L’AWARD APRILE 2016 AI CONTADINI DI ROVERÈ DELLA LUNA

L’AWARD TRENTINO WINE BLOG di aprile 2016 – particolarmente prestigioso perché cade nella stagione di Vinitaly – è stato assegnato all’unanimità alla Cantina Sociale di Roverè della Luna – Kellerei Aichholz

Motivazioni

Il riconoscimento viene assegnato alla Roverè della Luna non per il suo ottimo Vervè, non per il suo ottimo direttore, non per il suo ottimissimo presidente, ma viene assegnata ai suoi contadini: ai viticoltori roveraideri.

Se non fosse per loro, questo blog non sarebbe lo stesso. Lo misuriamo dalle statistiche di accesso. Lo misuriamo dagli ip dei commentatori. Ma soprattutto lo misuriamo dal numero di commenti totalizzati da ogni post in cui viene tirata in ballo la più performativa cantina sociale del Trentino, luogo di cerniera fra la DOC TRENTINO e la DOC ALTO ADIGE. E’ sempre stato così, fin dai primi tempi del blog. Vi ricordate il dibattito scatenato dai post dedicati al Pinot Grigio roveraidero? E poi quelli più recenti sul Vervè. E quello di pochi giorni fa che mette a confronto i numeri della sociale trentina con quelli di St. Michael Eppan?

Da questo osservatorio ci pare di intuire, di vedere, che a nord della Piana Rotaliana, c’è un popolo contadino che partecipa alla vita del suo territorio, che si confronta, che dibatte. Che litiga, anche. Ma che lo fa sempre seguendo la bussola dell’identità territoriale e dello spirito cooperativo. Se questo accadesse anche in altre zone del Trentino, anche nelle zone più depresse del Trentino, saremmo a cavallo. Saremmo alla vigilia di un radicale cambiamento. Ma così non è.

Per queste ragioni Trentino Wine deve molto ai contadini di Roverè della Luna. E per questo assegna loro l’AWARD di aprile 2016

CONDIVIDI CON

4 Commenti

  1. paolo

    bravo questa volta concordo con te al 100/100 noi siamo quelli ai quali si nasconde quasi sempre tutto sempre bacchettati per errori altrui ,non sappiamo neppure cosa ci succedera’ domani figuriamoci quelle che saranno le strategie future , niente di niente se non ci fosse mamma Cavit zero assoluto.

  2. Tex Willer

    Grazie Cosimo del riconoscimento, verrai direttamente tu a consegnarci il tapiro…?
    Ma io penso che tu ti sbagli, non siamo noi i vincitori, gli stakeholder, quelli da invitare alle feste, ai brindisi felici,
    no, noi siamo quelli da tenere in disparte,
    isolati, meritevoli di filippiche perchè poco propensi alla qualità,
    siamo le pecore nere…
    sono ben altri che tengono in piedi il sistema.
    Comunque grazie e #seguiràbrindisi!

    Allegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *