BOLLICINE SULLA CITTÀ, È SUCCESSO QUALCOSA?

Trento - Bollicine sulla Città 2015
Trento – Bollicine sulla Città 2015

 

Ieri, dopo 15 giorni di iniziative varie e variegate fra il capoluogo e la periferia, si è concluso il Festival del TRENTO (Bollicine sulla città). Non avendo frequentato alcuno degli appuntamenti in cartellone, non so come sia andata. Ma sono ottimista e sono convinto che tutto sia andato come doveva andare: bene.
Tuttavia mi aspettavo, oggi, di ricevere un comunicato stampa di chiusura. Come si usa. Come si usa ovunque. Numeri, cronache, immagini, dichiarazioni. E conclusioni.
E invece no. Niente di tutto questo: nessuna notizia, nemmeno segnali di fumo, dai nebbiosi orizzonti dell’Istituto TRENTO DOC – Consorzio Vini.
Siccome non mi accontento tanto facilmente, ho pensato che, forse, una comunicazione ci sia stata ma che, per ovvie ragioni, non fosse stata inviata a me. Quindi mi sono diretto sulla web site trentodocchista (che inspiegabilmente risulta intesta a Trentino S.p.A, quindi alla Provincia di Trento) e mi sono fiondato sulla sezione dedicata alla stampa (riservata alla stampa). Ma anche lì, la mia curiosità non è stata soddisfatta: l’ultimo comunicato stampa risale allo scorso 26 novembre ed è dedicato all’apertura del Festival. Poi niente più. Come se il mondo si fosse fermato a quella fatidica giornata di nastri addobbata e di tartine saziata. Nessuna notizia, da allora, è trapelata dal silenzioso mondo delle istituzioni trentodocchiste; nemmeno per comunicare al pianeta che le cose stavano andando bene. Anzi benissimo.
Evvabbè.
Non pago, e sinceramente affamato, e assetato, di notizie e di numeri e di giudizi, ho provato a chiedere aiuto a mister Google. Ma ancora una volta sono rimasto a bocca asciutta: il grande fratello mi ha rimandato ancora una volta ai comunicati stampa di apertura della manifestazione pubblicati sui siti istituzionali (Palazzo Roccabruna e Trentodoc.com). Pensavo di trovare, almeno, il resoconto personale di qualche etusiasta wine blogger e/o wine lover, che, una volta tornato a casina dopo le succulenti degustazioni trentodocchiste, si fosse preso la briga di prendere carta e penna (o tastiera) per raccontarci qualcosa e di qualcosa. E di qualche bottiglia. Ma nemmeno questo ho trovato.
Nemmeno il grande fratello se le è filate le bollicine trentine: a parte un paio di cose pubblicate sul nostro blog e un simpatico e competente reportage pubblicato su Le Mille Bolle Blog del amico fraterno e collega Franco Ziliani.
Ah, se non ci fossero gli amorevoli e ostinati nemici giurati, come sarebbe difficile per il TRENTO fare notizia…

CONDIVIDI CON

18 Commenti

  1. Vittorio

    Io sono stato tre volte a Palazzo Roccabruna e ho dovuto sempre fare la coda per sedermi. A mio parere è stato un buon successo. Inoltre ho avuto modo di farmi una interessante panoramica sul Trento a costi accettabili.

  2. Pingback: 15 MILA BOLLICINE - TRENTINO WINE BLOG

  3. per quanto mi riguarda, come sempre manca il banco d’assaggio dedicato al pubblico, e non solo per addetti ai lavori come quello tenuto al MUSE, tra l’altro nemmeno pubblicizzato sui due siti istituzionali di BSC. Un appassionato, che poi è sempre il cliente finale, non ha mai la possibilità di farsi una “panoramica” della denominazione.

  4. Ciano Ciano

    A Trento in queste settimane ho visto soprattutto mercatini di natale: tanto Brulè e poche bollicine. Anzi in un paio di locali del centro dove sono capitato per caso, ho chiesto mi fosse servito un TRENTO ma mi è stato risposto picche. Forse bisognerebbe ripensare il periodo di questo evento: contro i mercatini non c’è sfida

  5. Rossana P. Rossana P.

    Da quanto tempo non venivo su questo blog? Forse qualche anno! Ma non siete cambiati: sono cambiati i nomi, avete cambiato le maschere ma siete i soliti criticoni trentoni.
    Su Bollicini sulla Città: una manifestazione bellissima, con un registro internazionale. Checché ne scriviate voi.

  6. Sandokan Sandokan

    E’stata una bella manifestazione, ricca e vivace. Poi, se è come racconti tu, dal punto di vista della comunicazione forse potevano fare di più. Però la manifestazione mi è sembrata impeccabile.

      1. mwg mwg

        Da uno che consiglia Montale un’espressione cosi plebea non me la sarei mai aspettata. Ma forse montale è la tua carota. Ciao canaglia2 mi sei simpatico! Buon lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *