Sei Euro

Sto bevendo il Barolo Serralunga d’Alba 2010 di Farinetti, quello della promozione Vino Libero a sei euro al bicchiere.
Mah, non è il Barolo che ti aspetti. Astringente e manchevole di complessità e struttura. Ancora molto vinoso. Sei euro al bicchiere sono troppi per un buon vino, ma niente più.
Peccato. Per i sei euro. E pure per il Barolo.

image

Scritto con WordPress per Android

CONDIVIDI CON

12 Commenti

  1. Claudio Claudio

    …caro Paperino…sparando una cartuccia a pallini… un pallino della rosa ha comunque centrato qualcosa di solido… il Barolo in senso lato… sia come vino e come denominazione. Premesso che ci sono sempre delle straordinarie eccezioni (Oscar not included), vent’anni fa per me era il miglior vino d’Italia e idealmente la scelta più ambita in una carta dei vini… Da ca. 7-8 anni a questa parte, in una carta dei vini ideale è l’ultimo vino che prenderei in considerazione. O tannini di botte da spezzarti i denti o diluizione da sottomarca di chianti in caraffa… Comunque sia è un vino dallo stile organolettico vecchio, duro, austero, metallico, astringente (in senso buono naturalmente, quindi opposto allo stile moderno), e per me superato, che va bene solo se consumato dai 10+ anni, in un antico maniero, vestiti da re o da principe, in una grande sala riscaldata solo da un grande caminetto a legna di quercia o faggio, su cui gira un enorme girarrosto con cinghiale, capra o maiale e lardo allo spiedo e bevuto rigorosamente in coppe o pissidi di peltro e argento…

    1. vedo che Claudio mi capisce…e. ha colto il senso delle mie noterelle. La sola cosa che forse ho sbagliato a scrivere è stata questa: “Non è il Barolo che ti aspetti”… fatta la tara a tutto avrei dovuto scrivere “E’ il Barolo che ti aspetti”. Per il resto, appunto, Claudio fa una disanima perfetta in cui mi riconosco.

  2. A Papero… se ti stanno antipatici Farinetti e le sue trovate di marketing, prenditela con Farinetti. Lascia stare il Barolo.
    Perché un Barolo vinoso lo assaggi in cantina dalla botte, perché astringente ce l’ha scritto sulla carta d’identità e se ti pare poco complesso e strutturato bevi prima una Schiava.
    Oppure per 6 euri bevi un Trentodoc riserva. E sogna la Champagne.

  3. PO PO

    Questa sera a casa mia, per cena, un filetto alla griglia. l’ho assaggiato. Mah, non è il filetto che ti aspetti. Ancora molto filettoso.
    (Grande Alessandro Sbarbada)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *