IL TRENTO SULLE DOLOMITI

Selezione_090

Trentodoc sulle Dolomiti Val di Fassa
4/5/6/7 febbraio 2016

Aperitivi, abbinamenti insoliti, menù stellati e del territorio
Trento, febbraio 2016 – Si rinnova anche quest’anno l’appuntamento con Trentodoc in Val di Fassa, in versione invernale.
Dal 4 al 7 febbraio sono 15 gli eventi che animeranno tutto il territorio delle Dolomiti di Fassa: bar, enoteche e ristoranti proporranno menù particolari e interpretazioni culinarie studiate per esaltare le caratteristiche organolettiche delle bollicine di montagna trentine. Qualche esempio? Trentodoc nei ristoranti stellati per una cucina ricercata, guidata da rinomati chef della Val di Fassa; le sfiziose proposte dei menù del territorio con abbinamenti tipici, biologici, a Km 0 e legati alla tradizione, e perché no? anche con le ostriche e la cucina della mamma. Non mancheranno le proposte più insolite: Trentodoc durante il momento del brunch o con la pizza e la piadina, che sorprenderanno anche i palati più raffinati. Ultimo, ma non ultimo, il momento dell’aperitivo, una gradevole pausa prima della cena o dopo una giornata di sci (qualche esempio: Trentodoc con la tradizione ladina del Marascon, con i salumi e formaggi locali, o con le polpette!).
Trentodoc sulle Dolomiti nasce per far conoscere il metodo classico trentino nelle più importanti località turistiche. Occasione unica per degustare le etichette Trentodoc avvolti dai paesaggi spettacolari della Val di Fassa, appuntamenti che vedono l’unione di natura ed enogastronomia: le più famose cime delle Dolomiti, da un lato, e l’espressione del territorio in un calice di Trentodoc, in abbinamento ai sapori locali, dall’altro.
Le migliori proposte Trentodoc e squisite ricette, da Canazei a Moena, da Pozza, Campitello, Vigo di Fassa, fino al Passo San Pellegrino, attendono tutti coloro che vogliono trascorrere un week end all’insegna del gusto e della qualità.
L’evento è realizzato dall’Istituto Trento Doc, in collaborazione con Apt Fassa.

PROGRAMMA
TRENTODOC SULLE DOLOMITI VAL DI FASSA
4-5-6-7 FEBBRAIO

L’APERITIVO

dalle 16 alle 20
ALBERGO INTERNATIONAL
APRESKI CON TRENTODOC, SALUMI E FORMAGGI DEL TRENTINO
Strèda Dolomites, 195
Centro Storico – Canazei
Tel 0462 601375

dalle 18 alle 21
BAR FALORIA
MARASCON EL SE ENCIOCA A TRENTODOC
Piaz de Sotegrava, 17
Moena
Tel 0462 573267

dalle 17.30 alle 19.30
EL PAEL
TRENTODOC E POLPETTE!
Strèda Roma, 58
Canazei
Tel 0462 601433

dalle 18 alle 20.30
ENOTECA VALENTINI
BOLLICINE DOLO”MITICHE”
Lungo Ruf de Antermont, 4
Canazei
Tel 0462 601134

I MENU’ STELLATI

a cena
L’CHIMPL DA TAMION
I PIATTI DELLO CHEF ABBINATI A TRENTODOC
La signora Katia Weiss racconta le bollicine di montagna
Strada de Tamion, 3
Vigo di Fassa
Tel 0462 769108

a pranzo e a cena
MALGA PANNA
TRENTODOC PASSIONE GOURMET
Il signor Michele Grossi racconta le bollicine di montagna
Strada de Sort, 64
Moena
Tel 0462 573489

I MENU’ DEL TERRITORIO

a cena
RISTORANTE FALORIA
Trentodoc e i doni di Poseidone
Piaz de Sotegrava,17 Moena
Tel 0462 573267

a pranzo e a cena
RIFUGIO FUCIADE
… E BOLLE DI MONTAGNA
Loc. Fuciade, 1
Passo San Pellegrino
Raggiungibile a piedi o concordando trasporto con il locale
Tel 0462 574281

dalle 18 alle 22
DELLA VILLA RESTAURANT
OSTRICHE E BOLLICINE TRENTODOC
Strèda Dolomites, 65,
Campitello di Fassa
Tel 366 9355483

a pranzo e a cena
EL FILO’
BOLLICINE TRENTINE E MENU’ A KM 0
Strèda Dolomites, 103
Pozza di Fassa
Parcheggio privato di fronte al ristorante
Tel 0462 763210

a cena
LA MONTANARA
Trentodoc e la cucina della mamma
Strèda Dolomites, 185
Centro storico – Canazei
Tel 0462 601593

a pranzo e a cena
LE GIARE
Trentodoc tra tipicità e biologico
Piaza del Malgher ,20
Pozza di Fassa
Tel 0462 764696

GLI ABBINAMENTI INSOLITI

dalle 10 alle 13
DELLA VILLA RESTAURANT
Brunch e Trentodoc
Strèda Dolomites, 65
Campitello di Fassa
Tel 366 9355483

a pranzo e a cena
STUA DEI LADINS
LA PIZZA DEL TRENTODOC
Via Streda de Pareda 37 Canazei
Tel 0462 600316

dalle 13 alle 21.30
SNOWTHRILL
PIZZA PIADA E TRENTODOC
Passo S. Pellegrino, 25
Moena
Tel 335 749 0363

Trentodoc, bollicine di montagna

La sua storia iniziò nei primi anni del ‘900 con Giulio Ferrari, studente all’Imperial Regia Scuola Agraria di San Michele, che dopo numerosi viaggi-studio in Francia, di rientro a Trento e per primo, nel cuore della città, diede il via alla sua produzione di metodo classico: piccola, ma di elevata qualità. Da allora molti lo seguirono, fino al riconoscimento della Denominazione di Origine Controllata “Trento” nel 1993, come prima in Italia riservata a un metodo classico. Trentodoc oggi unisce 43 produttori, è una realtà in costante crescita e ogni casa spumantistica persegue la sua personale filosofia, conferendo a questo metodo classico sfumature diverse, adatte a ogni gusto, occasione e abbinamento. Con un unico comun denominatore: la qualità.

Le viti adatte a diventare Trentodoc, prevalentemente coltivate a pergola trentina, crescono ad altitudini comprese tra i 200 e gli 800 metri, con un clima caratterizzato da notevoli escursioni termiche fra giorno e notte; viti e uva che una volta diventate vino, gli conferiscono come tratti distintivi eleganza, freschezza e persistenza. Trentodoc può anche fregiarsi oggi di una “carta di identità” che certifica la sua origine e il suo legame con il territorio, frutto di una ricerca della Fondazione Mach di San Michele all’Adige, in collaborazione con il Ministero dell’Agricoltura e con l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia.

La qualità di Trentodoc “Bollicine di montagna” è affidata al disciplinare di produzione, che fissa rigidi canoni e controlli lungo tutta la filiera. Le uve dalle quali si ottiene sono Chardonnay, il cui vitigno è uno dei più coltivati in provincia (circa 26% della superficie vitata), Pinot nero, il Pinot bianco e Pinot meunier. La vendemmia è svolta manualmente e il “vino base” è affidato a una lenta maturazione in bottiglia, che varia da un minimo di 15 mesi a un minimo di 36 per la riserva ma arriva fino a 10 anni sui lieviti per i Trentodoc più raffinati ed evoluti.

Il marchio collettivo Trentodoc nasce nel giugno del 2007, al termine di un percorso che ha coinvolto rappresentati del mondo produttivo, delle istituzioni (in primis la Provincia Autonoma di Trento e Trentino Marketing) e la Camera di Commercio di Trento. Le due “O” contenute nel marchio, vogliono simboleggiare il gesto del “remuage”, tipico del metodo classico.

Ad occuparsi della promozione del marchio è l’Istituto Trento Doc, fondato nel 1984 che rappresenta oggi 43 case spumantistiche trentine.

www.trentodoc.com
Per maggiori informazioni:
Istituto TRENTO DOC I press.istituto@trentodoc.com I tel: +39 02 8733 4224

CONDIVIDI CON

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *