MONDOMERLOT: la classifica

MONDO MERLOT 28 OTTOBRE 2012 DEGUSTAZIONI AD ALDENO © foto Daniele Mosna
MONDO MERLOT 28 OTTOBRE 2012 DEGUSTAZIONI AD ALDENO © foto Daniele Mosna

GRAN MEDAGLIA D’ORO – MERLOT D’ITALIA 2015
Azienda Rigoloccio di Abati e Puggelli (GR) – Maremma Toscana DOC «Abundantia» 2011

MIGLIOR MERLOT TRENTINO
Azienda Agricola Cesconi Pressano – Vigneti delle Dolomiti IGT «Pivier» 2011 (IGT Annate Prec.)

DOC E DOCG ANNATE 2014/2013
1. Cantina Produttori San Paolo, Appiano (BZ) – Alto Adige DOC «Huberfeld» 2013
2. Canti Produttori Bolzano – Alto Adige DOC Riserva «Siebeneich» 2013
3. Azienda Sator, Pastina (PI) – Montescudaio DOC «Sileno» 2013

DOC E DOCG ANNATE PRECEDENTI
1. Azienda Rigoloccio di Abati e Puggelli (GR) – Maremma Toscana DOC «Abundantia» 2011
2. Gualdo del Re, Suvereto (LI) – Suvereto DOC «I’Rennero» 2011
3. Azienda Vigne Fornasari, Buttrio (UD) – Colli Orientali Friuli DOC 2012
3. Le Vigne di Cà Nova, Roddino (CN) – Langhe Rosso DOC «Riverbero» 2008

IGT ANNATE 2014/2013
1. Azienda Cescon Italo Storia e Vini, Ormelle (TV) – Veneto IGT «Chieto» 2013
2. Azienda Tenuta Maddalena, Volta Mantovana (MN) – Alto Mincio IGT «Monte Cervo» 2013
2. Azienda Castello di Bossi, Castelnuovo Berardenga (SI) – Toscana IGT «Girolamo» 2013
3. Podere Ristella, Roccastrada (GR) – Toscata IGT «Ghitto di Naldo» 2013

IGT ANNATE PRECEDENTI
1. Valori Società Agricola, Marrucina (CH) – Colli Aprutini IGT «Inkiostro» 2011
2. Cantina Sant’Andrea, Terracina (LT) – Lazio Rosso IGT «Sogno» 2010
3. Marchesi De Frescobaldi, Firenze – Toscana IGT «Lamaione» 2011

CONDIVIDI CON

4 Commenti

  1. Claudio Claudio

    …la prima osservazione è che i risultati danno un po’ di credibilità e respiro nazionale al concorso… sopratutto se pensiamo che appena l’anno scorso i “migliori merlot d’Italia” erano quelli di Aldeno, Mori, Cavit e… sinistra Piave…(sic!). (…a buon intenditor di Merlot, poche parole…).

      1. Claudio Claudio

        …forse qualcuno più vicino all’organizzazione sarebbe in grado di risponderti con migliore cognizione di causa… io non saprei dire con certezza. Nella migliore delle ipotesi potrei suggerire che ci sono state meno interferenze e quindi maggiore cristallinità di giudizio. Forse i “controllers” stavolta erano impegnati in altre priorità e quindi ne è uscito un concorso abbastanza genuino. Nella peggiore delle ipotesi invece, l’alto numero di giudici/commissari, 30?, per le 115 etichette, ha di fatto reso impraticabile la “gestione” dei giudizi (3.000+?) e di conseguenza anche degli eventuali “ritocchi”…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *