Abracadabra, il vino c’è o non c’è?

simsalabim
E ‘accaduta una cosa curiosa. Ieri un lettore del blog, fra i commenti al nostro post dedicato allo spot invernale con Svindal e senza vino, ha segnalato che esiste un’altra versione del medesimo spot, caricata sul canale youtube di visittrentino, nel quale, al minuto 0.16, è ben visibile una Jéroboam, presumibilmente di TRENTO.
In effetti è così, la versione enoica dello spot esiste ed è stata caricata su youtube il 13 novembre, giorno in cui è stato pubblicato il nostro post in cui lamentavamo l’assenza del vino fra le “primizie” (pasta, formaggio e mele) trentine illustrate nel video.
Sul canale brodcaster ufficiale di Trentino Marketing, tuttavia, anche in questo momento è caricata la versione video per gli astemi (al minuto 0.16 compaiono le scene della poltrona della nonna e del guardaroba da viaggio).
Ora, delle due l’una. O dopo il nostro post, Trentino Marketing in fretta e furia venerdì ha fatto inserire la scenda della bottiglia – che evidentemente era stata già girata ma era era stata poi tagliata in fase di montaggio – oppure gli spot sono due: uno per i minorenni e uno per i maggiorenni, uno per gli astemi e uno per gli alcolisti, uno per i paesi occidentali e uno per i paesi islamici.
Delle due l’una, appunto. E ci piacerebbe capire quale è quella giusta. Così per curiosità. E anche per saperci regolare.
Grazie.

I DUE VIDEO
Trentino d’inverno per gli astemi

Trentino d’inverno per gli alcolisti

CONDIVIDI CON

15 Commenti

  1. Il giallo è stato svelato. Almeno in parte. Questa mattina l’ufficio stampa di Trentino Marketing mi ha spiegato che i due video sono destinati a due piattaforme e a due mercati differenti. Quello in inglese – per capirci quello senza vino – in particolare finirà su una piattaforma (Eurosport) soggetta all’ordinamento francese che fa divieto alla pubblicità di alcolici. E fin qui ci siamo.
    Resta da capire invece, come mai nella versione italiana – destinata al mercato pubblicitario interno -, quella dove compare la bottiglia, la parola vino – a differenza delle parole formaggio, mele etc etc – non venga pronunciata. Anche in questo caso qualche divieto? Qui l’Ufficio Stampa non ha saputo essermi di aiuto. Comunque, il giallo è svelato. Quasi.
    Grazie alla cortese risposta dell’Ufficio Stampa di via Romagnosi.

  2. Claudio Claudio

    …intanto proviamo a “svelare il mistero” del formato bottiglia… io direi una Balthazar… 12 litri o 16 bottiglie standard. (Un factice vuoto naturalmente…).

  3. Giuliano Preghenella

    In effetti è alquanto strano, la bottiglia che compare in un secondo tempo ma comunque il vino a differenza di mele, pasta, formaggio, non viene citato nel video. Forse ci sbagliamo noi, la bottiglia magari contiene la famosa aria delle Dolomiti che all’Expo è andata a ruba…

    1. Alessandro Sbarbada

      sto seguendo la vicenda con grande interesse, sono molto curioso. Inutile dire che l’assenza del vino mi era parsa una ennesima dimostrazione della dealcolizzazione della nostra cultura. Ma a questo punto è diventato un giallo.

    2. Alessandro Sbarbada

      e poi uno misura 34 secondi, l’altro 29. Quell’istante di differenza non giustifica 5 secondi in meno. Andrebbero confrontaio con attenzione i due filmati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *