Un anno perduto. Anche per il Trentino

Cappuccetto Rosso
Cappuccetto Rosso – Paola Attanasio

Titolava più o meno così – Un anno perduto – un articolo di Roberto Saviano sulle occasioni mancate nell’anno che sta per chiudersi. Qualcuno dirà che quello vede sempre il bicchiere mezzo vuoto. Pensando al Trentino e poi al settore vitivinicolo si potrebbe riproporre un titolo analogo e siccome siamo inseriti in un contesto orgogliosamente autonomo, ossia più svincolato dal centro e più aderente ai bisogni locali, beh, c’è da dire subito che lo sbandierato terzo Statuto d’Autonomia è di là da venire, che nessuno ne sa granché e che ben pochi se ne interessano. Eppure sarà fondamentale soprattutto per lo sviluppo ulteriore dell’economia. I Governi locali si sono più occupati del tunnel del Brennero (senza dire tutte le verità) e delle tratte d’accesso (come chiamano i 220 km fino a Verona) con un investimento vertiginoso rispettivamente di 16+32 miliardi, cui contribuisce un fondo dell’A22 di 550 milioni (al confronto sembrano bruscolini) messo a garanzia del rinnovo della concessione per altri 30 anni. Un’opera megagalattica che sta passando sotto traccia e che verosimilmente farà penare le prossime generazioni. Un bicchiere ancora mezzo vuoto, ma già duro da trangugiare.
In Trentino siamo sempre in 550 mila, di cui 227 mila sono soci di cooperative. A dispetto del nome, questi si rifanno ad un capo che pesa e li fa pesare per quasi la metà del tutto. Se poi scendiamo all’agricoltura, la percentuale in peso sale al 90% e allora è evidente che non si può prescindere. Come dire: se a fine 2015, dopo i biblici 7 anni di vacche magre, il bicchiere appare mezzo pieno il merito va prima di tutto al modello cooperativo. E chi non s’accontentava prima, non sarà felice nemmeno ora che al vertice della Federazione trentina della cooperazione è salito un banchiere e con un vice agricolo che è specialmente vitivinicolo. Ed eccoci al comparto che ci interessa. Che dire del 2015 vitivinicolo? Un anno perso? Per i bilanci certamente no: buone liquidazioni e nessun fallimento, nemmeno di chi come LaVis stava portando i libri in tribunale. Dopo il primo commissario, viziato di suo per non aver capito che la strada di una certa globalizzazione era ormai preclusa, il secondo ha infatti ridimensionato le ambizioni riconducendo la compagine nella più corretta competenza dei primi gradi, verosimilmente salvando una delle più importanti Cantine del Trentino.
Ma il vino non è fatto solo di bilanci, anzi, ci piace continuare ad immaginare che sia il risultato delle amorevoli cure del viticoltore, di quel viticoltore o di quel gruppo di viticoltori indissolubilmente legati alle vigne di quel territorio, poi del cantiniere, fino all’oste o al negoziante. Senza soldi non è pura fantasia? Il punto è qua: col vino – quello di territorio cui ci riferiamo – la vil moneta deve restare sullo sfondo e non occupare sempre e comunque il primo posto sulla scala dei valori. E’ una regola aurea che in Trentino non si è mai imparata e il sistema, quello del 90%, non perde occasione per confermare la tendenza. Chi ha dubbi, scorra a ritroso i titoli richiamati dalla rassegna stampa coop, linkabile anche da questo sito: tre quarti degli articoli riguardano banche e salvabanche, casse rurali e sofferenze, crediti e debiti, interessi e quotazioni, liquidazioni e soldi, sempre soldi … tutto ruota attorno all’economia e al mercato, meglio se globale. E’ un segno dei tempi, si dirà. Orbene, non è che si debba ridurre tutto e subito al più severo monachesimo (che pure ha il merito di aver salvato vite e vino dalle orde medievali), ma un riposizionamento di valori “altri” sulla scala appare sempre più urgente, possibile e anche opportuno.
In definitiva, dal punto di vista del territorio il 2015 è stato un anno perso. Si sono cambiate pure le presidenze di Cavit e di qualche Cantina di primo grado, si sono cambiati i vertici del Consorzio Vini e quelli dell’Istituto Agrario di San Michele (FEM), anche i Vignaioli hanno un direttore nuovo: tutti accompagnati da eccellenti propositi, ma nessuno – almeno finora – che abbia sfoderato un progetto di rilancio delle politiche di territorio. Peccato, perché un’attività da lasciare ai figli poggia meglio su due gambe (glocal), sapendo che si guadagna bene anche vendendo il proprio territorio con l’aggiunta della soddisfazione morale e dell’orgoglio di appartenenza, senza intaccare il business dei mercati globali che non vanno più in là del mero tornaconto economico.

CONDIVIDI CON

14 Commenti

  1. Tex Willer

    Mi piace quel passaggio: “…la vil moneta deve restare sullo sfondo e non occupare sempre e comunque il primo posto sulla scala dei valori…” ma perché deve valere solo per gli agricoltori? Perché non per i politici, i bancari, i pensionati statali che proprio loro godono ora di ingenti somme di pensione pagate dal contribuente a scapito delle future generazioni? Perché deve essere l’agricoltore che deve dare il buon esempio per primo? Non l’ho capito… e non finisce qui.

    1. Tano Tano

      Tex hai capito male … Qui nessuno, tantomeno Angelo, pensa che il territorialismo debba incidere negativamente sul reddito contadino.
      Ne che i contadini debbano date il buon esempio.
      Ma me riparleremo. Senz’altro.

  2. giuliano fago golfarelli giuliano fago golfarelli

    Bravo Angelo ! Quindi si può intendere che siamo più presi dal valzer delle careghe vitivinicole, dal cemento veloce per farci attraversare meglio dai turisti e dalle beghe politiche in attesa di nuove elezioni piuttosto che da quel “qualcosa” che rinobiliti la nostra terra? Il dato che mi sconvolge di più è che “In Trentino siamo sempre in 550 mila, di cui 227 mila sono soci di cooperative”. E la famosa cooperazione globale che cosa fa ?
    Io penso che ognuno si stia facendo strettamente i fatti suoi, magari a colpi di frizzantini, sognando mercati già tutti pieni, dove gli unici posti liberi sono quelli in piedi …

  3. Display Display

    Curioso questo blog vinicolo, Cosimo scrive una mezza stupidaggine sulla Schiava e raccoglie 65 commenti. Il dottor Rossi scrive una cosa seria e nessuno lo commenta. Come mai?

    1. mwg mwg

      Io non mi permetto di commentare perche gli argomenti trattati sono al di fuori della mia portata e dalle mie dimensioni infinitamente piccole rispetto ad un argomento infinitamente grande. E come molti altri della mia generazione mi sento inerme e pertanto non oso proferire parola. Questo lo hanno voluto le generazioni degli anni 40-60 che ancora oggi governano su di noi e ci manovrano come marionette. Se come ha detto il dottor rossi, il popolo cooperativo (l’unico che avrebbe un potere reale) non fa nulla e gli va bene cosi, i migliaia di agricoltori tacciono perche ben, o quasi, retribuiti, perche gli hanno salvato la coop in via di fallimento ed ora non osano aprir bocca, oppure semplicemente perchè non si interessano sicuri che tutti coloro che sono attualmente al potere agiscano nel miglior modo per salvaguardare agricoltura e territorio. E se loro restano sopiti, come posso io, piccola ed invisibile, destare il loro interesse con un commento? Se non ci riesce nemmeno l’illustre dottor Rossi con un post così allarmante?

    2. il Conte il Conte

      Sulla Schiava non sono state dette stupidaggini. Leggendo bene si inserisce di diritto negli argomenti di Angelo Rossi. E’ che le cose serie vanno meditate e questo testo dovrebbe essere commentato più che da noi da tutti i protagonisti ufficiali che giorno dopo giorno parlano di queste cose a tempo perso, per dimenticarsele o per inventarsi qualche altro ufficio tipo Lampada di Aladino o Specchio delle mie Brame !

  4. Silvio Silvio

    Una, una sola cosa prodotta dalla Fem da Nobel di Salamini, che sia stata utile all’agricoltura trentina? Una, due, tre cose? E lasciamo perdere il patrimonio dell’umanità… dai che quelle non sono cose alla portata di una piccola Provincia come la nostra.

    1. Angelo Rossi Angelo Rossi

      Caro Tex, mi fai la domanda delle cento pistole fumanti e se vuoi la risposta che più sintetica non si può, è no. Ma siccome la vorrai articolata, proverò a dartela nel prossimo post anche perché in questo si parla d’altro.

      1. Sandokan Sandokan

        Insomma si parla d’altro mica tanto, mi permetto di dire. Perché se è stato un anno perduto, per tante cose. Con Fem ho la sensazione sia ancora più perduto.

      2. Tex Willer

        Wow Angelo!
        Ebbene sì lunga e articolata mi hai letto nel pensiero, naturalmente nei limiti del possibile in quanto immagino un po’ di riservatezza dovrà pur essere rispettata.
        Grazie dunque, attenderò paziente.
        Un caro saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *