivio delle Regioni e “ben” ventotto metri quadrati nel Padiglione Vino. Peccato che, soprattutto nell’ultimo spazio, i trentini non abbiano saputo mettere a frutto questa possibilità: nel giorno dell’inaugurazione di Piazzetta Trentino nessun espositore ha sentito il bisogno di essere presente. Bottiglie in vetrina, insomma, ma proprietari irreperibili.
Alla cerimonia di apertura, poi, i presenti erano una cinquantina, di cui venti giornalisti, una decina di politici e una ventina di esponenti di spicco del turismo e della produzione agricola del Trentino.
L’impressione era quella di trovarsi in un luogo di autocelebrazione di una “trentinità” priva di contenuti e incapace di immettersi in un contesto ampio come quello proposto da Expo. I pochi curiosi sono stati allontanati perché l’evento era “riservato ed esclusivo”.
Il confronto con l’Alto Adige-Südtirol, dirimpettaio della piazza è stato inevitabile. I “vicini di casa” hanno ricreato un contesto sudtirolese, arricchito da una struttura in legno grezzo, sviluppata in altezza e dotata di una terrazza con vista sul quartiere fieristico. Uno spettacolo che ha reso ancora più misera l’esposizione trentina.
Di questa Expo Trentino, una sola cosa si è salvata ed è il Padiglione Ferrari, che si è dimostrato all’altezza delle aspettative e degno di competere con il resto del mondo. Con le sue diecimila bottiglie stappate in soli tre mesi e con il ristorante completamente prenotato dal 24 agosto fino al 31 ottobre, la Famiglia Lunelli è stata in grado di mettersi in gioco e di dimostrare che Expo potrebbe essere una vetrina e anche un trampolino di lancio. Un concetto compreso già dal fondatore Giulio Ferrari, che nel lontano 1906 si aggiudicò la Medaglia d’oro all’Esposizione Internazionale di Milano. Più di cento anni dopo i trentini sembrano non aver capito nulla e sprecano l’ennesima occasione per ricavarsi uno spazio nel mondo. Evvai Trentino!

CONDIVIDI CON

16 Commenti

  1. Franco Ziliani

    albergatrice la ritrovo come sempre perfettamente zitellescamente e maliconicamente acida. Irrimediabilmente acida e inacidita. Dall’ultima volta che si siamo incrociati qui nessuno straccio di uomo l’ha degnata di uno sguardo e lei é sempre più incarognita verso se stessa, triste, inutile, come il padiglione Trentino ad Expo. Concordo con la misura e la qualità del padiglione, più piccolo, del Süd Tirol, che ricordo con piacere. Per il resto la cronaca di Libellula é perfetta ed i soldi pubblici, tanti, buttati dagli amministratori pubblici trentini, tanti, come sempre…
    Quanto ai Lunelli, beh, lo sanno anche i sassi che sanno curare bene il loro business. mica lo scopriamo oggi…

  2. Cielo

    C’ero anche io l’altro giorno a Milano ed ero anche su quella “corriera”.. la cronaca del collega Libellula è perfetta. Mi riconosco anch’io.

  3. Albergatrice Albergatrice

    Ci mancava anche la libellula ora, per denigrare a dovere il Trentino. E lo scrive anche che è andata a milano a spese della nostra provincia. E questo è il ringraziamento? A calci nel culo tutti quanti dovrebbero prendervi.

    1. Gianni Usai Gianni Usai

      Scusi signora Albergatora, Ella è presente ad Expo 2015..? Ci facci sapere i suoi commenti dal vivo.. Paesanate comprese, please.. ( p.s. è Lei quella nella foto dl tiro alla fune..? )

      1. albergatrice

        signor Usai la smetta di infestare il web con le sue astruserie, perché tanto nessuno se la fila. e io sono orgogliosa di essere una paesana non sono una snob inconcludente come lei.

        1. Gianni Usai Gianni Usai

          Chiedo schiuma, non volevo darLe della snob..
          Questo nella foto è il mio amico Mick.. La scritta è in mio onore.. Il mio povero babbo, minatore, ne sarà orgoglioso.. Grazie.. e la prego.. non mi ospiti se dovessi, per caso, capitare, nel suo residence..

        2. Gianni Usai Gianni Usai

          Signora Albergatora ma perchè non si firma..? Opperlomeno non mette la facciata del suo albergone…? Vabbè.. capisco che anni di ecumenismo abbiano fatto danni.. però almeno l’histoire dell’Architettura preserviamola..! Mo la.. Mola.. ( anche di Bari, se vuole..)

          1. Franco Ziliani

            cosa vuoi che firmi Gianni, non ha le palle (non solo perché biologicamente femmina) per firmarsi, é una beneficiata dal potere politico sindacale cooperativo trentino

        3. Gianni Usai Gianni Usai

          Signora Albergatora..! Mi ha appena telefonato Frank Lloyd Wright.. dice che se vuole la Casa sulla cascata, per ammodernare il suo albergone di vetrocemento, potrebbe darglielo in prestito.. L’unica cosa a Sua cura,, sarebbe il trasporto dalla Pennsylvania al Trentino.. Forse con Alitalia.. forse.. Aereo + treno + furgone.. Ci dichi.. Ci facci sapere..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *