LA CIPRIA E IL TERREMOTO

Non ce la facciamo proprio eh, a fare qualcosa per gli altri senza metterci di mezzo il mangiare, il bere e la festa. Penso alla gara disolidarietà che, a poche ore dal sisma, si è scatenata per raccogliere fondi per Amatrice a suon di pastasciutta.

Siccome non ce la facciamo a fare le cose gratis, abbiamo dovuto inventarci un’amatriciana caritatevole: un euro lo metti tu e uno lo mettiamo noi (noi, i ristoranti).

Siamo alla frutta, altro che amatriciana.

La cosa è ancor più urticante pensando a quei ristoranti che l’amatriciana te la fanno pagare 20 euro.

E allora qualcosa non mi torna: di fronte alla tragedia, prendere in mano una forchetta è qualcosa che va oltre il cattivo gusto. Di quel cattivo gusto di cui si veste spesso la beneficenza accoppiata alle cene di gala, dove un vestito indossato dalla bellona di turno vale più di quello che sarà raccolto. Questa non si chiama solidarietà, si chiama cipria. Della coscienza.

 

CONDIVIDI CON

12 Commenti

  1. MWG MWG

    Credo che chi ha voglia di essere solidale e contribuire per aiutare la ricostruzione e le popolazioni colpite abbia gli strumenti per farlo senza necessariamente ricorrere a pranzi, cene, gala etc. Penso anche io che sia l’ennesima scusa (o mezzo) per mettersi in mostra. Siamo sempre sul solito discorso, legato solo alla superficialità e all’apparenza.

  2. Bruno Bolognani

    Condivido,
    purtroppo questa è l’immagine vera, senza giri di parole, che all’estero percepiscono. La satira con relativa vignetta sarà anche pelosa, ma alla fine, se ci si pensa un attimo, non è costruita sul nulla, ma rappresenta molti di noi italiani. La raccolta fondi con l’amatriciana rappresenta la fantasia italiana, la furbizia in questo caso dei ristoratori – ma non solo – e la priorità dei valori popolari (la tavola con buona forchetta). Siamo questo nell’immaginario collettivo esterofilo è inutile negare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *