I QUARANT’ANNI DI LETRARI, I QUARANT’ANNI DI UN GRANDE VECCHIO

Qualche anno fa, era il 2011, Leonello Letrari, il Grande Vecchio del vino italiano, festeggiò i primi cinquant’anni dalla nascita della sua prima Bolla, lo stratosferico Equipe5 che dettò la moda e i modi del metodo classico di quegli anni, bottiglia di cui oggi resta solo il marchio controllato dalla Cantina Sociale di Soave. Sempre nel 2011 ricorrevano i 50 anni di compleanno di un’altra creatura di Leonello: uno dei grandi, grandissimi, bordolesi italiani, il Fojaneghe (Bossi Fedrigotti). Anche quel marchio e quel vino ora sono finiti in Veneto, nell’orbita di mister Amarone Sandro Boscaini, della Agricola Masi. Storie di vino e storie di impareggiabili successi commerciali. Una parte di questa storia la potete leggere qui.
Quest’anno, invece, il Grande Vecchio festeggia i 40 di fondazione, era il 1976, di una cantina tutta sua, la sua Cantina, alle porte di Rovereto, in Vallagarina. Una ricorrenza che non so ancora come la famiglia Letrari abbia deciso di celebrare durante questo 2017. Ad incaricarsi di aprire le danze di questo compleanno, però, ci ha già pensato la FIS – Federazione Italiana Sommelier del Trentino Alto Adige, sotto la regia di patron Fischetti.
Appuntamento giovedì sera alle 20 a Bolzano allo Scala Stiegl Hotel  di via Brennero 11, per una degustazione guidata da Mariaclara Menenti, docente di spicco di Fondazione Italiana Sommelier,  con la presenza di Lucia Letrari e del presidente FIS Raffaele Fischetti. Il panel di degustazione prevede una verticale da urlo:

Letrari Brut Riserva 2010
Letrari Brut Riserva 2009
Letrari Brut Riserva 2007
Letrari Brut Riserva 2006
Letrari Brut Riserva 2005
Letrari Brut Riserva 2001
Al termine di questa batteria in degustazione ci sarà una meravigliosa sorpresa.

Per info e prenotazioni consultare la pagina Facebook goo.gl/Je65vb – 333 667 4648 – fondazionesommelieraltoadige@gmail.com

CONDIVIDI CON

10 Commenti

  1. Federico Federico

    Peccato che la festa di un personaggio così importante dell’enologia trentina sia stata organizzata in Alto Adige, a Bolzano. Non dico a Rovereto, ma non si poteva fare almeno a Trento?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *