Il vino, il volley e gli obsoleti

Selezione_013

Forse avevo preso la mira giusta, l’altro giorno, quando sottolineavo la fragilità, sul piano culturale, del Festival del Vino Trentino. E me ne sono convinto ancor più oggi quando ho ricevuto l’invito (niente meno che RSVP) a partecipare all’inaugurazione della Kermesse (una Kermesse, appunto), che animerà Trento in questa fine di settembre.

L’apertura delle danze, infatti, non è stata affidata al vino – ad un dibattito sul vino, ad una degustazione, ad una visita in cantina, ad un verticale di Giulio – ma, udite udite, ad una “sfida ai fornelli con i campioni della Trentino Volley“. Il vino, in questa giostra contemporanea dove conta più l’apparire dell’essere, la forma della sostanza, il vino, dicevo, a cui pure è dedicato il festival, in questo drive-in da anni Ottanta, passa in second’ordine, anzi in ultimo ordine:Seguirà brindisi negli spazi del Ristorante La Trentina“. 

Perdonatemi, ma non capisco. Forse sono vetusto, forse sono obsoleto. Ma continuo a non capire: non capisco perché l’immagine di un festival del vino venga affidata ad una gara di cucina sotto le stelle condotta da una squadra di volley.

D’accordo la contaminazione, d’accordo il melting pot, d’accordo tutto: ma a tutto c’è un limite. Altrimenti tutto diventa un minestrone. Alla trentina. Naturalmente.

CONDIVIDI CON

4 Commenti

  1. Giorgio Giorgio

    Ma non è la stessa signora Negri che aveva fatto un libro sulla preminenza del vino rispetto al cibo negli abbinamenti? Qui invece gara di fornelli ad alto livello e il vino sullo sfondo: nsomma che s’haddafà peccampà.
    Comunque visto il taglio del prato se alla fine avessero scritto “seguirà dibattito” anziché “seguirà brindisi” mi sa che tu Cosimo ci saresti andato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *