Sul Gambero Cavit e Ferrari parlano tedesco

sudtirol

Questa mattina al posto del giornale ho deciso di sfogliare alcune delle nuove guide vini del 2016; sottomano avevo “Slow Wine 2016”, “I Vini di Veronelli 2016” Guida Oro, “i Vini d’Italia 2016” dell’Espresso e “Vini d’Italia 2016” del Gambero Rosso.

Sfogliando quella del Gambero a pagina 22, l’elenco dedicato alle stelle, mi sono imbattuta in un “Ferrari (Alto Adige)”. Da principio ho pensato ad un lapsus o un errore di stampa, così ho continuato a cercare tra le stelle altre aziende trentine fino a che, a pagina 23, mi imbatto in un “Cavit (Alto Adige)”.

A questo punto dubito che si tratti di un errore o un lapsus, soprattutto su una guida del taglio del gambero e perlopiù riferito a due delle realtà più note del Trentino.

Mi sorgono alcune domande spontanee… – Sarà davvero un errore di stampa? Oppure i sopra citati produttori hanno trasferito la sede aziendale in Alto Adige? O peggio… Negano l’appartenenza alla culla, il meno blasonato Trentino? O magari è una trovata marketing (d’altronde queste due aziende vivono anche del marketing)? Gli editori della guida si rifiutano di utilizzare la parola Trentino tanto da negarne l’esistenza?

Ci son proprio rimasta male… ma questo lapsus stampato in decine di migliaia di copie resterà indelebile per tutto il 2016.

 

 

CONDIVIDI CON

7 Commenti

  1. filippo

    mi sembra un problema-non problema che non può far sollevare tali questioni così profonde tranne “perché il gambero rosso non ha fatto più attenzione nello stilare quella lista?”
    perché sì, è vero, qualcuno particolarmente affezionato alle classifiche, andrà anche a spulciare quella e si accorgerà dello sbaglio, ma poi sfogliando la guida, le due case vinicole si ritroveranno nella sezione della provincia autonoma corretta, o no?

  2. mwg mwg

    Ovvio che questo sia un problema di tipo geografico/ culturale, ma se nemmeno aziende note e blasonate fanno risuonare il ricordo del “trentino” nemmeno negli addetti ai lavori, come possiamo pretendere che ci riescano “gli entucoli” locali ovvero i piccoli produttori? (per fortuna foradori e methius sono correttamente trentini)

  3. Claudio Claudio

    …mi sa che ciò sia dovuto perché probabilmente siamo andati un po’ troppo “extra”…ovvero all’aldilà del comprensibile con l’ambiguità tra regione autonoma e le ns 2 provincie “autonome”… Le guide in questione hanno stilato quelle liste in termini di regione. Mica per la Sicilia si distingue tra provincia di Messina e provincia di Enna…Temo che molti al di fuori dei confini delle ns piccole valli siano un po’ annoiati da questi sofismi…

  4. Angelo Rossi Angelo Rossi

    Mi immagino l’imbarazzo degli altoatesini: dopo tutto quello che hanno fatto per affrancarsi, come faranno a protestare per quel paio d’intrusi che non sono proprio gli ultimi del rango? M’immagino anche che agli interessati convenga fare il pesce in barile. Non riesco ad immaginare, invece, le facce loro quando pretenderanno di continuare a dettar legge ai trentini/trentoni non ancora accasati oltre Salorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *