CARO ASSESSORE…: IL CORRIERE RILANCIA

Il nostro appello all’assessore Dallapiccola, questa mattina è stato rilanciato dal Corriere del Trentino. Enrico Orfano, che firma l’articolo, riassume bene i punti sostanziali della questione CVT versus Vignaioli Fivi.

 

 

 

 

 

CONDIVIDI CON

9 Commenti

  1. giuliano fago golfarelli giuliano fago golfarelli

    Domanda: chi lo elegge ?
    I Trentini assonnati e distratti o Donald Trump, la Raggi e Pisapia ? Magari è Mellarini con appoggio esterno di Dellai, sponda di Panizza con la benedizione dell’ assessore Dallapiccola che spesso non capisce neppure quello che dovrebbe fare.
    Perché non richiamare Iva Berasi, finita alle Terme e dintorni, con pace sua e di tutti noi ?
    Certamente è Matteo Renzi con un quasi appoggio del Manica – ma questa è solo una mia adigesca ipotesi di un povero cristo che si vanta di essere trentino Doc ma spesso nutre dei seri dubbi ! Soprattutto leggendo qui la verve dei residenti/combattenti/non più sponsorizzati.
    Quindi ……. dei poveri orfanelli.

    1. Non capisco, Giuliano perché tiri in ballo Renzi, Manica, Panizza, Dellai…etc. etc.
      Il cda di Consorzio lo eleggono i soci, e lo eleggono con voti che sono più pesanti o meno pesanti, a seconda delle quote di produzione e di imbottigliamento che rappresentano. In CVT, purtroppo, e dico purtroppo, la politica non mette becco: perché i poteri sono forti. Troppo forti. E chi tocca muore. O giù di lì.

      1. giuliano fago golfarelli giuliano fago golfarelli

        La politica non ci mette becco ?
        Da 60 anni ho sempre forti dubbi, forti, forti ma davvero forti ! Esempio: finchè i Piccoli soggiornavano in Bondone e con loro un sacco di gente assai nota al tempo, tutto bene.
        Oggi quando non ci sono i noti davvero ci sono gli ignoti in cerca di spazi e che saltano su come il “salvanèl”.

  2. Giuliano Giuliano

    L’ho già detto e lo ripeto:

    possibile che il presidente di Cavit debba essere anche presidente di Consorzio Vini del Trentino?

    Dobbiamo per forza concentrare gli incarichi su una sola persona?

    Abbiamo o no altri elementi spendibili in Trentino?

    1. Grazie per lo stimolo, Giuliano. Ma io non mi preoccuperei tanto del cumulo delle cariche, quanto del programma e del profilo del nuovo presidente. Un presidente come Lutterotti, per esempio, con la sua sensibilità per la sostenibilità, con alle spalle l’esperienza di Toblino e anche i buoni rapporti che in valle dei laghi ha intessuto con i vignaioli, mi piacerebbe. Certo dovrebbe scrollarsi di dosso tutta l’ingessatura della giacchetta che gli hanno messo in Cavit, perchè ora mi pare prevalga in Lutterotti questo profilo, anziché quello di presidente di Toblino.

      1. giuliano fago golfarelli giuliano fago golfarelli

        Non so perché ma storicamente mi sembra che la Cantina di Toblino rappresenti Omaha Beach, l’ultima spiaggia Cavit o giù di lì.
        Come il mio omonimo GP mi chiedo “Abbiamo o no altri elementi spendibili in Trentino?”
        E mi rispondo : pare proprio di no, perlomeno nel vino. Invece sui seggi della Provincia la rotazione è come al Grand Hotel : “gente che viene e gente che va” e visti gli stipendi che corrono ci vorrei sedere anch’io !

        1. Toblino, non è l’ultima spiaggia. Toblino è, secondo me, il più pregiato distretto viticolo del Trentino, poi arriva Cembra poi tutti gli altri. Lutterotti, come prima fu Bleggi, è una persona per bene. Che conosce bene il territorio, che ha le idee chiare, che ha dimostrato nei fatti – la sua cantina – che si possono fare cose buone e remunerative e restare dentro il sistema. Ora gli hanno messo addosso la giacchetta di gesso (e di lusso) di Cavit ed è diventato un altro: probabilmente interpreta questa sua nuova funzione. E intanto il dottor Zanonix gode. Come un riccio.

    2. Superciuk Superciuk

      Giuliano, mi sembra che tu abbia le idee abbastanza chiare, a partire dalla faccenda del cumulo delle cariche. Secondo te quale potrebbe essere il nuovo presidente di CVT? Hai un nome – nuovo e non cumulato – da spendere in pubblico?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *