IL SIGILLO DEL VULTURE

Aglianico del Vulture il Sigillo 2010 Cantine del Notaio, 14,0% vol. bloccato tra la neve qualcosa devo pur fare… .
Ricco, possente fin dall’impenetrabile color rubino. Naso profondo con netti richiami di prugne fresche, mirtilli, china, viola, piacevole cioccolatino al rum. Bocca sapida e succosa con tannino perfettamente integrati, finale su toni dolci; in sottofondo Paolo Conte, Via con me e formaggi stagionati.

LASCIA UN COMMENTO

3 Commenti

  1. Capisco il senso…..ma penso che ogni terriorio vada definito per quello che è..e non per comparazione. Sarebbe come dire che il Franciacorta è lo Champagne d’Italia… . Io sono un territorialista…non comparativo… perché le comparazioni nell’agroalimentare fanno comodo solo agli industriali.I

  2. Aspetto le tue opinioni sul loro Metodo Classico; di sicuro l’Aglianico Del Vulture è una DOC dalle grandi potenzialità. Alcuni, credo non a caso, lo definiscono “il Barolo del Sud” – titolo che vedrei abbastanza bene anche per il Taurasi campano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...