Fondi per i paesi terzi: aiuti di stato? Cia interroga

Interrogazione di Claudio Cia sulla distribuzione dei fondi per l’internazionalizzazione del vino trentino nei paesi terzi.Secolo Trentino

CONDIVIDI CON

6 Commenti

  1. Gianni Usai Gianni Usai

    Mio post al consigliere Cia, sul suo sitoweb > Visto che si tratta di soldi pubblici.. bisognerebbe obbligare le aziende ad illustrare in pubblico i progetti.. Con 800.000 “euri” uno.. si compra, quasi, la Cappella Sistina… Ergo ( cioè, in latino, spiegazione per quelli dell’ISA..) Esigo, come cittadino non soggetto a DASPO, chiarimenti… Grazie consigliere Cia per avere sollevato il punto…!

      1. cpdr

        non voglio fare il bastian contrario a tutti i costi.
        intanto ferrari è una garanzia, che di minchiate non ne hanno mai fatte. ma poi i progetti per i fondi ocm sono progetti pubblici per il solo fatto che sono il frutto di un percorso procedurale che va da trento all’europa. e quindi non c’è niente di segreto.

          1. cpdr

            No Tex, questa non è la Pat: questa semmai è l’europa: questi sono fondi che l’europa destina alle imprese del vino per portare il vino europeo nei paesi terzi. E funziona cosi: ad ogni regione viene assegnato un budget da usare per questo scopo. Ogni impresa o consorzio di imprese, presenta un progetto: meta lo paga direttamente l’impresa e meta viene pagato con questi fondi. fino ad esaurimento del budget europeo. chiaro che se cavit presenta un progetto da duecento mila euro ne riceve solo cento. evidentemente sia cavit che mezzacorona che pure investono tantissimo in promozione nei paesi terzi (usa) preferiscono muoversi autonomamente. fra l’altro fino allo scorso anno il trentino era in coda alla classifica…e non riusciva mai ad esaurire il budget disponibile. Ed è anche naturale. A parte aziende come Cavit, Nosio, Lavis, Ferrari, Concilio e Gaierhof, chi mai puo avere interesse a vendere vino in Usa, o in corea, o in brasile o in cina?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *